T&A sette vite: gara-1 resta a San Marino

Decide un walk-off homerun di Yepez. Rimini conduceva 5-3 al 9° dopo aver ribaltato una partita che sembrava già persa molto prima. Risultato che può pesare psicologicamente sulla serie

Come primo atto della serie finale non c'è male. L'altalena di emozioni di gara1 premia la solita irriducibile T&A (8-5) e condanna Rimini proprio sul più bello. Quando sembravano avviati alla sconfitta (3-0 dopo 6 inning completi), i Pirati riescono a capovolgere il risultato con una grande ottava ripresa (3-5) e arrivano a due out da una vittoria dai risvolti psicologici fondamentali. Invece, come era già successo nella prima partita del round-robin, San Marino risorge e piazza la zampata vincente, chiudendo nel migliore dei modi ovvero con il walk-off homerun del pinch-hitter Marco Yepez. T&A abituata a questo tipo di partite, Rimini no. E quando finisce così c'è sempre spazio per i se e per i ma. E se il manager Catanoso avesse lasciato sul monte Cruceta? E se invece di Di Felice avesse dato la pallina in mano al suo closer Pezzullo? Ma con i se e con i ma non si vincono le partite. Altre volte Di Felice si era rivelato una scelta azzeccata, stavolta con due lanci l'ex Major ha invece perso una partita che potrebbe pesare come un macigno sul morale dei Pirati. E sarà proprio dal punto di vista psicologico che lo staff tecnico riminese dovrà lavorare: c'è poco tempo, stasera si torna in campo per gara2.

Dall'altra parte la T&A festeggia a casa base l'arrivo di Yepez, eroe di giornata quanto lo sono comunque Pantaleoni (sua la valida del pareggio), Ramos e Chapelli che tengono accesa la speranza al 9° ma anche Rodriguez che per 6 riprese nasconde la pallina alle mazze neroarancioni. Di negativo nella magica serata sammarinese ci sono una difesa fallosa quando messa sotto pressione (3 errori decisivi, nessuno dei 5 punti riminesi è guadagnato sui lanciatori) e un Cubillan crollato troppo presto sotto i colpi del turno basso dei Pirati. Dall'altra parte per la prima volta non ha funzionato la partenza di Tabata, che pure per tre gare di play-off era stato impeccabile. Bene Cruceta fino al "k" su Mazzuca al 9° che sembrava aver messo quasi in cassaforte la vittoria, ma evidentemente al pitcher dominicano manca sempre qualcosa per portare a casa lo scalpo della T&A. Buone notizie anche da Chiarini, peraltro molto sfortunato (per due volte a un amen dal fuoricampo).

Alla fine Doriano Bindi, come suo costume, resta con i piedi per terra: "In una finale ogni lancio è decisivo. Noi abbiamo pagato caro gli errori, sono cose che succedono, l'importante è reagire e restare sempre in partita. Pensavo che Cubillan avrebbe chiuso contro la parte bassa del line-up ma non è andata così. Questa vittoria potrebbe pesare molto psicologicamente, ora loro dovranno essere bravi a reagire. Chi lancia stasera? Non ho ancora deciso". Infine Yepez, autore del fuoricampo decisivo al primo lancio di Di Felice: "Mi aspettavo quel lancio (una cutter, ndr) perché già due volte in stagione me l'aveva tirato". Stasera gara2 sempre a Serravalle, toccherà a Marquez salire sul monte per i Pirati, vedremo se contro Da Silva o Cooper.

Cristiano Cerbara
Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento