Semex, matricola con l'abito di gala al gran ballo della A1

Dal mercato degli oriundi si attende un ulteriore rinforzo sul monte di lancio. Occorrerà tempo per trovare l'amalgama di squadra. L'incognita delle mazze di legno

La campagna acquisti del neopromosso Baseball Club Codogno, targato anche quest'anno Semex Italia, ha suscitato numerosi consensi e apprezzamenti dagli addetti ai lavori: in effetti nessuno pensava a certi colpi di mercato, primo fra tutti l'acquisto di John Kelly. A Codogno poi l'esaltazione è ancora maggiore: facile capirne il motivo se si pensa che nell'ambiente, all'indomani della storica promozione ottenuta lo scorso anno, circolavano dubbi sulle reali possibilità economiche del club codognese per affrontare la serie A1. Dubbi spazzati via a colpi di mercato, per una campagna di rafforzamento che probabilmente è andata oltre le aspettative dei tifosi. Naturalmente ora si attendono le conferme del diamante, ma su queste basi la Semex Codogno non si rivelerà una semplice meteora nel massimo campionato. Certo, l'obiettivo non può che essere la salvezza, ma i presupposti sono quelli di raggiungerla con una certa tranquillità. Anche se le incognite non mancano, a partire dall'inesperienza dell'esordiente manager Daniele Carelli, cresciuto lo scorso anno come vice di Joseph Clemente e capace di ottenere la completa fiducia dei suoi dirigenti. Il presidente Salvatore Della Monica ed i suoi collaboratori hanno comunque cercato qualche giocatore veterano e di grande personalità, in grado di mettere la propria esperienza a sostegno di Carelli. In particolare sarà utile in questo senso Joel Lono, il quale peraltro potrà dare qualità sia alla batteria dei battitori sia al gruppo dei lanciatori. Il primo obiettivo della Semex era proprio quello di rinforzare il monte di lancio, da sempre sostenuto dal talento codognese Mariano Marchini, laureatosi anche lo scorso anno miglior lanciatore di serie A2, che tuttavia abbisognava di rinforzi di qualità per reggere l'impegno delle tre partite per ogni giornata di serie A1: sul fronte degli stranieri non si poteva probabilmente pescare elemento migliore di John Kelly. Per completare il pacchetto, comprendente anche la giovane promessa Valerio Bova che sino all'anno scorso militava in serie B ma è già nel mirino del baseball a stelle e strisce, si cerca un altro lanciatore di qualità sul mercato degli oriundi; la scorsa stagione peraltro ha evidenziato come ottimo rilievo sul monte di lancio pure Filippo Comelli, la cui riconferma equivale ad un importante acquisto per la Semex. Più difficile valutare il potenziale d'attacco della formazione codognese, che dovrà anche fare i conti con la fase di adattamento alle mazze di legno dei propri giocatori riconfermati. Per non parlare dell'amalgama di squadra, considerato che il maltempo di quest'ultimo periodo ha ridotto drasticamente il programma delle amichevoli programmato da Carelli e dal resto del suo staff tecnico: insomma, al di là delle teorie, per conoscere e valutare la vera Semex non basterà la prima di campionato.

Informazioni su Daniele Perotti 42 Articoli
Laureato in Relazioni Pubbliche alla Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, Daniele è dal 19 maggio 1997 giornalista pubblicista e collabora con la “Libertà” di Piacenza (dal 1994) e “Il Cittadino” di Lodi (dal 1995).

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.