Marco Nanni: «Questo Bologna è più forte del 2014»

Il manager della Fortitudo presenta la squadra che difende lo scudetto. "Con Sambucci e Suarez abbiamo qualcosa in più nel line-up. Tutti i ragazzi mi danno delle certezze". De Santis contro Padova a caccia delle centesima vittoria

L'Unipol Sai Bologna mette subito le cose in chiaro, aggiudicandosi il tradizionale Blue F Ball, il più importante dei tornei precampionato italiani, a spese del San Marino campione d'Europa. «Stagione e panchina salvata». Il manager della Fortitudo Marco Nanni la mette sullo scherzo per mostrare la sua soddisfazione per un inizio di stagione che lascia presagire grandi cose per il futuro.
«Ho una bella squadra – ammette Nanni – ma non voglio parlare adesso di obiettivi a lunga scadenza. Mi godo il successo di domenica scorsa e mi concentro sulla regular reason, che ci dovrà portare alle partite che più ci piacciono, quelle dei playoff».
Bologna si presenta al via dell'Italian Baseball League con un organico ritoccato rispetto a quello che ha cucito sulla maglia il tricolore, a spese del Rimini. Confermate le stelle delle ultime stagioni, da Infante a Liverziani, da Sabbatani ad Ambrosino, il general manager Mura ha effettuato pochi gli innesti ma al punto giusto, come nel caso di Alex Sambucci che, dopo anni di ammiccamenti, è approdato finalmente sotto le due torri, dopo l'esperienza di Parma. «Posso dire che con l'innesto di Sambucci nel line-up – sottolinea Nanni – ci siamo rinforzati. Dobbiamo adesso trovare i giusti equilibri per tornare ai vecchi livelli, con tanta aggressività e difesa solida».

«Certo ci sono le incognite stranieri – aggiunge il tecnico – ma posso dire che con Sambucci e anche con la mazza di Suarez siamo più forti del 2014. Ma posso beneficiare anche di un anno in più di esperienza di Grimaudo, che a 22 anni fa tanta differenza, di un Vaglio nel pieno della maturazione, del completo ambientamento di Paolino Ambrosino  e di un Alex Russo che rappresenta il futuro: corre e batte come mi aspettavo».
I campioni d'Italia hanno dovuto rinunciare a Joey Williamson, uno dei grandi protagonisti nelle Italian Baseball series, ma, statistiche alla mano, Marquis Fleming (reduce da una stagione in Independent con i Saltdogs) ha i numeri giusti per non far rimpiangere l'ex triplo A della passata stagione: «Fleming – dice Nanni – ha i numeri che volevamo noi e se rende quanto Williamson siamo competitivi come nel 2014 nella partita dello straniero, fondamentale per fare bene».
L'allenatore dell'Unipol Sai ha insomma impressioni positive dai ragazzi a pochi giorni dall'esordio interno con l'ambizioso Padova, sapendo di poter contare anche su un gruppo di lanciatori superaffidabili. «Tutti i ragazzi – racconta – mi danno delle certezze, ma le mie ancore personali sono Riccardo De Santis e Raul Rivero. Con loro so di avere le spalle coperte. De Santis (che contro Padova va a caccia della vittoria numero cento in carriera, ndr.) è in una condizione fisica strepitosa, non era così tirato così nemmeno a venti anni e la sua palla viaggia a meraviglia. Gli altri? Crepaldi è una garanzia e aspetto di recuperare Luca Panerati, alle prese in questi giorni con qualche problemino alla schiena. E vorrei averlo il prima possibile».
Bologna si presenta in pole position in un campionato che torna a girone unico. «Meglio così, mi piace pensare ad affrontare sette avversarie nella regular season, invece di concentrarmi sul girone a quattro. Le avversarie? Innanzitutto Rimini e San Marino. Quella di Doriano Bindi è la solita squadra di inizio stagione, che sarà pronta per gli appuntamenti importanti e che non va mai sottovalutata, come abbiamo visto anche nella finale del Blue F Ball».
Lo spirito dei campioni è quello giusto, a partire dal suo condottiero: «A me non piace perdere nemmeno a briscola quando giochiamo sul pullman…». Chi ha ambizioni, insomma, anche quest'anno dovrà fare i conti con Bologna.

Informazioni su Maurizio Caldarelli 460 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.