Rimini si complica la vita, domani è "dentro o fuori"

Uno Schneider strepitoso sul monte di lancio del Draci Brno sbarra la strada al Rimini che esce sconfitto per 6-2 e domani dovrà giocarsi il tutto per tutto contro il Neptunus con Candelario partente

Il Rimini esce inaspettatamente sconfitto dalla sfida contro i cechi del Draci Brno per 6-2. I battitori di Munoz incontrano sulla loro strada un lanciatore, il pitcher della nazionale ceca Schneider in grande giornata, capace di concedere solo quattro valide all'attacco riminese in nove riprese. Richetti, scelto da Munoz per iniziare la sfida, incontra invece particolari problemi nelle prime riprese, non riuscendo a trovare con continuità la zona dello strike con i suoi lanci ad effetto e la sua dritta viene ben inquadrata dai battitori cechi. Riesce comunque a riprendersi e restare sul monte per sette riprese e 118 lanci, ma non basta per evitare una sconfitta che sconvolge i piani di Munoz che domani dovrà giocarsi il suo miglior lanciatore, Candelario, per superare il Neptunus in una sfida dantro o fuori.
Per il Rimini è la sfida decisiva per ottenere l'accesso alla finale senza curarsi dello scontro diretto di domani contro i padroni di casa del Neptunus. Per ottenerla Orlando Munoz punta su Carlos Richetti come lanciatore partente, per il resto, rispetto alle precedenti partite c'è la novità di Fabbri designato con Macaluso a destra, Mundarain in prima e Mazzanti in terza. Bertagnon è il catcher.
Brno si porta però in vantaggio al primo assalto, con Jakub Hajtmar, che con un eliminato e conto di due ball e due strike colpisce un gran doppio a destra e poi corre a casa base sul successivo singolo a sinistra di Kremlacek con due eliminati. Al secondo inning per l'italo venezuelano non va molto meglio, perché Budsky guadagna la base ball e subito dopo Adam Hajtmar batte valido, un singolo a sinistra. Vasourek spinge poi avanti entrambi con un perfetto bunt di sacrificio sul terza base Mazzanti. Poi dopo lo strike-out sull'esterno centro Duboy, Richetti capitola nuovamente con la valida di Ondraceck che cade tra Desimoni e Macaluso e permette sia ad Hajtmar che a Budsky di segnare.
Nel secondo attacco del Rimini con due eliminati c'è una contestazione della panchina nero-arancio per una dubbia chiamata di foul su Mundarain che a giudizio dell'arbitro si batte addosso prima che la pallina si fermi a pochi centimetri dal piatto di casa base. Cambia poco perché subito dopo il prima base batte contro il lanciatore che non può far altro che deviare la traiettoria della pallina ed impedire così la difesa da parte dell'interbase ceco. Macaluso però batte una radente sullo stesso interbase che non ha problemi e chiudere l'out forzato di Mundarain in seconda. Al cambio campo Munoz manda in campo Cit all'esterno sinistro, togliendo Macaluso, con Zileri che ne prende il posto a destra. Il partente riminese fatica a trovare la zona di strike con gli effetti e opta costantemente per la dritta sulla quale i battitori cechi vanno a nozze e lo dimostrano ancora proprio nel corso del terzo inning, quando prima con un out Kremlacek trova un singolo a sinistra, poi, con due fuori e corridori in seconda e terza Busky trova un doppio a sinistra da due punti, infine Adam Hajtmar, dopo la visita di Illuminati, batte valido al centro spingendo a punto anche lo stesso Budsky per il 5-0. Richetti è anche fortunato poco dopo quando la gran linea a sinistra di Vasourek cade in zona di foul per pochissimi centimetri. Sarebbe stata sicuramente una battuta da extra base che avrebbe portato un altro punto al Draci Brno. Invece sul lancio successivo il ricevitore ceco termina al piatto.
Dopo un quarto attacco con tre soli battitori del Rimini passati davanti all'ottimo lanciatore Schneider, Munoz manda ancora sul monte Richetti che riesce a chiudere la ripresa senza danni, nonostante la base ball concessa ad Ondraceck.
La squadra di Munoz reagisce finalmente al sesto, mettendo i primi due punti sul tabellone e minando per la prima volta le certezze di Schneider che fino a quel momento non aveva avuto problemi. Con due out Desimoni lima la base ball, poi Olmedo lo porta in seconda con un singolo a destra e Zileri li porta a casa entrambi con una valida che si insinua in mezzo tra esterno centro ed esterno destro.
La partita di Richetti termina dopo sette inning e 118 lanci, lo sostituisce Del Bianco, che però mn un out subisce la valida da Vasourek, poi non è aiutato dalla difesa, che prima non riesce a chiudere un eliminato in seconda e poi comette un errore di tiro in prima con Babini che oltre a non chiudere il doppio gioco permette l'ingresso del sesto punto del Brno. Il successivo bunt valido sul terza base di Hajtmar convince Munoz a togliere anche Del Bianco, sostituito da Corradini.
Purtroppo però il risultato non cambia più, Rimini non riesce più a scalfire la splendida prova di Schneider ed esce sconfitto. Ora è costretto a vincere domani lo scontro diretto con i padroni di casa per tornare ad affrontarli nella sfida decisiva di domenica

ASCOLTA QUI  ORLANDO MUNOZ

Avatar
Informazioni su Matteo Desimoni 337 Articoli
Nato a Parma l'8 febbraio 1978, laureato all'Università di Parma in Scienze della comunicazione, con tesi di laurea "La comunicazione in una società sportiva: il caso dell'A.S.D. Baseball Parma", collaboratore della "Gazzetta di Parma", iscritto all'ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, dal settembre 2009. Ha collaborato nel 2005 anche con "L'informazione di Parma". Dal luglio 2009 a fine agosto 2011 ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa della società A.S.D. Baseball Parma. E' l'ideatore e direttore responsabile del periodico gratuito "Baseballtime" distribuito sui campi da baseball della provincia di Parma. Ha iniziato la carriera da giocatore a 8 anni, nel 1986 nelle giovanili dell'Aran Group, poi ha militato in diverse squadre della provincia di Parma e debuttato in serie B con il Sala Baganza e in serie A2 con la Farma Crocetta nel 1998. Dal 2002 al 2008 ha allenato le giovanili di Crocetta e Junior Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.