Impresa dell'Unipol che espugna Rimini 3-2

Bologna in vantaggio al secondo inning, poi raggiunta al quarto e quinto dai fuoricampo di Persichina e De Biase. Al secondo extra-inning decide una gran botte di Andrea D'Amico, vincente Cody Cillo e salvezza di Nick Pugliese

Al termine di una lunga e intensa maratona, durata quattro ore, l'Unipol Assicurazioni Fortitudo Bologna ha espugnato la casa dei Pirati, vincendo 3-2 contro il Rimini, dopo due extrainning, nella prima gara della seconda giornata del round robin della IBL 2012. In virtù del successo per 3-0 del Nettuno sul San Marino, i bolognesi sono ora appaiati ai Titani al secondo posto del girone di semifinale.
Nelle prime nove riprese si è visto un bel duello fra le coppie di lanciatori stranieri delle due squadre. Catanoso ha schierato ancora Tabata come partente, messo a dura prova dall'attacco biancoblu, che al secondo inning si è portato in vantaggio segnando due punti su valida di Liverziani e sfruttando l'unico errore difensivo del match. Un Matos come al solito quasi perfetto per le prime tre riprese, ha subito al quarto e al quinto inning i due punti del pareggio, battuti dai fuoricampo di Persichina e De Biase. Il partente di San Pedro de Macoris è sceso dal mound dopo 6.1 riprese di gioco, concedendo appena 4 valide, due delle quali a Maza, oltre alle due palle spedite oltre la recinzione. Questa volta è stato ottimo il rilievo di Felix Romero, che ha lanciato con sicurezza fino al nono inning, sostituito da Cillo per l'ultimo out nell'unico momento di difficoltà.
Dall'altra parte un altrettanto ottimo Cruceta ha spento la luce all'attacco bolognese, che tuttavia si è costruito l'occasione per chiudere l'incontro all'ottavo inning, con due uomini in posizione punto e un solo out. Fallita l'opportunità e difeso il pericolo nella ripresa finale sono stati inevitabili gli extrainning. A questo punto sono entrati in scena i due manager, Marco Nanni e Chris Catanoso, che hanno alternato cambi repentini sul monte di lancio, ingresso di pinch-hitter, ordinando bunt per muovere il gioco, basi intenzionali o difese "corte" per limitare i pericoli. I nero-arancio hanno avuto una ghiotta occasione per vincere al decimo inning, con corridori agli angoli e un solo out. Cody Cillo compiva il miracolo ponendo le basi per costruire il successo, che si concretizzava all'undicesimo inning, quando De Donno batteva valido, avanzava sul sacrificio di Sabbatani e poi su lancio pazzo, segnando comodamente sul gran doppio in mezzo agli esterni di Andrea D'Amico. A Nick Pugliese il compito di salvare l'importante vittoria, concludendo con un perentorio "1-2-3", con strike-out finale su Chiarini. Lanciatore perdente Mark Di Felice, che era stato già battuto sette giorni fa.

 

Alessandro Labanti
Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento