San Marino riapre i giochi nella terza sfida scudetto

Trascinata da Tiago Da Silva che lancia l'intero incontro la T&A vince a Nettuno (5-2). Danesi sotto tono. Illusorio al settimo inning il fuoricampo di Kelly Ramos. E stasera Wilson contro Bonilla

San Marino torna quello che ha dominato campionato e round robin di semifinale, Nettuno riscopre gli affanni di una stagione e la serie scudetto ora è sul 2 a 1. Grazie anche a un grande Tiago Da Silva sul monte di lancio. Com'è lontana l'impresa sul monte Titano per la Danesi, alla quale non basta il calore del pubblico delle grandi occasioni. Anzi, i 6.500 del "Borghese" che incitano i padroni di casa e cantano all'unisono un emozionante inno nazionale sembrano dare la carica alla T&A.

Escalona viene colpito subito duro, un singolo dopo l'altro, l'illusione della presa al volo su Vasquez, la base a Duran dopo un turno interminabile e una serie di foul e quella successiva valgono punto forzato e visita sul mound. Duran nel box gira chiaramente il bastone ma né l'arbitro capo Filippi e tantomeno quello di terza Fabrin se ne accorgono. La successiva volata di sacrificio vale il secondo punto e fa infuriare Bagialemani.

Al cambio di campo  Tiago Da Silva fa capire subito come andrà la serata e dopo tre uomini la T&A torna nel box ma senza avere occasioni. La Danesi con i migliori del line up è di nuovo fuori dal box con un uno-due-tre che esalta San Marino, fra l'altro grazi anche a Pantaleoni che toglie letteralmente una valida a Olmo Rosario.  Al quarto San Marino segna il 3 a 0: Duran batte valido, ruba, va in terza sulla battuta in diamante ed è spinto a casa dalla volata di sacrificio di Imperiali. E' il San Marino che conosciamo, mentre la Danesi non si affaccia nemmeno sule basi e quando Mazzanti va in prima per quattro ball poi viene colto rubando. Al quinto si va sul 4 a 0: con due out Vasquez batte valido, lo imita Ramos e la partita di Escalona finisce qui. Entra Leal, Chapelli batte valido e spinge a casa un punto, mentre sul taglio Ramos è colto fra seconda e terza. Nettuno prova a reagire, Rosario è out all'esterno centro con una gran presa, Kelly Ramos batte valido ma poi Sparagna gira il primo lancio e la difesa ospite – che alla fine commetterà pure due errori – chiude l'inning con un doppio gioco. Al sesto da segnalare dopo i due k a Durane e Avagnina la base a Imperiali che su una palla sfuggita a Ramos prova ad andare in seconda ma viene fulminato.

Nel suo attacco la Danesi arriva finalmente in seconda con Caradonna che batte una valida interna e arriva in zona punto grazie all'errore di tiro. Al settimo Nettuno rientra in gioco: Camilo batte valido, arriva in seconda su palla mancata, Mazzanti resta al piatto e Rosario è out al volo ma sull'unico lancio sbagliato dei 131 di ieri sera Kelly Ramos manda la palla oltre la recinzione: 4-2 e "Borghese" in delirio. Visita sul monte ma stavolta nessun cambio come a San Marino, anche se alla Danesi sembra girare nuovamente tutto bene, Sparagna su k mancato arriva salvo per un pasticcio della difesa, sembra tirare il vento giusto ma l'illusione dura poco. All'ottavo dopo due basi concesse Leal lascia il posto a Pezzullo, Chapelli batte in doppio gioco, ma con l'uomo in terza la valida di Duran vale il punto che chiude l'incontro. La Danesi non ne ha più, la valida di Caradonna che apre l'ottavo è vanificata dalla battuta in doppio gioco di Retrosi. Al nono da segnalare solo il doppio di Pantaleoni e la valida di Rosario che con due out serve a poco, anche perché subito dopo Ramos è out al volo e l'incontro finisce. Stasera si riparte, Wilson contro Bonilla. La serie è ancora apertissima.

Commenta per primo

Lascia un commento