Borghese, ancora venti di guerra a Nettuno

Sembra non essere vicina la soluzione per la gestione dello stadio. Fortini smentisce un accordo con il Nettuno2 che risponde a tono. Il DT Bernicchia: "Tre rinvii per porre le firme sulla richiesta. Per noi questione a carattere d'urgenza"

Assume sempre più i contorni della telenovela la querelle riguardante la gestione del Borghese, al momento ancora chiuso dopo la revoca della concessione al Nettuno Bc. Le parti sembravano essersi avvicinate con le dichiarazioni prima di Benicchia, direttore generale del Nettuno2, e poi del presidente del Nettuno Bc Piero Fortini rilasciate al quotidiano online locale "Il Clandestino", sulla necessità di costruire una squadra unica a Nettuno per il prossimo anno. Negli stessi giorni si è vociferato, anche, di un accordo tra le due società per chiedere al comune una gestione congiunta dell'impianto. Sembrava il sereno dopo la tempesta e invece, nei giorni scorsi, si è tornati ad un punto morto. La causa sono state alcune dichiarazioni rilasciate proprio da Fortini al sito Baseballmania in cui smentiva sia la sua precedente dichiarazione nel quale sosteneva la necessità di unire le forze per la prossima stagione, sia che ci sia mai stato un accordo con il Nettuno2 per chiedere la gestione congiunta. Dichiarazioni che non sono andate giù al Nettuno2 che ha risposto con un comunicato stampa in cui spiega la sua versione dei fatti. "Il Presidente del Città di Nettuno BC Piero Fortini – spiega Stefano Bernicchia, DT del Nettuno 2 nel comunicato – dopo avere ricevuto la concordata bozza della richiesta di affidamento in gestione provvisoria e congiunta tra le due società dello Stadio del Baseball "Steno Borghese" mi ha richiamato per inserire nella richiesta di affidamento anche l'accordo circa l'utilizzo effettivo di spazi e tempi tra le due società che avevamo concordato e condiviso insieme lo scorso 1° aprile presso il suo ufficio presso la sede del Città di Nettuno, con una serie di appunti che lo stesso Fortini ha tenuto a fotocopiare al termine dell'incontro".
"Per ben tre volte – continua Bernicchia – Fortini ha poi rinviato l'incontro per porre le firme sulla richiesta. L'ultima lo scorso 8 aprile, alle 17.30, e subito dopo è uscito un articolo con delle dichiarazioni di Fortini che smentiva inspiegabilmente quanto concordato e condiviso pochi giorni prima".
"Con Fortini – prosegue Bernicchia – avevamo concordato, ai sensi di quanto disposto dal Regolamento Comunale per la "Gestione degli Impianti Sportivi", approvato dall'Amministrazione con deliberazione di C.C. n. 30 del 09.07.2010, l'affidamento congiunto dell'impianto sportivo "Steno Borghese" limitatamente al periodo di svolgimento della attività agonistica IBL 2015 e Coppa Italia, come da calendario FIBS".
"Le due società – continua Benicchia – si impegnano a garantire: la manutenzione ordinaria dell'impianto sportivo; il pagamento dei consumi di energia elettrica, sia della illuminazione del campo di gioco che quella dei locali a servizio dello stadio posti sotto le tribune; ogni altra condizione che l'Amministrazione intende porre, sia in relazione alla procedura di verifica amministrativa in corso, che quelle relative alla verifica dell'agibilità dello stadio; e la piena disponibilità a garantire l'utilizzo dello stadio all'Amministrazione Comunale, per eventi programmati e/o patrocinati, compatibilmente con lo svolgimento delle gare ufficiali FIBS da disputare. Le società inoltre dichiaravano che in caso di accettazione della suddetta richiesta, erano disposte a sottoscrivere un separato accordo, con la definizione delle esatte modalità di utilizzo della struttura, e conseguente ripartizione delle spese di manutenzione, da inoltrare all'Amministrazione per la dovuta accettazione".
"Per noi – conclude Bernicchia – la questione riveste carattere d'urgenza, anche in considerazione del fatto che attualmente le due società sono costretta a disputare le gare di campionato a Roma, ma a questo punto non ci resta che prendere atto dell'inaffidabilità del sig. Fortini".

Informazioni su Davide Bartolotta 213 Articoli
Nato ad Anzio (Roma) il 9 aprile 1988, ha sempre vissuto nella vicina Nettuno. A 6 anni ha cominciato a giocare a calcio, ma essendo della “città del baseball” non poteva che appassionarsi a questo sport. E' iscritto all'ordine dei giornalisti nell'albo dei pubblicisti. Da spettatore ha seguito il baseball fino al giugno del 2008, quando ha iniziato una collaborazione con “Il Granchio”, settimanale d’informazione di Anzio e Nettuno, di cui è diventato dal 2010 redattore e redattore web, che gli ha permesso di vivere questo sport da un altro punto di vista. Nel primo anno di attività giornalistica ha avuto modo di seguire diversi eventi internazionali tra cui le Final Four dell’European Cup a Barcellona (settembre), oltre che a coprire regolarmente la serie A2 ed in particolare le gare del Nettuno2. La sua più grande aspirazione è quella di contribuire, anche se in una minima parte, a far crescere in Italia la considerazione per questo sport, e magari un giorno poterlo raccontare collaborando con testate nazionali. Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Nelle stagioni 2011 e 2012 ha svolto il ruolo di addetto stampa per la Danesi Nettuno Bc. E' giornalista presso il gruppo editoriale DComunication dove ricopre il ruolo di redattore web per il quotidiano online di Anzio e Nettuno www.ilclandestinogiornale.it e cura la parte giornalistica dell'emittente televisiva regionale (Lazio) YoungTv dove cura una rubrica sportiva. Dall'agosto 2015 collabora con l'Agenzia di Stampa InfoPress realizzando servizi e contributi per Il Corriere dello Sport seguendo lo sport locale e le squadre in trasferta all'Olimpico di Roma per le partite del campionato di serie A di calcio. Gli piace la musica rock e adora guardare film... è arrivato ad un picco massimo di cinque in una giornata.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.