Division de Honor, Barcellona campione di Spagna

A soli sei mesi dalla rifondazione del club, dopo la decisione di chiudere la sezione baseball, il Barcellona conquista contro i Valencia Astros il titolo nazionale. Per il secondo anno consecutivo, primo come club indipendente

Poco più di un anno fa, all'uscita del Consiglio di Amministrazione, il Presidente dell'F.C. Barcellona, Sandro Rossell, annunciava tagli nel bilancio della società che avrebbero portato alla chiusura di alcune sezioni, tra cui il baseball. Sembrava davvero la fine del "battiecorri" ad alto livello nella città di Barcellona. La squadra mostrò tutto il suo orgoglio e terminò la stagione vincendo il massimo campionato spagnolo, dopo avere giocato quasi tutto il girone di ritorno con la consapevolezza che sarebbe stata l'ultima stagione del F.C. Barcellona Baseball nella División de Honor. Tuttavia, un gruppo di dirigenti della sezione, tra i quali l'attuale presidente Josep Juaneda, Ferran Guillén, Jose Maria Roman e Manuel Cuevas, decise di rifondare il club con un nuovo nome mantenendo i diritti sportivi concessi a titolo gratuito dall'F.C. Barcellona. Probabilmente nessuno di loro si aspettava di poter lottare nuovamente per il titolo e addirittura di confermarsi campione.
E invece il C.B. Barcellona è stato protagonista di un campionato 2012 semplicemente fantastica concludendo il girone di andata solo al comando e la regular season al secondo posto (29-7 il record). Una stagione lunga ed estenuante in cui il club catalano ha raggiunto anche la finale di Coppa del Re (persa contro i Marlins di Tenerife) ed ha preso parte al girone di qualificazione della Final Four della European Cup conquistando il diritto a partecipare – per la squadra campione della Division de Honor – all'edizione della prossima stagione.
Il Barcellona ha avuto come solido avversario in finale gli Astros di Valencia, che potendosi concentrare solo sul campionato hanno fatto un'eccellente regular season inanellando 32 vittorie e 4 sconfitte e vincendo 3 dei 4 scontri diretti contro il C.B. Barcellona. Ma alla fine, i blaugrana hanno scatenato tutta la loro forza e la voglia di dimostrare al mondo che la città di Barcellona merita di avere una squadra in Division de Honor. Nelle prime due gare della serie i catalani si sono portati a casa una sofferta vittoria per 1-0 per poi dominare e vincere per manifesta superiorità in gara-2 con il punteggio di 10-0 (in 8 inning).
Poi la serie si è trasferita a Valencia lo scorso weekend. Vincendo anche gara-3 il Barcellona si sarebbe aggiudicato il titolo, ma gli Astros non ci stavano a subire un cappotto in finale peraltro davanti al proprio pubblico ed hanno così accorciato le distanze con un autorevole successo per 9-4. Sul monte di lancio, ancora una volta Leo Hernandez, autore di una grandissima stagione, soffre il cortissimo diamante degli Astros (che trasforma ogni battuta profonda in un fuoricampo) e in 6 inning concede 7 punti con 2 homerun, entrambi messi a segno da Cuevas. Per gli Astros, Trevor Caughey si prende la rivincita dopo gara-1 e porta a casa la vittoria lanciando 8 inning con 3 punti subiti, 9 strike-out ed una base ball. In battuta, entrambe le squadre siglano 3 fuoricampo: Cepin, Angulo e Segura per il Barcellona, Infante e Cuevas (2) per Valencia. Tuttavia, gli Astros si sono dimostrati più concreti con i corridori in zona punto e con 14 valide a 11 sono riusciti a ottenere una meritata vittoria.
In gara-4 i catalani decisi a chiudere i conti per il titolo, iniziano subito forte con un fuoricampo da due punti di Jesus Golindano nella parte alta del primo inning. Nella terza e quarta ripresa grazie a due "big-inning" da 5 punti ciascuno, il Barcellona prende il largo e gli Astros non riescono più a rientrare in partita, anche se nella parte bassa del sesto trovano una timida rimonta segnando 4 punti grazie ai fuoricampo di Ochoa e Cuevas. Per gli Astros arriverà un altro homerun nell'ottavo inning, battuto da Infante, ma non è sufficiente a compensare i ben 5 fuoricampo messi a segno dai blaugrana Golindano, Segura, Angulo (2) e Roman. La partita finisce 15-10 ed il Barcellona si laurea campione della Division de Honor 2012. Sul monte di lancio, Jorge Balboa subisce 9 delle 10 valide messe assegno dagli Astros con 9 punti concessi in 5 inning, 5 strike-out e 3 basi per ball. Si porta comunque a casa la vittoria grazie all'ottima prova del rilievo Oscar Jimenez, che lancia i restanti 4 inning concedendo un solo punto, e del reparto offensivo. Per gli Astros, Belmonte dopo aver perso gara-2 si ripete in una prova non all'altezza e perde l'incontro lanciando solo 3 inning nei quali concede ben 7 punti.
La Division de Honor 2012 vede quindi il Barcellona campione, Valencia, Tenerife e Viladecans qualificati per la Coppa del Re 2013. Barcellona e Tenerife hanno conquistato l'accesso alle Coppe Europee della prossima stagione. E adesso occhi puntati sulla Nazionale che a partire dal 7 di settembre disputerà gli europei in Olanda.

Avatar
Informazioni su Alex Ciherean 25 Articoli
Alex Ciherean nasce ad Albenga, in provincia di Savona il 28 luglio 1986, da padre romeno e madre italiana. Nel 2005 si trasferisce a Milano per studiare economia all´Università Bocconi, specializzandosi in management, con particolare interesse per la gestione delle società sportive. Dal 2009 vive a Barcellona, città in cui ha fatto un master in International Management presso l´ESADE Business School, ed ha approfondito in particolare i suoi studi legati all´influenza che le organizzazioni economiche e no-profit hanno sulla società. Per completare la sua formazione, nel periodo universitario si è recato oltreoceano per studiare alla Simon Fraser University di Vancouver ed alla University of California at Los Angeles (UCLA) ed ha trascorso tre mesi in Florida lavorando nella città di Miami. Durante questi viaggi, l´interesse per il baseball che lo aveva sempre accompagnato sin da bambino è diventato una vera e propria passione. Decisivo in questo senso, è stata la possibilità di vedere partite di Major League dal vivo. Attualmente lavora per PepsiCo Iberia nella sua sede di Barcellona ed al tempo stesso svolge l´incarico di Community Manager per il Club Béisbol Barcellona, squadra nata nel 2012, dopo la decisione del F.C. Barcellona di chiudere una delle sezioni di baseball più antiche d´Europa.

Commenta per primo

Lascia un commento