Il rookie di Amsterdam che ha fermato Rotterdam

Ian Delemarre ha debuttato nella Hoofdklasse il 5 maggio scorso battendo il Mr.Cocker HCAW. E' stato nuovamente chiamato sul mound nel match giocato in trasferta contro il DOOR Neptunus. E il partente 18enne ha vinto ancora

Nel secondo anticipo infrasettimanale riservato alle due squadre partecipanti alla European Cup, sul monte di lancio del Familiestadion di Rotterdam abbiamo visto due situazioni diametralmente opposte. Due lanciatori stranieri per il DOOR Neptunus, l'americano Carrington e l'australiano Ruzic. Sull'altro fronte, quello ospite, i Pirates Amsterdam largo ai goovani con una rinnovata fiducia ad un 18enne, Ian Delemarre. Dopo l'esordio nella Hoofdklasse, il 5 maggio scorso, sempre come partente (e vincente dopo 7 riprese contro gli ospiti del Mr. Cocker HCAW), la prima palla del difficile match è stata consegnata ancora nel guanto del giovane Ian.
Durante le prime tre riprese Delemarre controlla incredilmente l'attacco pungente del Neptunus, limitando a 10 i turni di battuta avversari. Nella quarta ripresa invece, il designato del DOOR, Raily Legito, e il prima base, Jeffrey Arends, battevano due singoli in successione. Per il rookie di Amsterdam, basi piene e zero out. Niente visita dal dug-out per incorraggiare il giovanotto, che freddamente poco dopo provoca un doppio giocco difensivo. Ne approfitta per pareggiare il Neptunus con Rafael Jozefa che corre dalla terza a casa base (1-1).
Era Wesley Connor a riportare in vantaggio i Pirates già nella quinta ripresa, grazie al doppio sul lancio del partente Bobby Carrington e sfruttando una volata di Sidney de Jong più un errore dell'interno belga Benjamin Dille su una battuta di Percey Isenia (2-1). Neanche il rilievo australiano del Neptunus ed ex-Rimini, Dushan Ruzic, sapeva bloccare l'attacco dell'L&D Amsterdam ed era ancora Wesley Connor a segnare su un singolo di Percey Isenia nella settima ripresa (3-1). Delemarre è riuscito a resistere per 6 riprese, lasciando in vantaggio i suoi e passando la palla al 23nne rilievo Rik Geestman. Per difendere il risultato viene chiamato il "vecchio" Jurrian Koks (28 anni). Durante lo stesso settimo inning, la pioggia ha interrotto la gara per circa 40 minuti, ma i battitori del Neptunus restano a secco. Vincono meritatamente gli Amsterdam Pirates per 3-1. Lanciatore vincente Delemarre (1 K, 1 BB, 4 valide in 5.1 riprese e 64 lanci), salvezza per Koks. Da segnalare i punti battuti a casa da Roel Henrique e Percey Isenia, un doppio per Connor e singoli per Isenia (2), Sidney de Jong (2) e Bas de Jong (3).
La classifica della Hoofdklasse vede al comando l'L&D Amsterdam Pirates e Corendon Kinheim con 4 sconfitte, DOOR Neptunus e Vaessen Pioniers con 6 e UVV Utrecht con 9 sconfitte, ancora in corsa per accedere ai play-off.

Pim Van Nes
Informazioni su Pim Van Nes 249 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento