Pillisio spara i primi due colpi

I Pirati si assicurano il 24enne catcher antillano con passaporto olandese Phildrick Llevellyn e il coetaneo prima base della nazionale spagnola Jesus Ustariz

Non si può dire che il 2017 sia stato un anno banale per il Rimini Baseball. Dal ritorno di Paolo Ceccaroli nel ruolo di manager, alla vittoria di uno scudetto che pure per i più ottimisti pareva una chimera durante la regular season. E ora il passaggio di consegne al vertice della società con Simone Pillisio neo presidente. E l'ormai ex numero uno del Novara, sta lavorando alacremente con il suo staff alla composizione della squadra da affidare a Paolo Ceccaroli che dovrà difendere lo scudetto e provare a dare l'assalto alla Coppa dei Campioni, grande sogno di Rino Zangheri.
E ieri Pillisio ha messo a segno i suoi primi colpi di mercato. C'era da sostituire capitan Bertagnon dietro il piatto di casa base e gli addetti ai lavoro avevano subito avvicinato Marco Sabbatani che veniva dato in uscita da Bologna, troppo chiuso da Marval nel ruolo di ricevitore e con l'ombra di un possibile arrivo di Deotto in casa Fortitudo. Ma la candidatura di Sabbatani non ha trovato conferma, perché Pillisio aveva già mente a chi affidare maschera e schinieri.
Oggi infatti è stato ufficializzato l'ingaggio di Phildrick Llevellyn, catcher di 24 anni (è nato il 25 settembre 1993), antillano di Curacao con il passaporto olandese. Llevellyn ha fatto parte del roster della nazionale olandese che ha partecipato all'ultima edizione del World Baseball Classic, nel 2016 è stato considerato uno dei primi 100 prospetti delle Minor League e attualmente sta giocando l'Asia Winter a Taiwan nella squadra All-Star allenata dal tecnico della nazionale olandese Steve Janssen. Dove tra l'altro figurano numerosi giocatori ben noti ai tifosi italiani come Kimborowicz, Epifano e Ferrini di San Marino, Van Heydoorn (Verona), Leo Rodriguez (Nettuno) e quel Vicente Lupo di Redipuglia che i bene informati danno già alla T&A di Chiarini.
Ma i Pirati non si sono fermati all'ingaggio di Llevellyn e hanno "coperto" anche il ruolo di prima base. Era sembrata difficile già da tempo la conferma di Daniele Malengo e infatti la società ha puntato su un altro comunitario, il venezuelano Jesus Ustariz, 24enne prima base della nazionale spagnolo.

 

Informazioni su Carlo Ravegnani 194 Articoli
Carlo Ravegnani, nato a Rimini il 31 gennaio del 1968, ha iniziato la carriera giornalistica a 20 anni nell'allora Gazzetta di Rimini, "sostituita" dal 1993 dall'attuale Corriere Romagna dove lavora come redattore sportivo. Collaboratore per la zona di Rimini del Corriere dello Sport-Stadio, il baseball è stata una componente fondamentale nella sua vita: dapprima tifoso sugli spalti dello Stadio dei Pirati poi giocatore nel mitico Parco Marecchia e poi nel Rimini 86, società che ha fondato assieme a un gruppo di irriducibili amici. Quindi giornalista del batti e corri sulla propria testata e alcune saltuarie collaborazioni con riviste specializzate oltre che radiocronista delle partite dei Pirati assieme all'amico e collega Andrea Perari. Negli ultimi anni è iniziata anche la carriera dirigenziale, con la presidenza (dal 2014) dei Falcons Torre Pedrera. La passione è stata tramandata al figlio Riccardo che gioca lanciatore e prima base negli stessi Falcons.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.