Un finale pirotecnico per conquistare la post season

A poco più di un mese dal termine della stagione regolare Cleveland, Boston e New York sembrano virtualmente già ai play-off. Le sfide più calde per "conquistare" Ottobre

A circa trenta partite dal termine della stagione regolare prosegue serrata la lotta per la conquista di uno slot nelle post-season. Il campionato non ha ancora emesso sentenze e si preannuncia un finale a dir poco pirotecnico. Unica ad eccezione la Central Division di AL dove Cleveland non sembra avere problemi a controllare le dirette concorrenti. Con 74 vittorie e 56 sconfitte gli Indians hanno creato una distanza siderale con Minnesota che ad oggi resta dietro di ben 13 vittorie, ed ancor di più con Detroit, terza forza del girone, oramai a -21.5. Il roster di Francona ha conquistato virtualmente il suo terzo “pennant” consecutivo già a metà campionato e nel suo ultimo anno con “Chief Whaoo” sulle divise sembra già pronta per onorare al meglio i play-off. Compito reso ancora più arduo dal fatto che i “Tribe” con tutta probabilità si schiereranno sulla griglia con il peggior record della American League oltre al fatto che la mancanza di avversari ha reso la squadra poco avvezza a giocare con la pressione addosso.

La lotta per la East Division è circoscritta due sole franchigie, entrambe con un record talmente alto da essere in assoluto le migliori di tutta la MLB: i Boston Red Sox, unica squadra ad aver raggiunto le 90 vittorie (90-42, .682), ed i New York Yankees (83-48, .634). La distanza tra le due storiche rivali è di 6.5 a vantaggio dei “BoSox”, ma gli “Yanks” sembrano più in forma. Nelle ultime 10 gare il roster di Aaron Boone ha vinto 8 volte mentre i ragazzi di Alex Cora soltanto 4, ed hanno appena subito uno sweep a Tampa Bay dai Rays (terza forza del girone a -19.5, in striscia positiva da 8 partite consecutive). Le due squadre si affronteranno ancora a New York tra il 18 ed il 20 settembre e poi a Boston tra il 28 ed il 30 settembre nella serie che chiude la stagione e che potrebbe determinare il vincitore della Division. Sembra comunque certa la partecipazione di entrambe le franchigie alle prossime post-season visto che la seconda classificata dovrebbe arrivare a vincere la Wild Card senza grossi problemi.

Un ritorno di fiamma degli Astros riporta Houston in vetta solitaria alla West Division della AL. I campioni in carica sembravano destinati ad una stagione sulla falsa riga di quella che sta vivendo Cleveland, invece prima Seattle ed ora Oakland stanno disturbando seriamente il cammino dei texani. Addirittura gli A’s per ben due volte sono riusciti a condividere la prima posizione in questo mese ma il roster di A.J. Hinch sembra essere tornata in forma smagliante ed è in striscia positiva da 6 partite. Dopo ver vinto due partite a Seattle (nella serie vinta 1-2), gli “’Stros” hanno “sweeppato” gli Angels a Los Angeles e vinto gara1 proprio contro Oakland nell’ultima serie che vede di fronte le due rivali in questa stagione. La classifica adesso parla di un vantaggio di +2.5 di Houston (81-60), sugli Athletics (79-53), con i Mariners ormai lontanissimi a -7.

La Wild Card di American League vede al momento gli Yankees avanti a tutti con Oakland che occupa la seconda e ultima posizione utile al passaggio alle post-season. Gli Athletics hanno un vantaggio di 4.5 su Seattle, terza in classifica ed una distanza di 4.5 da New York. Nonostante le otto vittorie consecutive Tampa Bay è a -8.5 ed appare molto difficile un suo reinserimento nella lotta per i play-off, anche se la MLB ci ha regalato rimonte ben più difficili nella sua storia.

Anche in National League la situazione è tutt’altro che definita. Il miglior record della lega appartiene ai Chicago Cubs (77-53, .592), che sembrano aver centrato in pieno due acquisti estivi. Cole Hamles ha dato solidità alla rotazione dei partenti e Daniel Murphy ha aggiunto un peso specifico determinate per l’attacco del roster di Joe Maddon che con una striscia positiva in corso di 6 vittorie consecutive sta provando a distanziare i rivali della Central Division. Ad oggi i “North Siders”, alla ricerca del terzo pennant consecutivo, vantano un vantaggio di 4.5 sui St.Louis Cardinals (73-58), ai quali il cambio di manager sembra aver giovato considerevolmente tanto da aver superato i Milwaukee Brewers (73-59) al secondo posto ed aver acquisito una buona posizione nella corsa alla Wild Card. Dallo scorso 15 luglio, giorno nel quale Mike Shildt ha rilevato Mike Matheny, i “Cards” hanno messo insieme 26 vittorie e 12 sconfitte (un record da .684, superiore anche a quello dei Boston Red Sox), facendo preoccupare e non poco i fan dei Cubs, storici rivali della franchigia del Missouri. Nelle ultime sei partite della stagione i Cardinals ospiteranno prima i Brewers per poi chiudere la regular season a Chicago. I Cubs ed i Brewers invece si affronteranno Milwaukee per due volte: la prima a Milwaukee tra il 3 ed il 5 settembre e la seconda a Chicago tra il 10 ed il 12 settembre. settembre

Situazione più ingarbugliata nella West Division di NL dove gli Arizona Diamondbacks sono avanti a tutti con 72 vittorie e 59 sconfitte. Dietro di loro Colorado (71-60) a -1 e Los Angeles (70-61) a -2 rendono molto incerta l’assegnazione del “pennant” dell’unica Division della MLB ad avere una lotta a tre così serrata. I Dodgers dopo aver subito uno sweep interno contro St.Louis si è rifatta imponendo un cappotto ai Padres, hanno un finale di stagione tutt’altro che agevole. Tra il 30 agosto ed il 2 settembre ospiteranno Arizona in una avvincente serie da 4 che poi si ripeterà a Phoenix tra il 24 ed il 26 settembre (serie da 3). Nel mezzo i Dodgers andranno in Colorado tra il 7 ed il 9 settembre ed ospiteranno i Rockies tra il 17 ed il 19 settembre. I “Rox” ed i D-baks incroceranno mazze e guantoni tra il 10 ed il 13 settembre a Denver e tra il 21 ed il 23 settembre a Phoenix.

Più semplice la sfida per la conquista della East Division di NL dove Atlanta e Philadelphia, le due più grandi sorprese di questa stagione, si stanno contendendo il titolo a dispetto dei Washington Nationals, relegata a terzo incomodo a – 8 dalla vetta, forse la più grande delusione di questa stagione. I Braves (73-57) sono avanti a tutti con i Phillies in netto calo (solo 3 vittorie nelle ultime 10 gare), che seguono a -3.5 con 70-61. Le due franchigie si scontreranno ad Atlanta tra il 20 ed il 23 settembre (sfida da 4), ed a Philadelphia tra il 28 ed il 30 settembre per l’ultima serie della stagione.

Molto complicata anche la lotta per la Wild Card idi National League dove al momento è avanti St,Louis con un +0.5 sui Brewes che occupa il secondo slot della classifica. A -1.5 da Milwaukee c’è Colorado con Dodgers e Phillies a -2.5.

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 477 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento