“Win-or-die”, si comincia con Washington-Milwaukee

Scatta stasera la post-season 2019 con la sfida tra Nationals e Brewers cui seguirà, domani notte, l’altro match per la wild-card tra Athletics e Rays. Il valzer dei manager in MLB: Brad Ausmus saluta gli Anaheim Angels dopo una sola stagione

Washingtonpost.com
Max Scherzer
© Washingtonpost.com

Prende ufficialmente il via stanotte la post-season 2019 con la prima delle due gare di wild-card (da quando è stata istituita, sette anni fa, solo i Giants hanno poi trionfato alle World Series 2014 dopo averla conquistata). Saranno i Nationals (93-69) contro i Brewers (89-73) contendersi a l’accesso alle Division Series della National League in una gara “win-or-die” che si disputerà a Washington. I “Crew” a settembre hanno perso uno dei loro migliori giocatori, l’esterno Christian Yelich, che salterà i play-off per un brutto infortunio al ginocchio destro, ma ciò nonostante i suoi compagni hanno disputato un mese strepitoso chiudendo con successo la rimonta sui Cubs per la conquista del secondo slot utile per giocarsi questa chance. Restano dubbi sul “crollo” psicologico che ha portato i Brewers ad accontentarsi, perdendo le ultime tre gare di campionato contro i non irresistibili Rockies, e accettando la seconda piazza nella Central Division dove alla fine il ritardo sui Cardinals è stato di appena due vittorie. I Nationals invece dopo un poco brillante inizio di stagione (19 vittorie e 31 sconfitte dopo le prime 50 partite), hanno trovato la giusta alchimia e hanno chiuso la regular season con 8 vittorie consecutive (nove nelle ultime 10). I partenti saranno Max Scherzer (11-7, 2.92 media PGL) per i padroni di casa e Brandon Woodruff (11-3, 3.62 media PGL) per gli ospiti. Scherzer è completamente guarito dai problemi a schiena e spalla nella seconda metà della stagione e ha registrato strike-out a due cifre in ciascuna delle sue ultime due uscite. L’ex vincitore del Cy Young Award, che ha ottenuto 10 strike-out nei sei inning lanciati in questa stagione contro Milwaukee, nelle 16 gare di post-season giocate in carriera (13 partenze) ha complessivamente ottenuto 4 vittorie e 5 sconfitte con una media PGL di 3.73 in 16 partite. Brandon Woodruff, a due mesi dal rientro per infortunio, ha al suo attivo 4 inning, senza valide. Per questo si prevede che la sua presenza in partita non sarà tanto profonda e sarà pertanto molto importante l’apporto del bullpen. Il 26enne lanciatore destro in 4 apparizioni in gare di play-off ha messo insieme 1 vittoria ed 1 sconfitta con una media PGL di 1.46. Per Milwaukee oltre a Christian Yelich resta in dubbio la presenza di Lorenzo Cain, reduce da un infortunio alla caviglia, mentre Washington con il recupero del catcher Kurt Suzuki è a ranghi completi. I Brewers hanno vinto 4 delle 6 partite complessivamente giocate contro i Nationals, ma solo una realizzata a Washington.

Domani notte sarà invece la volta della sfida per la wild-card della American League dove si affronteranno gli Athletics (97-65) e i Rays (96-66). La partita si disputerà all’Oakland Coliseum dove la squadra di casa ha pareggiato 2-2 la serie da 4 disputata lo scorso giugno. Complessivamente il conto tra le due franchigie in stagione regolare parla di 4 vittorie di Oakland contro le 3 di Tampa. Gli A’s si sono trincerati nel silenzio e ancora non hanno ufficializzato il roster che disputerà la post-season e tantomeno il nome del partente, a differenza di Tampa Bay che invece si affiderà a Charlie Morton. “Groung Chuck” ha esperienza da vendere ed ha vissuto una bellissima stagione chiusa con 16 vittorie e 6 sconfitte ed una media PGL di 3.05, la terza migliore della AL (dopo Gerrit Cole e Justin Verlander). In post-season ha messo insieme 7 apparizioni con 2 vittorie e altrettante sconfitte ed una media PGL di 4.60. Tornando ai padroni di casa, possibile partente potrebbe essere il mancino Sean Manaea, che è 4-0, con una media PGL di 1.21 nelle 5 gare giocate quest’anno, di ritorno dall’intervento chirurgico subito durante le scorse off-season. In alternativa gli A’s potrebbero optare per il veterano Mike Fiers, che in casa ha chiuso la stagione regolare con 9 vittorie e una media PGL di 2.90 (15-4, 3.90 di media PGL complessivi). I Rays hanno nella lista infortunati i rilievi Jose Alvarado e Hoby Milner, mentre è in dubbio il seconda base Eric Sogard. Per Oakland invece, oltre al partente Gossens, fuori gioco dall’inizio della stagione, sono out i rilievi Blake Treinen e Lou Trivino.

Nel frattempo continuano a “piovere” gli esoneri dei manager. Dopo il licenziamento di Clint Hurdle dei Pittsburgh Pirates e dopo la decisione di non rinnovare il contratto a Joe Maddon, arriva il terzo “addio”. Si tratta di Brad Ausmus, che dopo una sola stagione, saluta gli Anaheim Angels con un mesto record di 72 vittorie e 90 sconfitte. Sostituire Mike Scioscia non era assolutamente cosa da poco, ma raggiungere il maggior numero di sconfitte in stagione negli ultimi 20 anni non ha aiutato il 50enne ex-manager dei Tigers. Alcuni rumor raccontano che in realtà la decisione sia stata presa subito dopo aver avuto la certezza che Joe Maddon non rinnovasse il contratto con i Cubs, cosa che peraltro ha solleticato le fantasie anche dei New York Mets, che nonostante abbiano chiuso la stagione con 86 vittorie e 76 sconfitte (il miglioe record dal 2016 e il terzo migliore degli ultimi 11 anni), vedono Mike Callaway in bilico, visto anche i non più idilliaci rapporti con il GM Brodie Van Wagener. In dubbio anche la riconferma di Gabe Kapler, manager dei Philadelphia Phillies dal 2018 e che ha chiuso la stagione con un deludente 81-81 che, se da una parte rappresenta il miglior risultato della franchigia dal 2012, è sotto le aspettative visti gli innesti delle scorse off-season.

 

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 466 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.