Wheeler trascina i Mets

Il lanciatore partente protagonista della seconda vittoria consecutiva di New York su Philadelphia. I Red Sox non escono dalla crisi

Wikimedia Commons
Zack Wheeler
© Wikimedia Commons

Nello scontro al vertice della East Division di National League tra Phillies e Mets, il fuoricampo del momentaneo 4-0 dei “Metropolitans” (gara poi terminata 9-0), è stato realizzato dal lanciatore partente di New York Zack Wheeler. Si tratta di un “home-run” particolare per due motivi. Il primo riguarda personalmente il 28enne, capace di realizzare nella stessa partita un lancio ed un fuoricampo da oltre 100 miglia orarie, per la precisione 100.6 mph il primo, 101.4 mph il secondo (fonte Statcast), il secondo riguarda la sua franchigia visto che i Mets sono diventati la prima squadra a realizzare fuoricampo da 3 diversi lanciatori nelle prime 25 partite della stagione. Nel giorno della sua 100esima partenza in carriera Wheeler chiude la gara con una vittoria, 11 strike-out, un doppio ed un fuoricampo per complessivi 3 punti portati a casa. Dopo queste prime due partite della serie da tre vinte a Philadelphia, i Mets guidano la East Division con 13 vittorie e 10 sconfitte con i Phillies a -1 ed il duo Atlanta – Washington a -1.5.
Anche nella Central Division di NL regna grande equilibrio, ed anche qui ci sono ben quattro squadre su cinque ad un’incollatura una dall’altra. I Cubs mettono insieme il miglior break della settimana in MLB (in condominio con gli Yankees), e con 8 vittorie nelle ultime 10 gare si portano a meno 2 dalla vetta raggiungendo i Brewers che di contro appaiono in flessione visto che nello stesso periodo ne hanno vinte soltanto 3. Il girone adesso è nelle mani di St.Louis (14-9, il miglior record del “Senior Circuit”), che nel frattempo ha vinto due delle tre partite interne proprio contro Milwaukee, con la terza in programma per questa notte. Tra Cardinals ed il duo Cubs-Brewers si sono infilati i Pirates che nonostante al terza sconfitta consecutiva sono a -1 dalla vetta. Pittsburgh si sta ritagliando un inaspettato ottimo inizio di stagione grazie soprattutto ad un monte di lancio secondo nella MLB come media PGL (2.97) e “Quality Start” (15).
Nella West DIvision sono sempre i Dodgers a guidare il gruppo con 15 vittorie e 10 sconfitte. Il 3-1 con il quale si sono imposti a Milwaukee rende l’idea sullo stato di forma della franchigia di Los Angeles che adesso sta disputando la serie da 3 al Wrigley Field di Chicago, dove ha perso gara1. Dietro di loro il duo San Diego – Arizona segue a -1.5. Menzione particolare per Colorado che ha festeggiato la 1000esima valida di Arenado che lo scorso 22 aprile ha realizzato le 3 che mancavano per raggiungere l’agognato obiettivo che solo 8 giocatori dei Rockies avevano raggiunto prima di lui. Due doppi ed un fuoricampo che hanno portato alla sua franchigia la settima vittoria nelle ultime 10 gare.
In American League sembravano risorti i Red Sox, che nella serie da 3 a Tampa contro i leader della East Division di American League si sono regalati uno sweep che sembrava potesse dare il via alla stagione dei campioni in carica. La spinta è partita senza dubbio dalla rotazione dei partenti, che pian piano stava riprendendo i suoi ritmi passando da una media PGL di 8.79 dei primi 13 match della stagione, ad un più riguardoso 3.21 ottenuto nelle successive 9 partite. Era già qualcosa, sufficiente a far tornare in positivo il rapporto vittorie/sconfitte, che nonostante lo sweep subito nella miniserie da 2 a New York contro gli Yankees, nelle ultime 9 gare parlava di 5 vittorie e 4 sconfitte. Poi la doppia sconfitta di questa notte al Fenway Park contro Detroit (4-7 in gara1 e 2-4 in gara2), ha rimesso tutto in discussione. L’unica nota positiva il primo fuoricampo in carriera del 23enne terza base Michael Chavis, la nota negativa (l’ennesima di questo disastroso avvio di stagione), è una notizia vecchia di qualche giorno e riguarda lo stop forzato del partente Nathan Eovaldi, che dovrà subire un’artroscopia al gomito destro. Al momento il ritardo dalla vetta, sempre in mano ai Rays con 16 vittorie e 8 sconfitte (il miglior record della MLB), è di 7 vittorie. Dietro Tampa ci sono gli Yankees, che con 8 vittorie nelle ultime 10 partite si sono portati a -2.5, ed i Blue Jays a -5.
Nella Central Division i Twins, dopo aver perso 1-3 la serie da 4 interna contro Toronto, vincono 3-0 la serie a Baltimore e sono 1-1 a Huston contro gli Astros. Questo cammino li ha portati in vetta alla Central Division di AL con 13 vittorie e 8 sconfitte, con il duo Cleveland – Detroit appaiate a -1.5. Entrambe le inseguitrici sembrano avere il reparto offensivo in difficoltà. I Tigers, nonostante la doppia vittoria a Boston sono 23esimi nella media battuta (.230) ed ultimi nel numero di fuoricampo (13). Gli Indians sono al penultimo posto nella MLB nella media battuta (.210), e 28esimi nel numero di fuoricampo prodotti (16).
Nella West Division la settimana ha visto brillare la “lone star” di Texas che vince 2-1 la serie interna del derby di Stato contro gli Astros dopo aver realizzato il cappotto agli Angels nella serie da 3 giocata ad Arlington. Adesso i Rangers, che questa notte devono evitare il cappotto ad Oakland dopo aver perso le prime due gare della serie da tre contro gli A’s sono terzi con 12 vittorie e 10 sconfitte a -2 da Seattle, leader del girone con 16 vittorie e 10 sconfitte. A 0.5 dai Mariners invece ci sono gli Astros che, pur non essendo al massimo della forma, detengono il miglior record della MLB nella media battuta (.280) e nel WHIP (1.06 nella statistica che calcola il numero di basi per ball e valide concessi da un lanciatore per ogni inning lanciato).

Segui live la Major League su DAZN. Attiva subito il tuo mese gratis

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 449 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.