A-Rod messo ko da un cambio di Felix Hernandez

Frattura alla mano sinistra per l'asso degli Yankees colpito da un changeup del lanciatore venezuelano dei Mariners: impossibile fare previsioni sul rientro di Alex Rodriguez. Intanto Miguel Cabrera legna il suo 300esimo fuoricampo

Frattura della mano sinistra. Questa la conseguenza dell'impatto che il "cambio" lanciato da Felix Hernandez a circa 88 miglia all'ora ha avuto su Alex Rodriguez. Per Il terza base degli Yankees non è possibile prevedere al momento la data del rientro. Curioso notare che Eric Chavez, che lo sostituirà in terza base, ha subito un incidente simile nel 2004 e se la cavò con circa cinque settimane di assenza. Prima di A-Rod, Hernandez aveva dato già cenni di perdita del controllo del lancio visto che aveva colpito il suo ex-compagno di squadra Ichiro Suzuki durante l'inning precedente e Derek Jeter proprio in apertura dell'ottava ripresa. E proprio Jeter era avanzato in seconda base grazie ad un lancio pazzo di Hernandez poco prima dell'infortunio di Rodriguez. Nessuno ha ovviamente messo in dubbio la non intenzionalità del partente venezuelano che si è prontamente scusato.
Con la perdita di A-Rod, che raggiunge in infermeria Mariano Rivera, Andy Pettitte, Micheal Pineda e Brett Gardner, gli Yankees dovranno rivedere qualcosa anche se il +7 con quale guidano la East Division della American League permette ai "Bronx Bombers" di dormire sonni tranquilli. Infatti nonostante le 5 sconfitte nelle ultime 6 partite giocate in California (sweep subito ad Oakland nella serie da 4 ed 1-1 al momento in quel di Seattle), New York mantiene il miglior record della Major League con 58 vittorie e 39 sconfitte. Dietro il girone è piuttosto compatto con Baltimore a -7, Tampa Bay a -8 e la coppia Boston-Toronto a -9.5. A proposito di California, da segnalare la striscia di 6 vittorie consecutive degli A's che nella West Division hanno raggiunto al secondo posto gli altalenanti Angels di Mike Scioscia ed ora sono a sole 5 lunghezze dai Rangers che guidano il girone con un record di 57-39. Oltre al suddetto sweep inflitto agli Yankees, gli Athletics nelle ultime dieci gare hanno rifilato un cappotto ai Twins in Minnesota, hanno pareggiato una miniserie interna da 2 con i Rangers ed hanno iniziato con una vittoria la trasferta canadese contro Toronto rilanciandosi a pieno titolo, oltre che per la conquista del pennant, anche per la lotta alla Wild Card nella quale al momento condividono il primo posto con Anaheim.
Nella Central Division della AL, Detroit ha coronato la lunga rincorsa con la conquista del primo posto, al momento gestito in condominio con i White Sox. Il roster di Jim Leyland ha ritrovato i suoi slugger e dopo Prince Fielder, anche Miguel Cabrera ha festeggiato domenica il suo 300esimo fuoricampo, proprio nello scontro diretto contro i rivali di Division di Chicago (finito con un cappotto dei Tigers ai White Sox in una serie da 3). Il 29enne venezuelano diventa il quattordicesimo giocatore a raggiungere quota 300 prima dei 30 anni (il tredicesimo è il suo compagno Prince Fielder). Il leader dei fuoricampisti venezuelani resta Andres Galarraga che tra il 1985 ed il 2004 ha raggiunto quota 399. Tanto per dare un'idea delle potenzialità di questo giocatore, basti pensare che Hank Aaron – alla stessa età di Cabrera – ne aveva battuti 309 e Barry Bond 222. Il girone della Central è attualmente diviso in due tronconi: nel primo, la coppia Detroit-Chicago (52-45) è inseguita da Cleveland che è in ritardo di sole 3 lunghezze, mentre nel secondo Kansas City e Minnesota sono dietro rispettivamente di 10.5 e 12.
Nella National League continua la cavalcata dei Nationals che sta allungando sulle rivali della East Division. Washington, che con 57 vittorie e 39 sconfitte ha il miglior record della NL, ha portato a +4.5 il distacco su Atlanta e +10.5 quello sui Mets che sembrano in caduta libera (1 sola vittoria nelle ultime 10 gare). I Nats hanno sfruttato il calendario che li ha messi di fronte ai Mets (prima in casa e poi fuori) e ai Braves in casa nelle ultime 9 partite nelle quali hanno ottenuto 6 vittorie e 3 sole sconfitte. Dietro New York continuano a soffrire Miami (-12.5) e Philadelphia (-14), che appaiono definitivamente fuorigioco. A proposito dei Marlins un "rumors" che sembra essere molto concreto, vede in partenza l'interbase Hanley Ramirez, La destinazione del 28enne dominicano dovrebbe essere Los Angeles, sponda Dodgers, dove i suoi fuoricampo potrebbero aiutare i "Blue" alla conquista del pennant della West Division. Al momento il girone è nelle mani dei Giants che con un record di 55-42 (8 vittorie nelle ultime 10 gare) si portano a +2.5 dai Dodgers. Le due contendenti devono però fare i conti con il ritorno di Arizona che adesso è a sole 6 lunghezze dai Giants, c'è quindi bagarre nell'aria. Attualmente la striscia di vittorie consecutive dei Diamondbacks è ferma a 5 e l'imminente scontro diretto tra Los Angeles e San Francisco potrebbe avvicinare ulteriormente la franchigia di Phoenix. A propositi di strisce vincenti consecutive, meglio degli "snakes" stanno facendo i Cincinnati Reds che, grazie anche allo sweep interno inflitto ai Brewers, sono a quota 6. La franchigia di Dusty Baker si è ripresa la vetta della Central Division grazie ad 8 vittorie ottenute nelle ultime 10 gare (le uniche due sconfitte arrivate proprio contro Arizona nella serie da 4 pareggiata). Adesso i Pirates sono a 2.5 e St. Louis a -6. Sembrano definitivamente fuori da ogni discorso i Brewers (-12.5), i Cubs (-16.5) e gli Astros (-23.5). Nella lotta alla Wild Card della NL gli spot validi per il passaggio alla post-season sono occupati da Pittsburgh ed Atlanta rispettivamente con 54-42 e 53-44. Dietro di loro però la pressione è ancora molto forte visto che i Dodgers sono ad appena 0.5, i Cardinals hanno un ritardo di 2, i D-Baks di 4 ed i Mets di 6.

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 498 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento