Crocetta, tempo di bilanci e prime novità

La società bianco-azzurra ha portato tutte le sue squadre giovanili alle fasi nazionali. Sfumato il quarto titolo consecutivo con i cadetti, è tempo di guardare al futuro. Nominati tre coordinatori tecnici, presto altre novità

Anche il 2013 è stato un anno positivo per la Crocetta, nonostante non sia arrivato alcun titolo nazionale, a differenza delle tre stagioni precedenti. Quest'anno, pur nelle molte difficoltà non solo economiche, la Crocetta ha portato tutte e quattro le squadre giovanili maschili alla fase nazionale. Unica in Italia al pari del Progetto Teramano. Già questo è un bel successo. I Cadetti sono arrivati sino al concentramento finale disputato a Parma nelle scorse settimane, si sono classificati terzi mancando, a causa della sconfitta con l'Oltretorrente (7-0) nella semifinale di ripescaggio, la finalissima col Nettuno con cui sono arrivati agli extrainning nella gara d'esordio del concentramento: la loro stagione, fatta di tante novità, è da incorniciare. Il prebaseball è riuscito ad allestire con costanza due squadre, divise per età, e per l'allenatore Pietro Chiesa ormai si sprecano le lodi, come spiega Cristiano Ronchini: «Chiesa è la spina dorsale della Crocetta, lì c'è il trampolino di lancio. I successi e i risultati di quest'anno sono anche frutto del suo lavoro"
In vista della prossima stagione la società ha già ufficializzato le prime decisioni: allo scopo di legare maggiormente le varie squadre con la società e per mantenere uno standard elevato sono stati nominati alcuni coordinatori tecnici per le categorie giovanili. Per il momento sono tre: Andrea Picelli, già presente lo scorso anno, sarà affiancato proprio da Cristiano Ronchini, che torna a completa disposizione dopo il parziale stop dovuto ad un delicato intervento chirurgico e da Andrea Mazzoni, colui che portò la Croceta in serie A nella stagione 2010.
Ulteriori dettagli verranno forniti una volta che la Fibs renderà ufficiali le ipotizzate variazioni alla formazione delle squadre giovanili, il che porterà poi il consiglio direttivo biancoazzurro a prendere le decisioni conseguenti.

Informazioni su Matteo Desimoni 337 Articoli
Nato a Parma l'8 febbraio 1978, laureato all'Università di Parma in Scienze della comunicazione, con tesi di laurea "La comunicazione in una società sportiva: il caso dell'A.S.D. Baseball Parma", collaboratore della "Gazzetta di Parma", iscritto all'ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, dal settembre 2009. Ha collaborato nel 2005 anche con "L'informazione di Parma". Dal luglio 2009 a fine agosto 2011 ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa della società A.S.D. Baseball Parma. E' l'ideatore e direttore responsabile del periodico gratuito "Baseballtime" distribuito sui campi da baseball della provincia di Parma. Ha iniziato la carriera da giocatore a 8 anni, nel 1986 nelle giovanili dell'Aran Group, poi ha militato in diverse squadre della provincia di Parma e debuttato in serie B con il Sala Baganza e in serie A2 con la Farma Crocetta nel 1998. Dal 2002 al 2008 ha allenato le giovanili di Crocetta e Junior Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.