I Pirati si stringono attorno a Filippo Crociati

Vittima di un grave incidente stradale in sella alla sua moto, il capitano riminese è stato sottoposto ad intervento chirurgico ed è fuori pericolo. Il pensiero del Presidente Zangheri e l'in bocca al lupo dei cugini del Titano

Uno spaventoso incidente in sella alla sua moto, questa mattina nei pressi di Viserba di Rimini, e il capitano dei Pirati Filippo Crociati costretto alla sala operatoria dell'Ospedale Infermi di Rimini per evitare addirittura l'amputazione di una gamba. La giornata horribilis del baseball e di tutto lo sport riminese è cominciata presto, con la notizia dell'incidente stradale capitato proprio alla 39enne bandiera dei Pirati. Grazie all'operato dell'equipe medica, quel terribile pericolo è stato scongiurato e ora l'esterno di Rimini sarà sottoposto a un altro intervento per ricomporre le fratture al bacino. Un incidente che nel corso della giornata ha fatto venire alla luce particolari inquietanti. Crociati è stato tamponato da un'auto (condotta da un 22enne albanese e di proprietà di un 39enne riminese) che stava zigzagando scriteriatamente per evitare la coda e che l'ha così costretto ad allargarsi finendo nella corsia opposta dove sopraggiungeva un'altra autovettura che non ha potuto evitare l'impatto. Il punto è che lo stesso albanese e l'amico sono poi tornati indietro per depistare le indagini della stradale inventando la testimonianza di un'altra autovettura invece inesistente (entrambi sono stati denunciati per fuga e omissione di soccorso oltre a false dichiarazioni a pubblico ufficiale).

Tutta la Rimini sportiva e in particolare la società neroarancione e i compagni di squadra si sono subito stretti attorno al loro capitano, un esempio per tutti per la grande passione che da bambino lo ha portato a indossare spikes e guantone. Questo il pensiero del "Pres" Zangheri: "Pippo è un bravo ragazzo, ci ha sempre dato tanto e sono convinto che continuerà a farlo. Gli siamo tutti vicini, ora deve solo pensare a guarire e poi tornerà con noi. Quest'anno vinceremo anche per lui".

A Pippo Crociati vanno anche gli auguri di pronta guarigione da parte della T&A San Marino, dove peraltro il capitano riminese aveva militato nel 1995: "Società, staff e giocatori della T&A San Marino Baseball fanno i migliori auguri di pronta guarigione al capitano del Baseball Rimini, Filippo Crociati, vittima questa mattina di un grave incidente motociclistico. Un grande "in bocca al lupo" Pippo. Forza, siamo tutti con te".

Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.