Il Jolly Roger Castiglione mette nel roster il talento di Pancellini e Brandi

I due atleti cresciuti nel vivaio dello Junior hanno vinto lo scudetto 2014 di serie A con l'Enegan. Sistemato il reparto esterni, il manager Rullo cerca un lanciatore partente ("La prima scelta è Moreno Funzione") e un utility

Il Jolly Roger Castiglione della Pescaia mette a segno altri due colpi: arrivano alla corte del manager Paolo Rullo due giovani promesse, il lanciatore Mirko Pancellini e l'esterno Francesco Brandi. Entrambi cresciuti nel vivaio dello Junior Grosseto, hanno conquistato lo scudetto di serie A con l'Enegan di Paolo Minozzi nel 2014, mentre lo scorso anno sono arrivati in finale, sempre con i biancorossi del presidente Mazzei.
Francesco Brandi, classe 1996, grossetano, esterno con oltre 40 presenze in serie A Federale, completa di fatto il reparto degli esterni andandosi ad aggiungere a Vitillo Ciani, Biscontri e Riccucci.
Mirko Pancellini, classe 1997, lanciatore mancino, ha collezionato venti presenze negli ultimi due anni con 35 riprese lanciate e un era di 5.14. Una pedina importante nella rotazione del manager Rullo che vede rafforzarsi ulteriormente il proprio monte di lancio.
"Pancellini affiancherà Lenzi, Ciampelli e il rientrante Mega – sottolinea l'allenatore maremmano Paolo Rullo – Adesso cerchiamo solo un lanciatore italiano di spessore e non nascondo che la mia prima scelta è il veterano Moreno Funzione, che già nelle ultime due stagioni ha creduto nel nostro progetto, con il quale devo ancora trovare un accordo".
"Prima di scendere in campo – aggiunge Rullo – dovrò mettere in organico anche un utility, ancora da individuare. Per il resto siamo a posto, avendo allungato l'infield con l'esperto Andrea Sgnaolin e con il talentuoso Mirko Ferri. Avevo un sogno, portare a Castiglione Angel Marquez e fortunatamente si è concretizzato".

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 453 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.

Commenta per primo

Lascia un commento