Pirati, in arrivo Morellini

Praticamente conclusa la trattativa che porterà il pitcher di Anzio a vestire la casacca riminese

E' il sesto rinforzo sul monte per i Pirati, ma è anche il primo e finora unico italiano nel lungo e competitivo bullpen dei campioni d'Italia. Yuri Morellini può essere considerato a tutti gli effetti un lanciatore del Baseball Rimini. La trattativa tra le società è ormai arrivata ai dettagli e il 24enne closer di Anzio sarà a disposizione di Paolo Ceccaroli per riconfermare Rimini ai vertici in Italia e tentare l'assalto alla Coppa dei Campioni che manca dalla bacheca dei romagnoli dal lontano 1989.
Parliamo di un giocatore che soprattutto nell'ultima stagione ha mostrato il meglio del proprio repertorio, lanciando 38 riprese, con un bilancio di tre vittorie e una sconfitta, quattro le salvezze, un rapporto positivo tra strike-out e basi ball (20-9) e una media pgl (1.18) di assoluto rispetto. Morellini con tutta probabilità si aggregherà alla truppa riminese da metà marzo dopo aver partecipato, nelle due settimane precedenti, allo stage che la nazionale di Gibo Gerali sosterrà a Messina. Curioso il fatto che fino a qualche anno fa un trasferimento da Nettuno a Rimini sembrava ai limiti dell'impossibile e invece nelle ultime stagioni il passaggio dal Tirreno all'Adriatico ha riguardato elementi come Mazzanti, Zappone, Retrosi e Caradonna.
Il monte riminese sarà dunque è composto da Ruiz e Duran che saranno i due partenti, poi da Kelly, Hernandez, Marquez, Soleana e Morellini che Ceccaroli dovrà giostrare con maestria come rilievi, più o meno lunghi. E soprattutto il lavoro, nella parte iniziale della stagione, dovrà essere improntato al raggiungimento della forma migliore in vista della settimana europea olandese, primo vero obiettivo dei Pirati.

Carlo Ravegnani
Informazioni su Carlo Ravegnani 147 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.

Commenta per primo

Lascia un commento