Olanda prima finalista: la Spagna s’arrende dopo una battaglia di lanciatori (1-0)

Gara straordinaria per le regine della rassegna continentale di Hoofddorp 2016, grazie ai lanciatori Sacramento, Markwell e De Blok (appena 9 valide ai due line-up). Gli orange si giocheranno l’ennesimo titolo domenica alle 19, gli iberici alle 15 per il bronzo

Detroitnews.com
Tom De Blok il lanciatore vincente dell'Olanda
© Detroitnews.com

L’Olanda è la prima finalista agli Europei di Bonn e Solingen, in Germania. I campioni continentali in carica hanno dovuto però aspettare l’ultimo inning per piegare (1-0) una Spagna che, con una difesa perfetta, e un Lowuin Sacramento quasi intoccabile, ha giocato alla pari con la corazzata guidata da Evert ‘T Hoen, che già nella finale 2016 di Hoofddorp aveva avuto ragione delle Furie Rosse in finale. Le due teste di serie della rassegna tedesca hanno insomma rispettato le attese della vigilia, mettendo in piedi una gara bellissima, dominata dai lanciatori (per l’Olanda è partito Diegomar Marwell, rimasto in pedana 3 riprese) e dalle difese. Alla fine gli spagnoli hanno fatto registrare un lieve predominio (5 valide a 4),  anche se solo al secondo e al nono attacco sono andati vicini al vantaggio. L’Olanda, tenuta bene a freno da Sacramento, ha sfruttato a dovere la valida di Daal, per segnare il punto della vittoria di Sams, che vale la qualificazione alla finale di domenica alle 19. La prima hit della partita arriva al 2° inning: un doppio di Franco che porta in terza Galvan, messo in base da Markwell. L’Olanda evita il punto con il “F9” su Ochoa.

L’Olanda riesce ad interrompere la no-hit dell’ex lanciatore del Montepaschi Grosseto alla terza ripresa: Sams, in base per ball, va in terza sul doppio di Polonius, ma un doppio gioco difensivo sulla battuta di Daal chiude l’inning. I campioni d’Europa tornano a toccare in valido Sacramento al sesto, con un doppio a destra di Kemp. La difesa della Spagna, però, fa buona guardia: strike out Polonius, preso al volo Daal, eliminazione in diamante per Bernardina. Nella stessa ripresa ha battuto un singolo Bethencourt, ma senza seguito.

Dwayne Kemp (www.henkseppen-fotos.nl)

L’OLANDA SBLOCCA. All’ottavo l’Olanda apre con un singolo di Sams, in seconda sul bunt di sacrificio di Kemp. Luis Sojo va a fare due chiacchiere con il suo lanciatore e decide di confermarlo. La mossa sembra azzeccata: Polonius finisce al piatto. L’Olanda sblocca il risultato subito dopo con il singolo a sinistra di Daal che porta a casa Sams. A questo punto finisce la straordinaria gara di Sacramento: appena quattro valide, 2bb e 5so con 99 lanci in 7.2 riprese. Al suo posto sale sulla collinetta il nettunese Ricardo Hernandez che mette in base per ball Bernardina, ma, dopo la rubata di Daal,  lascia al piatto Smith. Cambia anche l’Olanda nel nono attacco di difesa: Juan Sulbaran sostituisce De Blok (2bv-4so in 5rl con 60 lanci). Il closer orange è riuscito nel compito di salvare la vittoria dei campioni, anche se con qualche brivido: dopo il primo out ha messo in base per ball Angulo e, dopo lo strike out di Ustariz, ha subito un singolo a destra di Galvan, che ha portato i corridori in prima e seconda. A far brindare gli olandesi è stato il seconda base Daal che ha raccolto la battuta di Jesus Martinez e l’ha girata a Smith per il terzo out.

IL TABELLINO

I RISULTATI

 

 

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 360 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.