Cordemans recordman in Olanda, 151 vittorie

Dopo due tentativi falliti, il partente degli Amsterdam Pirates centra l'ennesimo successo sul mound (6-2 allo Sparta-Feyenoord) e supera il primato detenuto dal 1996 da Bart Volkerijk che parte da L'Aja per festeggiare l'impresa

Rob Cordemans ha battuto un record nazionale che durava da ben 16 anni. Con l'ennesimo successo sul mound è diventato infatti il lanciatore olandese con il maggior numero di vittorie nella Hoofdklasse. Il partente degli Amsterdam Pirates, targati L&D, ha vinto la sua 151esima partita, una in più rispetto a Bart Volkerijk, cui apparteneva il precedente primato stabilito nel 1996 (terzo è Herman Beidschat a 140).
Due tentativi falliti dal 37enne Cordemans in casa per agguantare quella fatidica vittoria numero 151. Contro il Mr. Cocker HCAW la gara è stata interrotta per pioggia alla seconda ripresa, quando Cordemans era già in vantaggio 5-0. Secondo tentativo ben più prestigioso, contro il forte DOOR Neptunus, ma era il giovane partente di Rotterdam, Tim Roodenburg a fermare l'attacco de Pirates e a regalare la vittoria al Neptunus per 1-0.
Poi, finalmente, domenica scorsa, a Rotterdam contro lo Sparta-Feyenoord, Cordemans realizzava l'impresa dando la vittoria agli Amsterdam Pirates. Ancora la pioggia a disturbare il match, durato 5 riprese tra un'interruzione e l'altra in 3 ore e mezza di gioco. Gara omologata con risultato di 6-2 e nuovo record per il Cordemas. Il suo predecessore, Bart Volkerijk, è giunto da L'Aja per congratularsi con lui. Presenti alla celebrazione a Rotterdam anche i genitori di Cordemans, la sorella, la moglie e la figlia Roos. E una bottiglia di spumante italiano ha "bagnato" il felice momento di Cordemans sotto gli occhi delle telecamere dell'emittente regionale Rijnmond.
Nato a Schiedam, Rob Cordemans è stato lanciatore degli Hawks a Dordrecht e ha debuttato nella Hoofdklasse il 22 maggio 1994 con il DOOR Neptunus contro gli Amsterdam Pirates. Fu solo l'inizio di una straordinaria carriera di successi in concomitanza con i migliori anni del Neptunus in Olanda e in Europa. Cordemans passava all'ADO per due anni (2006 e 2007), allo Sparta/Feyenoord (2008 e 2009) fino ad oggi per la terza stagione consecutiva con la casacca dell'L&D Amsterdam. Rob Cordemans è quindi il nuovo "re del mound olandese" ma a sorpresa anche del Mondiale IBAF 2011, quando i tulipani hanno battuto tutti i grandi avversari come USA, Giappone, Corea e Cuba. Protagonista assoluto del trionfo finale è stato proprio Cordemans, chiamato "Ice Man" per il suo sangue freddo, in qualità di partente dopo 4 ore di ritardo (pioggia a Panama), che teneva bloccati a un punto i cubani nella gara decisiva, vinta 2-1 dall'Olanda.
Si è giocato intanto ieri sera nella Hoofdklasse ed è stata quasi definita la classifica finale della stagione regolare olandese: primi L&D Amsterdam Pirates, secondo DOOR Neptunus di Rotterdam e terzo Corendon Kinheim di Haarlem. Resta da stabilire il quarto posto con i Vaessen Pioniers di Hoofddorp che potrebbero essere raggiunti dall'UVV Utrecht nell'ultimo turno della regular season. I play-off "all'italiana" si disputeranno dopo la "Settimana di Haarlem", torneo biennale che si svolge come da tradizione allo stadio Pim Mulier con la partecipazione di Olanda, Giappone, Taiwan, Cuba, USA e Portorico. L'edizione 2012 è in programma dal 13 al 22 luglio prossimi.

Pim Van Nes
Informazioni su Pim Van Nes 253 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento