Campionato, un affare per quattro. Ma per la “griglia” play off occhio alle sorprese

Luca Servidei nel box a Nettuno. Ha chiuso a 6/8 (Foto pagina facebook Godo baseball)

Il passo falso della capolista Unipol Sai Bologna, la Sipro Nettuno che continua a mettere a segno “doppiette” (è la terza di fila) e si conferma al secondo posto, San Marino e Parma Clima che si dividono la posta e sono ben salde in zona play off. Redipuglia che si toglie la soddisfazione di battere i campioni d’Italia in carica e Godo che pur sconfitto due volte in riva al Tirreno, allo “Steno Borghese”, si coccola i fratelli Luca e Marco Servidei. Il tutto condito dal maltempo che ha costretto a spezzettare la seconda giornata di ritorno del massimo campionato

Ma andiamo con ordine: Bologna incappa in una sconfitta inattesa contro Redipuglia e dimostra di avere una squadra “umana”, capace anche di perdere insomma. Certo, essere avanti 6-0 al quarto inning di gara uno, vedere la partita cancellata e doverla riprendere ha forse pesato sui felsinei, parsi però “leggeri” sul monte ma in grado di rifarsi poi nel secondo incontro senza storia e con una “one hit” divisa fra Rivero (10 k in sei inning), Noguera e Gouvea.

A Nettuno la Sipro, come sempre, concede troppi punti agli avversari: avanti 8-0 grazie al quarto inning da 5 punti costruiti con i fuoricampo di Nicola Garbella (da 2) e Peppe Mazzanti, i ragazzi di Villalobos hanno tremato quando gli ospiti hanno restituito i 5 punti segnati, al settimo inning, e Teran è entrato a togliere le castagne dal fuoco. In gara due Sipro subito avanti, pari del Godo al terzo, poi i nettunesi dilagano e Richetti può siglare senza problemi la vittoria dal monte. Dicevamo dei fratelli Servidei: Marco ha messo a segno un 4 su 4 in gara uno, Luca in gara 2 che unito alle valide battute il giorno prima fa 6/8 nel fine settimana. Segno, come fa notare la società, che un vivaio ancora esiste… E meno male.

Molto attesa – e finita in parità – la sfida tra Parmaclima e San Marino. Vincono i “titani” in casa dei ducali, restituiscono il “favore” i parmensi ai quali bastano 2 punti nel primo inning (e 5 valide in tutto) ripreso dopo l’interruzione per maltempo per vincere l’incontro. Al “Cavalli” la squadra di Chiarini aveva battuto 11 valide per far propria la partita, lasciando la bellezza di 11 uomini sulle basi e “accontentandosi” di un 3-0 finale.

La situazione generale? Vicenda solo delle prime quattro la post season, tutte le sfide da qui alla fine serviranno solo a definire in che modo Bologna, Nettuno, San Marino e Parma si “incroceranno” nei play off. A decidere la griglia, attenzione, saranno anche le sfide con le tre che sono dietro e vogliono fare qualche sorpresa per dare un senso al loro campionato.