E la IBL canta… "Playin' in the rain"

Terza di andata funestata dal maltempo e dai rinvii. Soltanto 7 su 12 le gare disputate durante il fine settimana: ad approfittarne la T&A San Marino che ha incassato due vittorie sul Cariparma mentre Rimini perde la terza col Grosseto

Referto del terzo turno di andata della IBL 2012: un solo trittico andato regolarmente in scena, quello tra Grosseto e Rimini; uno saltato completamente, tra Bologna e Godo; e due, San Marino-Parma e Novara-Nettuno, non del tutto disputati. Vincitore? Il maltempo, che ce l'ha messa proprio tutta a complicare il fine settimana del batti e corri italico.

Nell'unica serie completa, quella tra Grosseto e Rimini, i pirati hanno perso l'occasione di riavvicinarsi al treno delle capoliste San Marino e Bologna, perdendo Gara-3 con un disastroso primo inning che ha visto i romagnoli subire ben sei punti quando sul monte di lancio c'era il ventunenne Tommaso Cherubini a cui il manager Catanoso aveva affidato il delicato compito di starter del match in notturna.

Novara fatica ancora a prendere le misure con il massimo campionato e dopo aver subito l'ennesima sconfitta per manifesta in gara-1 dal Nettuno (15-1 al 7°), ha registrato uno scatto d'orgoglio nella seconda partita del trittico quando ha costretto il nove laziale a strappare la vittoria solamente al nono ed ultimo inning su volata di sacrificio di Bergolla che ha spinto a casa Ambrosino autore, in apertura di ripresa, di un doppio.

All'ombra del Monte Titano è invece andato in scena l'ennesimo "show-case", con i padroni di casa della T&A nel ruolo di attori protagonisti con una doppietta questa volta rifilata ai danni del giovanissimo Cariparma. Dopo il primo match praticamente mai in discussione e messo imn cassaforte dai padroni di casa nella parte centrale (tra il quarto inning, sacrifici di Chapelli e Imperiali, e quinto inning, punto su errore), gara-2 ha visto invece gli emiliani guidare l'incontro fino al quinto (3-2), e impensierire fino a quel punto il team guidato da Bindi che ha però subito cambiato marcia e con un pesante break (4-0) ha regolato qualsiasi velleità degli ospiti. La T&A allunga dunque in classifica sulle dirette inseguitrici, Bologna e Rimini, con i felsinei costretti ad un probabile tour de force quando verrà comunicato il recupero del trittico contro il Godo.

Per capire come e quando si concluderà questo terzo turno occorrerà però aspettare le comunicazioni che giungeranno a valle delle decisioni prese da parte della Commissione Gare della FIBS che si riunirà questa settimana.

Marco Micheli
Informazioni su Marco Micheli 86 Articoli
Nato nel 1980, metà trentino e metà vicentino (ma veronese d'adozione), vive e lavora a Milano dove si occupa della comunicazione nel Sud-Europa per Boston Consulting Group (BCG), la multinazionale della consulenza aziendale. Grande appassionato di tutto ciò che è USA, dallo sport ai "dunkin' donuts", dai grattacieli della East Cost alle spiagge assolate della West. Marco scopre il baseball all´età di 10 anni quando, complice un regalo della madre insegnante, inizia a calpestare lo storico diamante della Polisportiva Praissola sotto la guida del "mitico" Bissa. Gli anni dell´università lo allontanano dalla terra rossa, prima a Feltre e poi a Milano. Ma è con il conseguimento della laurea in Relazioni Pubbliche allo IULM di Milano e il conseguente viaggio-premio a Boston che si ritrova e decide di curare la comunicazione dei Dynos Verona. Due anni favolosi, densi di soddisfazioni e ricordi indimenticabili, impegnato nella promozione del sodalizio scaligero sulla stampa locale e sportiva. Per Baseball.it scrive del "batti e corri" giocato nella sua terra, il Nord-Est, ma non disdegna di "intrufolarsi" anche in questioni a carattere nazionale e internazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento