Il Bbc Grosseto “liquida” Stefano Cappuccini

Banchi: “Non ha accettato le nostre proposte”. Mazzieri: “Se deve sedere in panchina è meglio che vada via”

Divorzio tra Stefano Cappuccini e il Bbc Grosseto. «Non l'ho voluta io questa trattativa – ha detto Cappuccini – ma sono stato praticamente costretto ad andarmene». Questi i retroscena: «Ho ricevuto una telefonata dal presidente della Fiorentina Vita e dal manager Bellomo che mi informavano degli allenamenti. Gli ho risposto che ero in attesa degli eventi di Grosseto ma mi confermavano che avevano trovato l'accordo con il presidente Banchi e che ero stato già venduto. Nessuno della società mi ha avvertito ed è questa la cosa che mi ferisce di più».
«Ho capito di non rientrare più nei piani della società – continua Cappuccini – quando l'offerta dei rimborsi che la società mi ha fatto era esattamente meno della metà dello scorso anno. Comunque potrei anche decidere di smettere definitivamente». Cose, purtroppo, suffragate dalle parole del presidente Claudio Banchi e del manager Mazzieri: «Non ci sono margini di trattativa – dice Banchi – perché non ha accettato le proposte che a noi sembravano eque». «Non posso decidere sugli aspetti economici della società – ha detto invece inequivocabilmente Mazzieri – anche se io avevo detto che il roster dello scorso anno era confermato in toto. Stiamo chiudendo con un forte battitore straniero che gioca sia all'esterno che ricevitore e se la trattattiva dovesse andare a buon fine (a giorni l'annuncio) posso consigliare a Stefano di accettare le proposte della Fiorentina: un giocatore bravo come lui in panchina sarebbe sacrificato».
E' un giorno triste per il baseball maremmano. La storia Cappuccini si chiude così, con il giocatore più talentuoso, più stravagante e senza dubbio tra i più sinceri che va a cercar fortuna e credibilità a Firenze, dopo l'«errore» (come lui ha sempre ammesso, ndr) della prima partenza per Bologna quando era poco più di un ragazzo. La storia si ripete. Quanto sta avvenendo con Cappuccini era già accaduto con giocatori come Vecchi e Secciani, lasciati andare via senza che fosse stato fatto di tutto per trattenere quel valore aggiunto che non tutti, giocatori, ex giocatori, dirigenti possono dire di aver avuto: la classe.




Informazioni su Matteo Alfieri 29 Articoli
Matteo Alfieri, 28 anni, laureato in lettere all’università di Firenze, segue come giornalista da circa tre anni le sorti del Bbc Grosseto e del Rosemar, nella redazione sportiva del "Il Tirreno" dove è collaboratore.Attento alle vicende del batti e corri da sempre ha fatto anche parte dell’ufficio stampa della Coppa delle Coppe di baseball che si è svolta a Grosseto nel giugno 2000.E’ redattore della rivista "Playball – il magazine del baseball e softball italiano".Collabora inoltre, come opinionista televisivo, nell’emittente televisiva "Teletirreno" di Grosseto.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.