Ultima stagione per "Sweet Lou"

Piniella, manager dei Cubs, dichiara di voler smettere al termine dell'attuale campionato. Ma è già nella storia, insieme ad altri 20 grandi che hanno vinto il titolo sia da giocatore che da manager

Lou Piniella è ormai deciso a dire basta. Questa sarà la sua ultima stagione nel dorato mondo della MLB. La conferenza stampa di "Sweet Lou" ha colto tutti di sorpresa, compreso i suoi ragazzi con la casacca dei Cubs: "E' dal 1962 che passo troppo tempo lontano da casa. Non c'entra nulla la piega che ha preso la stagione, è solo tempo di tornare a casa".
Piniella, 67 anni il prossimo 28 agosto, è stato il primo manager in oltre 70 anni, ad ottenere due titoli di Division nei primi 3 anni di lavoro con i Chicago Cubs ma, a meno di clamorosi stravolgimenti nel finale di stagione, non riuscirà a portare i "North Siders" alle World Series. Per trovare l'ultimo allenatore capace di ottenere tale risultato bisogna andare al 1908 quando alla guida del roster c'era Frank Chance. In carriera Piniella è riuscito nella non facile impresa di vincere le World Series da giocatore (1977 e 1978 con i New York Yankees) e da manager (1990). In tutta la storia della MLB solo 21 grandi personaggi ci sono riusciti. Però la squadra dei Cubs giura che farà di tutto per rendere memorabile l'ultima stagione di Piniella ed i 3 fuoricampo di Ramirez (che hanno contribuito alla vittoria per 14-7 contro Houston), battuti poche ore dopo la conferenza stampa, ne sono la testimonianza.
Per il momento i Cubs vivacchiano al terzo posto della Central Division della NATIONAL LEAGUE a braccetto dei Brewers con 43 vittorie e 52 sconfitte, a 10.5 dalla vetta tenuta in esclusiva al momento da St. Louis con Cincinnati a 0.5 dai Cardinals. Sempre in NL prosegue senza intoppi la trionfale marcia di un altro grande vecchio della Major, pronto a lasciare l'incarico da manager. E' Bobby Cox, la franchigia i Braves di Atlanta che grazie ad un passaggio di 7 vittorie nelle ultime 10 gare allungano ancora sui Mets (3-7 nella ultime 10), che stazionano al secondo posto a meno 6.5, e sui Phillies, terzi nel girone, che stentano a 7 lunghezze dalla vetta dopo le tre sconfitte consecutive rimediate nei giorni scorsi. Con un record di 55 vittorie e 38 sconfitte i Braves sono al momento la miglior franchigia della NL. In controtendenza il "giovane" Bud Black che a soli 53 anni sta regalando un bellissimo sogno ai fan dei San Diego Padres, sui quali nessuno ad inizio stagione avrebbe scommesso. Invece "The Friars" continuano a stupire tutti ed a guidare la West Division della NL, tenendo a distanza roster molto più quotati e stipendiati come i Giants, che seguono a meno 4, e soprattutto i Dodgers, fermi al quarto posto a meno 6. Terzo incomodo Colorado che occupa al momento la terza posizione del girone con 4.5 da recuperare.
Nella AMERICAN LEAGUE la sorpresa resta quella dei Chicago White Sox che si sono inseriti perfettamente nella lotta tra Tigers e Twin nella Central Division ed ora sono al comando del girone con 3.5 gare di vantaggio proprio sul duo Detroit-Minnesota. Nella West Division continuano a stentare i Los Angeles Angels che si mantengono al secondo posto del girone guidato da Texas che ha messo in cascina 5 partite di vantaggio sui rivali di Anaheim. Nella East Division è ancora New York a dettare legge con Tampa Bay ad inseguire a 2.5 lunghezze di distanza. Più lontana Boston che con sole 4 vittorie nelle ultime 10 gare staziona a meno 6 dalla vetta proprio mentre Yankees e Rays stanno imprimendo alla stagione l'accelerazione necessaria per guadagnarsi l'accesso alle post-season vincendo la Division oppure attraverso la Wild Card che sembra saldamente tra le mani di chi arriverà seconda in questo girone.

Informazioni su Andrea Tolla 527 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.