Ai Royals la maratona di gara-1 delle World Series

Un match altamente equilibrato che ha avuto bisogno di 14 inning per stabilire la squadra vincente. I Mets, traditi dal monte di lancio, ripresi a 2 out dalla vittoria e poi castigati agli extra-inning. Grave lutto per il partente di Kansas Volquez

Le World Series iniziano con il botto ed al termine di una lunga e serrata battaglia concedono ai padroni di casa, i Kansas City Royals, la prima vittoria di questa serie (5-4 il finale). Per ottenere il prezioso vantaggio i "Boys in Blue" hanno dovuto lottare 14 inning contro gli accaniti New York Mets. Si tratta dell'ottava gara1 di WS che si chiude agli extra-inning, la prima per i Royals e la seconda per i Mets (terminò al 12esimo gara1 delle "Subway Series" del 2000, persa poi contro i New York Yankees). In termini di inning si tratta della più lunga gara1 in una serie di WS, uguagliando in match di WS gara3 del 2005 tra White Sox ed Astros e gara2 del 1916 tra Brooklyn e Boston. Con 5 ore e 9 minuti di gioco, in termini di durata è la seconda nella storia delle finalissime dopo quella del 2005 durata 5 ore e 41 minuti. A proposito di record infranti da segnalare che questa vittoria è la prima in gara1 di WS dei Royals. Nelle tre precedenti partecipazioni infatti, Kansas ha perso 1-7 lo scorso anno al Kauffman Stadium contro San Francisco, è uscita sconfitta ancora in casa contro St.Louis nel 1985 (1-3 il finale nell'anno dell'unica vittoria dell'anello), e perso 7-6 a Philadelphia nel 1980. Prosegue invece la serie negativa dei New York Mets, usciti sempre sconfitti in gara1. Oltre a quella della notte scorsa i "Metropolitans" persero sia nelle due finali che si chiusero con la conquista dell'anello (in casa nel 1986 0-1 contro Boston, ed a Baltimore 1-4 nel 1969), che nelle due che invece si chiusero con la sconfitta (nel 2000 al 12esimo inning allo Yankee Stadium contro l'altra franchigia di New York, e nel 1973 2-1 ad Oakland contro gli A's). La partita comincia subito male per il partente dei Mets Matt Harvey, che si vede colpire al cuore dal primo battitore della partita, Alcides Escobar, che con un fuoricampo sblocca subito lo score dei padroni di casa. A pareggiare i conti un singolo di Travis D'Arnaud che porta a casa Daniel Murphy (che chiude il match con la 18esima valida in gare di postseason). Nella ripresa successiva è New York a passare in vantaggio con un "solo-shot" di Curtis Granderson. Il sesto inning è caratterizzato da punti ottenuti con volate di sacrificio. Nella parte alta Michael Conforto spinge a casa Cespedes, nella parte bassa Eric Hosmer manda a punto Zobrist ed il risultato è fermo sul 2-3 per gli ospiti. A pareggiare i conti stavolta è Mike Moustakas che con un singolo spinge a casa Lorenzo Cain. All'ottavo inning un erroraccio di Eric Hosmer su una battuta di Flores in prima base (che avrà ricordato ai più l'errore del prima base dei Red Sox Bill Buckner in gara6 nelle WS vinte dai Mets nel 1986), regala il punto del vantaggio ai Mets grazie alla corsa a casa di Langares, ma è il fuoricampo di Alex Gordon al nono inning sul closer di New York Jeurys Familia a riequilibrare le sorti del match ed a portarlo all'extra-inning. Si tratta del quinto fuoricampo al nono inning in gare di WS ed il primo da quello di Scott Brosius dei New York Yankees nelle finali del 2001 contro i D-Backs. Al 12esimo inning sale sul monte per i Mets Bartolo Colon. Che il veterano lanciatore non sia al meglio lo si intuisce subito. Un singolo, una volata di sacrificio e due basi intenzionali portano Collins ad una visita sul monte che però si risolve con un nulla di fatto. Per fortuna di New York arriva anche il terzo out e nonostante abbia riempito le basi Kansas non riesce a portare il colpo del KO. Per quello bisognerà attendere il fatidico 14esimo inning quando ancora una volata di sacrificio di Eric Hosmer, che così ottiene il perdono degli oltre 40.000 tifosi presenti al Kauffmann Stadium, porta a casa Escobar ed il definitivo 5-4. Il 26enne primabase ha polverizzato il record di punti battuti a casa della franchigia in gare di postseason (25, il precedente di in certo George Brett era di 23). Alla veneranda età di 42 anni Bartolo Colon è diventato il più anziano lanciatore perdente nella storia delle WS. Il sostanziale equilibrio visto in campo si riflette anche sui partenti, che chiudono entrambi con un "no-decision". Matt Harvey chiude i suoi 6 inning con 5 valide, 2 basi per ball e 3 errori con 3 punti concessi a fronte di 1 solo strike-out (4.50 media ERA). Edinson Volquez, con lo stesso numero di inning lanciati, punti concessi ed errori commessi concede 6 valide ed 1 base per ball con 3 strike-out (anche per lui 4.50 media ERA). A proposito del 32enne dominicano, poco prima dell'inizio del match il padre del partente dei Royals è morto per un attacco di cuore. Ned Yost, manager di Kansas City, ha riferito di aver comunicato la notizia alla moglie di Volquez e la volontà della famiglia è stata quella di lasciar giocare tranquillo il lanciatore che pertanto è stato avvertito subito dopo. Per la seconda partita, in programma stanotte, i lanciatori partenti saranno Jacob deGrom per i Mets (3-0 nei 20 inning lanciati in queste postseason con 27 strike-out ed una media ERA di 1.80) e Johnny Cueto per Kansas (1-1 in 16 inning lanciati con 15 strike-out ed una media ERA di 7.88 in questi play-off). Pe gli amanti della statistica va detto che delle 62 squadre che hanno vinto la prima partita delle World Series in casa, solo 35 (il 56.5{be033e52fa09c4a77c9e0103cc0f11b757d8f6d50c14e6321d4041d7ab04e928}), hanno vinto anche in gara2. Di queste, 28 (circa l'80{be033e52fa09c4a77c9e0103cc0f11b757d8f6d50c14e6321d4041d7ab04e928}), ha poi vinto il titolo.

Informazioni su Andrea Tolla 515 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.