Nènèisti del batticori unitevi!

Da Andrea Farabegoli riceviamo e integralmente pubblichiamo

PREMESSA: il nénéismo è il movimento che raccoglie coloro che non stanno né di qua né di là.

A due settimane dall’otto dicembre, data fissata per le elezioni suppletive dell’organo di governo della FIBS, la tentazione al nénéismo è forte. Cinque candidati alla Presidenza Federale sono veramente molti, a conferma dello stato di confusione nel quale versa il nostro movimento. Personalmente, per ragioni che non approfondisco per motivi di spazio, credo che alla fine la corsa alla massima carica federale si restringa a due candidati. Infatti il sig. Ceccotti ha un legame baseballistico troppo antico per far pensare che possa conoscere i problemi che ci affliggono oggi. Inoltre sembra appoggiato dai due vicepresidenti dell’ultimo Consiglio Federale che molti considerano i principali responsabili dell’insuccesso della gestione ‘Dalla Noce”. La candidatura del sig. Linciano sembra assumere le sembianze di una raccolta punti fedeltà (non prendertela Bruno, la mia è solo una battuta di spirito). Infine il sig. Vita, sceso dal ‘pulmino” del gruppo aperto per motivi più che rispettabili, senza l’appoggio dei professionisti che sono rimasti sul ‘pulmino” non dovrebbe nutrire troppe speranze. Così rimangono il sig. Bertani e il sig. Fraccari (in ordine rigorosamente alfabetico). Due personaggi noti e che conoscono molto bene la macchina federale: il primo è stato Vice Presidente di Notari; il secondo, seppur spesso critico verso Notari, era stato da questi designato suo potenziale Delfino. Inoltre entrambi stanno producendo un buon programma elettorale (ma i buoni programmi non sono difficili da fare). Allora per chi votare? I motivi che possono condizionare la scelta sono molti: per il più simpatico, per chi fa le promesse elettorali più belle, per chi parla o veste meglio, per chi… Al nénéista i motivi interessano poco, tanto che vinca l’uno o l’altro il risultato sarà lo stesso. Cosa dovremmo fare allora per risollevare le sorti dello sport che amiamo così tanto, dopo la delusione di un rinnovamento cominciato il 21 gennaio e scomparso nello spazio di un mattino? Secondo me la risposta è una sola. Non dobbiamo dare troppa importanza al Presidente. Perché sarebbe pericoloso. Perché per avere un Presidente importante ci vuole una persona dal carattere forte, decisionista, carismatica. E se non sbaglio questa esperienza l’abbiamo già fatta a lungo e ne siamo voluti venire fuori. Allora quel che ci serve è che sia il Consiglio Federale ad essere forte. Non un Consiglio Federale di yes-men (o meglio: yes-people visto che ci sono anche donne) come abbiamo sempre avuto. Perché finché c’è un Presidente forte il Consiglio Federale non serve, ma l’esperienza Dalla Noce insegna che senza Presidente un Consiglio Federale inconsistente è deleterio. Quindi il mio appello per l’otto dicembre è: attenzione al secondo giro di votazioni. Bisognerà guardate attentamente a chi si dà la preferenza tra i candidati Consiglieri. Sicuramente quel giorno ogni candidato alla Presidenza farà girare delle liste con i nomi che vorrebbe fossero eletti con lui. Cinque candidati, cinque liste. Non è difficile immaginare che in ognuna di queste liste ci saranno nomi ‘buoni” e nomi di yes-people. E magari ci saranno anche nomi di ‘buoni” candidati che non appariranno in alcuna lista (del resto su 70 candidati ci sarà pure qualcuno ‘buono”!). Sarebbe bello se chi va a votare non considerasse queste liste. Sarebbe bello che i Consiglieri Federali non venissero votati perché ‘l’ha detto il capo”, ma perché sono persone di comprovata capacità a prescindere dalla lista di appartenenza. Sono convinto che la FIBS abbia bisogno di un Presidente di esperienza (e Bertani e Fraccari in questo senso sono una certezza). Ma sono oltremodo convinto che abbia più bisogno di Consiglieri non coinvolti nei giochi di potere e desiderosi di lavorare per il bene di tutti. Ancor più sono convinto che servano pochi rappresentanti delle società di serie A e molti che rappresentino invece la base del nostro movimento (serie minori e giovanili). E per movimento intendo sia il Baseball, sia il Softball, sia l’Amatoriale. Sono sicuro che queste persone esistono, ma saranno ‘sparse” tra le varie liste. Con chi condivide queste mie certezze mi piacerebbe cominciare ad analizzare i candidati Consiglieri Federali per individuare chi potrà meglio aiutare il nuovo Presidente.



Andrea Farabegoli

Presidente del Baseball e del Softball Cesena

Ex Presidente FIBS dell’Emilia Romagna

Primo dei non eletti al Consiglio Federale nelle elezioni del 21/1/01

Candidato al Consiglio Federale nelle elezioni dell’8/12/01

e-mail: andfarab@tin.it

Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.