Il 1949 Parma baseball aiuta il piccolo Simone

La società appoggia l'iniziativa benefica del gruppo di tifosi Indiani Parmigiani in favore del piccolo Simone Starani, ustionato all'età di 2 anni e in cura dal chirurgo dott. Caleffi

La nuova società 1949 Parma Baseball appoggia l'iniziativa di solidarietà promossa dal gruppo di sostenitori "Indiani Parmigiani" in favore del piccolo Simone, vittima di un incidente domestico che all'età di 2 anni gli ha sfigurato il viso e costretto ad indossare una maschera protettiva.
Il rappresentante dei tifosi Alberto Amella, insieme al vice presidente Andrea Savani, alla mamma del piccolo Tiziana Bardi e al chirurgo plastico dell'ospedale di Parma Edoardo Califfi sono intervenuti in una sentita conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa ieri pomeriggio nella sala Hospitality dello stadio "Cavalli"

L'INIZIATIVA DEI TIFOSI
"Come negli anni passati il nostro gruppo ha pensato di promuovere un'iniziativa di solidarietà – ha spiegato il presidente del gruppo "Indiani Parmigiani" Alberto Amella- Negli anni passati abbiamo scelto di aiutare alcuni enti o associazioni benefiche, quest'anno abbiamo pensato di sostenere Simone, che tutti sapete essere stato vittima di un incidente domestico alcuni anni fa che gli ha sfiguarato il viso. Siamo venuti a conoscenza della situazione e l'abbiamo presa a cuore, quindi ci è sembrato giusto devolvere il ricavato delle nostre iniziative a sostegno delle spese necessarie per le cure alle quali si sta sottoponendo."
Amella ha poi spiegato nel dettaglio le iniziative che verranno messe in atto " a partire dalle tre sfide casalinghe tra Parma e Bologna, in programma il 26 e 27 giugno, per tutto il girone di ritorno, vale a dire nel week-end del 10-11 giugno (Parma-Novara), sabato 15 luglio (Parma-Rimini), giovedì 21 e sabato 23 luglio (Parma-San Marino). In tutte queste occasioni organizzeremo una vendita di gadget del mondo del baseball presente e passato, tra cui, novità assoluta le figurine dei giocatori del Parma baseball 2016 e tutto il materiale che i giocatrori di Parma e delle altre squadre doneranno in favore di Simone. "
PREMIO ILARIA MOLOSSI E RIFFA BENEFICA
L'iniziativa degli Indiani Parmigiani non si esaurisce con l'organizzazione del banchetto, ma prevede anche l'assegnazione "per il secondo anno del premio intitolato alla nostra prima tifosa Ilaria Molossi, sorella del responsabile ufficio stampa della società e dell'ex direttore della Gazzetta di Parma, al miglior giocatore della squadra. Sarà possibile votare con apposito modulo in occasione delle partite e tramite il sito ufficiale della società www.parmabaseball.it a partire dalle tre sfide contro Bologna del 26-27 maggio. Inoltre organizzeremo, sempre nei week-end citati, una riffa benefica con interessanti premi in palio."

LA SOCIETA'
Per la società 1949 Parma baseball club ha parlato il vice presidente Andrea Savani che si è detto "Orgoglioso di avere dei sostenitori impegnati in iniziative sociali di grande rilevanza. Da parte nostra non possiamo che appoggiarli e incentivarli. A questo proposito vorrei ricordare che l'11 giugno organizzeremo la festa per il quarantennale del primo scudetto vinto dalla Germal nel 1976, con tutti i giocatori italiani ( e qualche straniero) dell'epoca. Quindi coglieremo l'occasione per invitare questi campioni a donare materiale dell'epoca a favore di questa iniziativa."
Inoltre, Savani ha annunciato che la società ha deciso di "invitare ufficialmente Simone ad una delle prossime partite e se lo vorrà, potrà assistere all'incontro dal dug-out"
LA MAMMA DI SIMONE E IL DOTT. CALEFFI
La signora Tiziana, mamma di Simone ha posi spiegato, con le lacrime agli occhi, in modo semplice, il calvario che ha travolto la sua famiglia negli ultimi anni a partire da quell'incidente. Poi ha preso la parola il dott Edoardo Califfi, primario del reparto di chirurgia plastica dell'ospedale di Parma, che ha preso in cura da qualche tempo il piccolo: "Gli specialisti e gli ospedali ai quali la famiglia si era inizialmente rivolta sostenevano che il sistema sanitaria non copriva le spese per le creme necessarie, in quanto in Italia non erano considerate un medicinale. Per permettere al piccolo di effettuare i primi interventi chirurgici in Germania, alcuni imprenditori italiani hanno organizzato una ONLUS per raccogliere i fondi necessari. Quando ho visto il servizio delle Iene, tramite Lucia Annibali che è stata in cura da me come sapete, mi sono messo in contatto con la famiglia.Gli interventi che lui è andato a fare all'estero noi li facciamo regolarmente, quindi abbiamo iniziato un programma Siamo solo all'inizio di un percorso importante e difficile, ma credo che sia da sottolineare la forza di questo bambino che non si lascia sopraffare da questa malattia e che combatte con tutto se stesso."
Il primario ha poi ringraziato gli organizzatori di questa iniziativa: "Quando mi è stata prospettata questa iniziativa sono stato subito entusiasta perché credo sia una grande manifestazione di forza d'animo e disponibilità nei confronti di un ragazzino che ne ha bisogno e saprà essere molto grato"

Avatar
Informazioni su Matteo Desimoni 337 Articoli
Nato a Parma l'8 febbraio 1978, laureato all'Università di Parma in Scienze della comunicazione, con tesi di laurea "La comunicazione in una società sportiva: il caso dell'A.S.D. Baseball Parma", collaboratore della "Gazzetta di Parma", iscritto all'ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, dal settembre 2009. Ha collaborato nel 2005 anche con "L'informazione di Parma". Dal luglio 2009 a fine agosto 2011 ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa della società A.S.D. Baseball Parma. E' l'ideatore e direttore responsabile del periodico gratuito "Baseballtime" distribuito sui campi da baseball della provincia di Parma. Ha iniziato la carriera da giocatore a 8 anni, nel 1986 nelle giovanili dell'Aran Group, poi ha militato in diverse squadre della provincia di Parma e debuttato in serie B con il Sala Baganza e in serie A2 con la Farma Crocetta nel 1998. Dal 2002 al 2008 ha allenato le giovanili di Crocetta e Junior Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento