San Marino aggancia la Fortitudo. Intanto il Nettuno Baseball City…

Terza sconfitta degli emiliani, doppietta della T&A e anche dell'Angel Service, trascinata in garauno dalla complete game di Uviedo. Parma non sfrutta l'occasione e rimane quinta

Quattordici giocate, venti al termine e per come è messa la classifica sarà una bella battaglia per il quarto posto, l'ultimo utile per i play off.

Partite molto combattute, va detto, se si considera che in particolare nei primi match del quarto turno si sono registrati solamente 6 punti di scarto in 4 incontri. Dato che scende a 4 soli punti di scarto nelle tre partite che hanno visto in campo le prime cinque squadre della graduatoria. Sono numeri, solo numeri, ma probabilmente è anche un record per l'Ibl che con i primi caldi entra veramente nel vivo. Lo si capisce anche da come i lanciatori stiano rubando la scena.

La sfida principale era quella tra Fortitudo Bologna e Rimini, risoltasi con un doppio 2 a 1, uno per parte. Nella prima dove non è arrivato Owens, sostituito al quarto e se per questo anche espulso, ci è arrivato Rivero che nelle restanti sei riprese ha letteralmente chiuso la porta in faccia all'attacco romagnolo, che era riuscito peraltro a siglare il punto del vantaggio. Richetti e Teran firmano la vittoria dei neroarancio nel match successivo a campi invertiti, condannando Bologna alla terza sconfitta stagionale che però, a prima vista, non sembra intaccare più di tanto le certezze degli emiliani. Miglior attacco (unico abbondantemente sopra i 300 di media, 342 per la precisione), miglior media Pgl, primato in classifica anche se ora in coabitazione col San Marino: la sensazione è che la Fortitudo ha tutte le carte in regola per andare fino in fondo anche nel 2017.

Quasi a fari spenti, il San Marino come detto aggancia la vetta centrando il quarto successo di fila. Ci troviamo di fronte ad una squadra ancora "perfettibile", se ci viene passato questo termine, basti pensare ai quattro errori di garauno. Ma una gestione sapiente dei lanciatori soprattutto nella prima partita ha consentito alla formazione del Titano di avere ragione di un coriaceo Padova, che invece è alla sua quarta sconfitta consecutiva e vede complicarsi il suo obiettivo di post season.

Dietro, distanziata di una sola lunghezza c'è il Nettuno Baseball City che procede spedito verso i play off. Il nuovo acquisto Jimenez se tutto va per il verso giusto dovrebbe unirsi ai suoi nuovi compagni in settimana, ma intanto Uviedo fa di necessità virtù e diventa il personaggio della settimana lanciando una gara completa, 116 lanci con 11 K, 6 valide e neanche una base concessa. L'unico punto del Novara nel 2 a 1 con il quale si è chiuso l'incontro è arrivato da un errore. Con il resto del bullpen poi a disposizione al sabato sera, sono bastati Andreozzi e Morellini (alla terza salvezza stagionale) a firmare la vittoria in garadue. Se la formazione di D'Auria riuscirà finalmente ad uscire dall'emergenza che praticamente dallo scorso anno la sta attanagliando, saranno problemi per tutti. Ma intanto è terza, e con un buon vantaggio di tre partite sul Rimini quarto, e quattro sul Parma contro il quale vanta anche tre scontri diretti su quattro vinti.

Proprio il Parma, perdendo la prima contro il fanalino di coda Padule, fallisce l'occasione per risalire la classifica, una sconfitta che evidenzia i limiti del monte emiliano. Con venti partite da giocare in una regular season che ne presenta in totale 34, e con Bologna, San Marino e Nettuno Baseball City che viaggiano a questi ritmi, è evidente che la lotta per il quarto posto rappresenterà una sorta di "campionato nel campionato". Che intanto, come detto, è veramente e finalmente entrato nel vivo.

Mauro Cugola
Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento