Alex Russo demolisce a suon di valide il sogno del Recotech Padule

L'esterno del Tommasin Padova è stato la stella nel doppio confronto in Toscana: ha chiuso a 8/9 con 2 fuoricampo. Garauno senza storia con un Banos sotto tono; più equilibrio in gara2 con i veneti più concreti

Il Tommasin Padova si rimette in corsa per un posto nei playoff facendo il pieno in Toscana (3-19, 3-8). Il quinto turno di andata, sul diamante del Padule Sesto Fiorentino, verrà ricordato dai veneti soprattutto per la grande giornata di Alex Russo. L'esterno ex Bologna ha chiuso con un sensazionale 8/9 in battuta (5/5 in gara1), impreziosito da sette punti segnati, due fuoricampo in gara1, due doppi e 5 punti battuti a casa nel match pomeridiano. Padova ha trovato insomma il trascinatore, che ha aiutato la squadra in una trasferta che alla vigilia si presentava tutt'altro che facile. I fiorentini del manager Paolo Minozzi erano reduci da due successi, uno con il City e uno con il Rimini, che facevano presagire grandi cose. In gara1, oltre a Russo, però tutto il line del Tommasin è stato travolgente. Il Recotech padrone di casa, dopo aver risposto immediatamente con il punto di Scull a quello segnato da Perdomo, si è ritrovato a inizio quarto sotto 6-1 e senza il partente sul monte: il cubano Vladimir Banos (7 valide e tre basi) ha pagato anche gli errori dei compagni ed è sceso troppo presto per essere di aiuto alla squadra, che al 6° si è ritrovata sul 3-13 e al 7° si è arresa sul 3-19. Nonostante nove valide (8 sul vincente Pino) il Padule non ha retto, con i rilievi Molina e Bosi (un esterno che spesso è salito sul mound) alla voglia di riscatto del Padova, che ha messo insieme 19 hit.
Decisamente più bella la sfida sotto i riflettori: il Tommasin si è portato subito sul 2-0 con fuoricampo di Giuseppe Scaccia, ma grazie al solo homer di Francesco Pinto e a due errori, il Recotech ha firmato il sorpasso al 2° sul 3-2. Perfetta parità al 5°, poi la gara si è fatta in discesa per gli ospiti, una volta sceso il partente Carlos Rodriguez. Junior Perez (quarto stop di fila) non è riuscito a mettere un freno agli avversari (5 valide e 5 punti in tre riprese) che con il solito Russo (3/4 in garadue) si sono allontanati senza problemi. Sulla collinetta Habeck si è guadagnato la seconda vittoria dell'anno con 111 buoni lanci (4bv-9so), prima di essere assistito da Fabiani e Crepaldi che non hanno trovato resistenza da un Padule che ha messo insieme solo quattro valide e nemmeno il cubano Alarcon (0/4 dopo il 2/2 del pomeriggio, con la media che rimane comunque a 394) è riuscito a suonare la carica per far tornare i suoi in corsa.

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 317 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.

Commenta per primo

Lascia un commento