MLB, i pronostici della American

New York Yankees e Boston Red Sox aprono domenica il campionato della Major League Baseball. Un approfondimento della East, Central e West Division della American League

East Division
NEW YORK YANKEES
Stagione Regolare 2009: 103-59 (1°)
Play-off: conquistate le World Series
Coach: Joe Girardi (confermato)
Situazione:
Hanno vinto le prime World Series dal 2000 dopo una regular season da sogno. Ma questo non deve far dimenticare i problemi che ha dovuto affrontare Joe Girardi ed i rischi che si sono corsi affrontando tutte le post-season con una rotazione dei partenti ridotta a tre unità.
Nuovi arrivi:
Curtis Granderson (esterno centro/leadoff ex Detroit Tigers), Javier Vazquez (lanciatore partente ex Atlanta Braves), Nick Johnson (prima base/battitore designato ex Florida Marlins), Randy Winn (esterno ex San Francisco Giants), Marcus Thames (esterno sinistro/prima base ex Detroit Tigers), Boone Logan(rilievo ex Atlanta Braves)
Partenze:
Johnny Damon (esterno sinistro/leadoff), Hideki Matsui (battitore designato), Melky Cabrera (esterno centro), Chien-Ming Wang (lanciatore partente), Brian Bruney (rilievo), Xavier Nady (esterno)
Obiettivi:
Ripetere le gesta del 2009
Incognite:
Il più grande dubbio di questi tempi è capire se le nuove leve di lanciatori, come ad esempio Joba Chamberlain siano più adatti a giocare partenti o rilievi.
Conclusioni:
L'addio di Matzui e Damon sono molto difficili da sopperire, ma l'innesto di un quarto partente di livello come Vazquez potrebbe ovviare ad un calo di rendimento del lineup

BOSTON RED SOX
Stagione Regolare 2009: 95-67 (2° – Vincitori della Wild Card)
Play-off: eliminati dai Los Angeles Angels alle American League Division Series
Coach: Terry Francona (confermato)
Situazione:
L'ossatura del roster è rimasto lo stesso degli scorsi anni. E questo gruppo ha conquistato le post-season 8 volte negli ultimi 12 anni, vincendo le World Series 2 volte (2004 e 2007)
Nuovi arrivi:
Mike Cameron (esterno centro ex Milwaukee Brewers), John Lackey (lanciatore partente ex Los Angeles Angels), Marco Scutaro (interbase ex Toronto Blue Jays), Adrian Beltre (terza base ex Seattle Mariners), Jeremy Hermida (esterno ex Florida Marlins), Bill Hall (utility player ex Seattle Mariners), Joe Nelson (rilievo ex Florida Marlins)
Partenze:
Jason Bay (esterno sinistro), Billy Wagner (rilievo), Rocco Baldelli (esterno), Casey Kotchman (prima base), Paul Byrd (lanciatore partente)
Obiettivi:
Sebbene non avesse di questi problemi, il mercato di questa stagione si è incentrato sull'arruolamento di giocatori in grado di spingere sulle basi piuttosto che cercare un battitore da fuoricampo. Potenziato il già notevole monte di lancio.
Incognite:
Josh Beckett quest'anno diventa free-agent ed il lavoro del General Manager Theo Epstein sarà quello di convincerlo a restare. Inoltre da verificare se Jonathan Papelbon ha assorbito la pessima prestazione fornita in gara3 delle ALDS contro gli Angels o se il giovanissimo Daniel Bard sarà il nuovo closer dei BoSox.
Conclusioni:
Con Tim Wakefield, Clay Buchholz, Michael Bowden e Junichi Tazawa a lottare per la conquista del quinto posto nella rotazione dei partenti, questa è il miglior monte di lancio della MLB. Come gli Yankees, i Red Sox hanno nel loro arsenale la possibilità di centrare le 100 vittorie in stagione.

TAMPA BAY RAYS
Stagione Regolare 2009: 84-78 (3°)
Coach: Joe Maddon (confermato)
Situazione:
A due anni dall'esperienza delle World Series il payroll di questa franchigia è aumentato di circa il 50{56f695f76fa0efb526a8d97567a500c64fc6a2d97c836a14d9916483e20f84a9} ma il tetto è fissato comunque intorno ai 70 milioni di dollari. Qualche risorsa in più avrebbe sicuramente permesso al GM dei Rays di poter lavorare meglio per migliorare il roster.
Nuovi arrivi:
Rafael Soriano (closer ex Atlanta Braves), Kelly Shoppach (catcher ex Cleveland Indians), Dan Johnson (prima base ex Yokohama Bay Stars), Jesse Chavez (rilievo).
Partenze:
Gregg Zaun (catcher), Jason Isringhausen (rilievo), Chad Bradford(rilievo), Troy Percival(rilievo), Brian Shouse(rilievo), e Russ Springer (rilievo).
Obiettivi:
Costruire un bullpen in grado di supportare Rafael Soriano è la priorità. Da valutare la tenuta ed il posizionamento degli esterni. Il giovane Desmond Jennings sarà in grado di permetter lo spostamento di B.J. Upton a destra? Riusciranno i Rays a non cedere alle tentazioni di una cessione dell'esterno sinistro Carl Crawford?
Incognite:
Chi sarà il nuovo catcher "primario" della franchigia? Dioner Navarro o Kelly Shoppach? Il battitore designato Pat Burrell riuscirà a migliorare il record della scorsa stagione di .221 di media battuta con soli 14 fuoricampo?
Conclusioni:
Visiti anche gli avversari della East Division sembra veramente imporbabile un ritorno dei Rays alle post-season.

TORONTO BLUE JAYS
Stagione Regolare 2009: 75-87 (4°)
Coach: Cito Gaston (confermato)
Situazione:
La nota positiva della scorsa stagione è il numero sostanzioso di corse sulle basi messe insieme. Quella negative è che il numero di corse concesse è stato di molto superiore. L'obiettivo è quello di limitare l'aspetto negativo.
Nuovi arrivi:
Alex Gonzalez (interbase ex Boston Red Sox), Brett Wallace (prima base/battitore designato rookie), John Buck (catcher ex Kansas City Royals), Kevin Gregg (rilievo/closer ex Chicago Cubs).
Partenze:
Roy Halladay (lanciatore partente), Marco Scutaro (interbase), Rod Barajas (catcher), Kevin Millar (prima base).
Obiettivi:
Ricostruire un pitching staff di livello e cercare di ricostruire l'armonia in un roster sfiduciato. A complicare il tutto la cessione di Halladay, elemento fondamentale della rotazione dei partenti della franchigia dal 2002
Incognite:
Le incognite riguardano il monte di lancio: quale sarà la rotazione dei partenti? Chi sarà il prossimo closer? In che modo l'innesto del catcher Buck sarà in grado di aiutare il pitching staff a sciogliere questi nodi?
Conclusioni:
La cessione di Halladay non è stata adeguatamente compensata e questo aumenta le problematiche relative al monte di lancio

BALTIMORE ORIOLES
Stagione Regolare 2009: 64-98 (5°)
Coach: Dave Trembley (confermato)
Situazione:
Nessuna franchigia della MLB ha concesso un numero di valide così alto agli avversari, tuttavia gli Orioles sono molto soddisfatti del loro gruppo di giovani lanciatori.
Nuovi arrivi:
Kevin Millwood (lanciatore partente ex Texas Rangers), Mike Gonzalez (closer ex Atlanta Braves), Miguel Tejada (interbase/terza base ex Houston Astros), Garrett Atkins (prima base/terza base ex Colorado Rockies), Will Ohman (rilieco ex Atlanta Braves)
Partenze:
Melvin Mora (terza base/esterno), Danys Baez (rilievo), Chris Ray (rilievo), Rich Hill (lanciatore partente)
Obiettivi:
La cosa più importante è permettere ai giovani su cui tanto si sta puntando, i partenti Chris Tillman, Brian Matusz e Jake Arrieta,insieme al catcher Matt Wieters, di affermarsi come le nuove stelle della MLB.
Incognite:
I veterani Kevin Millwood e Jeremy Guthie sapranno guidare gli altri giovani lanciatori che compongono insieme a loro la rotazione dei partenti? Il 24enne Brad Bergesen riuscirà a far esplodere il suo potenziale? Koji Uehara, al suo secondo anno nella MLB, riuscirà ad imprimere la giusta direzione alla rotazione dei partenti? Il ritorno di Miguel Tejada ed il suo spostamento in terza base darà i frutti sperati?
Conclusioni:
Dopo 12 stagioni passate come fanalino di coda della East Division gli Orioles hanno l'occasione di fare dei piccoli ma significativi passiin avanti. Se Matusz, Tillman e Arrieta in un paio di anni si trasformano nei nuovo Hudson, Zito e Mulder il futuro di Baltimore è roseo…

Central Division
MINNESOTA TWINS
Stagione Regolare 2009: 87-76 (1°)
Play-off: eliminati dai New York Yankees alle American League Division Series
Coach: Ron Gardenhire (confermato)
Situazione:
Le due migliori mosse della off-season sono senza dubbio i rinnovi contrattuali di Joe Mauer e Justin Morneau. I Twins ripartono da loro
Nuovi arrivi:
J.J. Hardy (interbase ex Milwaukee Brewers), Orlando Hudson (seconda base ex Los Angeles Dodgers), Jim Thome (battitore designato ex Los Angeles Dodgers), Clay Condrey (rilievo ex Philadelphia Phillies).
Partenze:
Carlos Gomez (esterno), Orlando Cabrera (interbase), Joe Crede (terza base), Mike Redmond(catcher), Ron Mahay (rilievo).
Obiettivi:
Risolvere il problema del monte di lancio che lo scorso anno ha contato ben 10 lanciatori partenti che si sono alternati nei 5 canonici posti a disposizione. Il Carl Pavano della seconda metà di stagione ed il recupero di Francisco Liriano, che prima del "Tommy John" era uno dei più promettenti lanciatori della American League, potrebbero contribuire alla causa.
Incognite:
Riuscirà il prospetto di belle speranze Danny Valencia a mettere fine al continuo cambio di giocatori in terza base (17 giocatori negli ultimi 5 anni)?
Conclusioni:
La migrazione nel nuovo stadio, il Target Field, ha consentito ai Twins di incrementare il portafogli di circa 30 milioni di dollari. E sembrano essere stati spesi al meglio per cercare di rafforzare il roster e di migliorare quanto di buono si era già visto nel 2009.

DETROIT TIGERS
Stagione Regolare 2009: 86-77 (2°)
Coach: Jim Leyland (confermato)
Situazione:
Justin Verlander e Rick Porcello, lanciatori partenti rispettivamente 27 e 21 anni. Alla loro definitiva consacrazione la possibilità di riportare questo roster a concorrere per le World Series.
Nuovi arrivi:
Jose Valverde (closer ex Houston Astros) , Max Scherzer (lanciatore partente ex Arizona Diamondbacks) , Austin Jackson (esterno centro rookie), Daniel Schlereth (lanciatore ex Arizona Diamondbacks), Phil Coke (lanciatore ex New York Yankees), Johnny Damon (esterno sinistro ex New York Yankees).
Partenze:
Curtis Granderson (esterno centro), Edwin Jackson (lanciatore partente), Fernando Rodney (closer), Placido Polanco (seconda base), Brandon Lyon (rilievo), Jarrod Washburn (lanciatore partente)
Obiettivi:
Risollevare l'autostima e la fiducia del roster dopo il tracollo dello scorso settembre quando, nell'ultimo mese di regular season dopo una stagione condotta in testa alla division, si videro scavalcare sul filo di lana dai Twins grazie ad un record di 11 vittorie e 16 sconfitte nelle ultime 27 gare.
Incognite:
Jim Layland ha bisogno di motivare i veterani della squadra. Magglio Ordóñez, Nate Robertson, Jeremy Bonderman, Dontrelle Willis e Carlos Guillen, insieme al nuovo arrivato Johnny Demon possono trainare psicologicamente il gruppo.
Conclusioni:
L'arrivo di Johnny Damon puntella la situazione sugli esterni. Per essere competitivi resta da sciogliere la situazione in seconda base dove ad oggi sembra che il posto da "titolare" toccherà al giovane rookie Scott Sizemore

CHICAGO WHITE SOX
Stagione Regolare 2009: 79-83 (3°)
Coach: Ozzie Guillen (confermato)
Situazione:
Una rotazione dei partenti di assoluto valore con lanciatori che sono tra I migliori di tutta la Majors: Jake Peavy, Mark Buehrle, John Danks e Gavin Floyd
Nuovi arrivi:
Juan Pierre (esterno sinistro/leadoff ex Los Angeles Dodgers), Mark Teahen (terza base ex Kansas City Royals), J.J. Putz (rilievo ex New York Mets), Andruw Jones (esterno/battitore designato ex Texas Rangers), Omar Vizquel (interbase ex Texas Rangers)
Partenze:
Jermaine Dye (esterno destro), Scott Podsednik (esterno sinistro/ leadoff), Octavio Dotel (rilievo), D.J. Carrasco (rilievo), Chris Getz (seconda base)
Obiettivi:
E' necessario tornare a far punti per supportare al meglio una invidiabile rotazione di partenti. E' necessario sciogliere la riserva sul battitore designato (in lizza Jones, Kotsay e Flowers) ed è indispensabile migliorare le prestazioni di Alex Rios (.199 di media battuta in 41 gare disputate da quando è arrivato dai Blue Jays) e di Carlos Quentin che è sceso da 36 a 21 fuoricampo a stagione.
Incognite:
Gordon Beckham, che la scorsa stagione ha vinto il prestigioso "Sporting News Rookie of the Year" della American League, può confermarsi come seconda base? Teahen può rappresentare il giocatore adatto ad aumentare il numero di valide realizzate?
Conclusioni:
Il monte di lancio è perfetto. Ozzie Guillen dovrà concentrarsi molto sul lineup per cercare di capitalizzare al meglio l'ottimo reparto difensivo.

CLEVELAND INDIANS
Stagione Regolare 2009: 65-97 (4° – alla pari con i Kansas City Royals)
Coach: Manny Acta (nuovo)
Situazione:
La disastrosa stagione 2009, che sembrava dovesse essere quella della rinascita per i Cleveland Indians, ha portato ad un cambio di guardia al timone del roster: fuori Eric Wedge ai Tribe dal 2003, dentro Manny Acta, la scorsa stagione ai Nationals
Nuovi arrivi:
Austin Kearns (esterno destroy ex Washington Nationals), Mike Redmond (catcher ex Minnesota Twins), Mark Grudzielanek (seconda base ex Kansas City Royals), Jason Grilli (rilievo ex Texas Rangers).
Partenze:
Kelly Shoppach (catcher)
Obiettivi:
Acta, senza più le pressioni avute lo scorso anno da Wedge, riparte dalle giovani leve e così eccolo puntare tutto sui rookie Carlos Santana (catcher) e Michael Brantley (esterno sinistro). Loro potrebbero fare da apripista ad altri giovanissimi tra cui Nick Hagadone, Jason Knapp e Hector Rondon, lanciatori che verranno valutati durante gli spring training.
Incognite:
Jake Westbrook (infortunio "Tommy John" nel 2008) è pronto a tornare al suo ruolo di n. 1 della rotazione dei partenti? Travis Hafner, dopo due stagione costellate da infortuni, può rimanere in buona salute?
Conclusioni:
Dopo le spese folli della scorsa stagione, peraltro mal ripagate, quest'anno sarà all'insegna della parsimonia. L'unica speranza è legata all'esplosione di qualche giovane promessa

KANSAS CITY ROYALS
Stagione Regolare 2009: 65-97 (4° – alla pari con i Cleveland Indians)
Coach: Trey Hillman (confermato)
Situazione:
Il vincitore del Cy Young Award Zack Greinke ha firmato fino al 2012 ed il giovane prima base Billy Butler è un valido battitore su cui costruire un solido lineup
Nuovi arrivi:
Noel Arguelles (lanciatore rookie – da Cuba) , Jason Kendall (catcher ex Milwaukee Brewers), Scott Podsednik (esterno sinistro ex Chicago White Sox), Chris Getz (seconda base ex Chicago White Sox), Rick Ankiel (esterno centro ex St.Louis Cardinals), Josh Fields (terza base ex Chicago White Sox), Wilson Betemit (interno ex Chicago White Sox), Brian Anderson (esterno ex Boston Red Sox), Matt Herges (rilievo ex Cleveland Indians)
Partenze:
Coco Crisp (esterno centro), Miguel Olivo (catcher), Mike Jacobs (prima base), John Buck (catcher), John Bale (lanciatore).
Obiettivi:
Con un monte salari balzato improvvisamente intorno ai 70 milioni di dollari Hillman dovrà tentare, grazie ad un bel mix di giovani promesse e veterani, di porre fine ad una serie negativa di 15 anni senza successi.
Incognite:
Jose Guillen spostato nel ruolo di battitore designato a tempo pieno riuscirà a produrre il giusto? Podsednik e Ankiel riusciranno a dare una mano a David DeJesus sugli esterni?
Conclusioni:
Gli innesti di Ankiel e Getz sono di qualità ma difficilmente sufficienti per arrivare fino in fondo nella lotta per la conquista della division

West Division
LOS ANGELES ANGELS
Stagione Regolare 2009: 97-65 (1°)
Play-off: vincitori delle American League Division Series contro I Boston Red Sox, eliminati dai New York Yankees alle American League Championship Series
Coach: Mike Scioscia (confermato)
Situazione:
Hanno prodotto il secondo numero di corse di tutta la MLB la scorsa stagione e, sotto la guida di Mike Scioscia hanno raggiunto le post-season per la sesta volta in dieci anni
Nuovi arrivi:
Fernando Rodney (closer ex Detroit Tigers), Hideki Matsui (battitore designato ex New York Yankees), Joel Pineiro (lanciatore partente ex St.Louis Cardinals).
Partenze:
John Lackey (lanciatore partente), Vladimir Guerrero (battitore designato), Chone Figgins (terza base/leadoff), Gary Matthews Jr.(esterno), Darren Oliver (rilievo), Jose Arredondo (rilievo).
Obiettivi:
Gli Angels hanno un approccio da franchigia di National League, pertanto la partenza del terza base Figgins avrà bisogno di un degno sostituto. Far crescere il rookie Peter Bourjas, esterno centro. L'addio di John Lackey ha aperto la lotta allo spot numero 1 di lanciatore partente che al momento è conteso da Joe Saunders e Jered Weaver
Incognite:
Può Brandon Wood (.192 media in 86 partite di campionato la scorsa stagione) riempire il vuoto in terza base? Il ginocchio di Matsui gli permetterà di svolgere il suo compito di battitore designato e sostituire degnamente un fuoricampista come Guerrero? Scot Shields tornerà in forma dopo l'intervento al ginocchio?
Conclusioni:
Gli Angels hanno perso qualche pezzo da novanta, ma puntano tutto sull'abilità di Scioscia nel metterci una pezza. Quest'anno più che in passato però rischiano di restare a bocca asciutta.

TEXAS RANGERS
Stagione Regolare 2009: 87-75 (2°)
Coach: Ron Washington (confermato)
Situazione:
Quanto di buono mostrato lo scorso anno scatena entusiasmo tra i fan di questa franchigia che, a 14 anni dall'ultimo titolo di Division, iniziano a crederci. A dare maggior sostegno ai sogni dei tifosi la nuova proprietà, tra cui spicca il nome di Nolan Ryan
Nuovi arrivi:
Rich Harden (lanciatore partente ex Chicago Cubs), Vladimir Guerrero (battitore designato ex Los Angeles Angels), Darren Oliver (rilievo ex Los Angeles Angels), Colby Lewis (lanciatore partente ex Hiroshima Toyo Carp), Clay Rapada (rilievo ex Detroit Tigers).
Partenze:
Kevin Millwood (lanciatore partente), Marlon Byrd (esterno centro), Hank Blalock (terza base/prima base), Joaquin Benoit (rilievo), Andruw Jones (esterno/battitore designato),Omar Vizquel (interno)
Obiettivi:
Clint Hurdle avrà il non facile compito di sostituire nel ruolo di hitting coach Jaramillo. Da migliorare la percentuale di arrivo in base che lo scorso anno è stata la dodicesima della AL (.320)
Incognite:
Il primo compito di Hurdle sarà quello di riportare Josh Hamilton ai suoi livelli. Guerrero riuscirà a ripetere le gesta che lo hanno fatto amare a Los Angeles? Il giovane prospetto Justin Smoak, stella della nazionale Usa che ha vinto i recenti Campionati del Mondo giocati qui da noi, riuscirà a spodestare Chris Davis dalla prima base?
Conclusioni:
La sensazione è che in lizza per il primo posto di Division quest'anno ci sono anche i Texas Rangers

SEATTLE MARINERS
Stagione Regolare 2009: 85-77 (3°)
Coach: Don Wakamatsu (confermato)
Situazione:
Dopo un primo anno di ambientamento alla guida dei Mariners, Wakamatsu ha dato indicazioni ben precise al suo GM che lo ha accontentato in tutto migliorando in maniera encomiabile un roster già di buon livello
Nuovi arrivi:
Cliff Lee (lanciatore partente ex Philadelphia Phillies), Chone Figgins (terza base/leadoff ex Los Angeles Angels), Casey Kotchman (prima base ex Boston Red Sox), Milton Bradley (esterno sinistro/battitore designato ex Chicago Cubs), Ryan Garko (prima base/battitore designato ex San Francisco Giants)
Partenze:
Adrian Beltre (terza base), Russell Branyan (prima base), Brandon Morrow (lanciatore partente), Carlos Silva (lanciatore partente), Miguel Batista (lanciatore)
Obiettivi:
Lo scorso anno i Mariners hanno chiuso come fanalino di coda della American League nella classifica dei punti prodotti (275 meno degli Yankees e 243 meno degli Angels). Nel lineup continua a mancare un giocatore in grado di portare a casa i punti. Il seconda base Jose Lopez lo scorso anno ha dimostrato di essere in difficoltà con questo compito.
Incognite:
Il primo dubbio riguarda il caratteraccio di Milton Bradley. I promettenti rookies Will Adam Moore (catcher) e Dustin Ackley (esterno centro) riusciranno a dimostrare di valere le Majors? Quale sarà l'apporto del 40enne Ken Griffey Jr.?
Conclusioni:
Hernandez e Lee sono due tra i migliori lanciatori partenti della MLB. Se il resto della rotazione dei partenti riuscirà a sostenerli e se il lineup (che può contare su Suzuki e Figgins) farà il suo lavoro a Seattle si potrà respirare aria di post-season.

OAKLAND ATHLETICS
Stagione Regolare 2009: 75-87 (4°)
Coach: Bob Geren (confermato)
Situazione:
La crisi economica ha avuto effetti deleteri su questa franchigia che continua a vivacchiare in Division senza grandi ambizioni
Nuovi arrivi:
Ben Sheets (lanciatore partente ex Milwaukee Brewers), Kevin Kouzmanoff (terza base ex San Diego Padres), Coco Crisp (esterno centro ex Kansas City Royals), Jake Fox (battitore designato/prima base ex Chicago Cubs), Adam Rosales (terza base ex Cincinnati Reds)
Partenze:
Bobby Crosby (interno), Nomar Garciaparra (utility man), Adam Kennedy (seconda base), Brett Tomko (lanciatore), Brett Wallace (terza base/prima base), Scott Hairston (esterno), Aaron Cunningham (esterno).
Obiettivi:
Cercare di recuperare a livelli competitivi Sheets e Duchscherer entrambi reduci da infortuni importanti. Le fortune del monte di lancio dipende da loro e dall'esplosione di giovani di belle speranze come il mancino Brett Anderson
Incognite:
Il giovane Cliff Pennington sarà in grado di ricoprire il ruolo di interbase? Il rookie Michael Taylor è pronto per la MLB?
Conclusioni:
L'esplosione di qualche giovane promessa ed il recupero di veterani reduci da lunghi infortuni sono la speranza dei tifodi degli A's per non vedere la loro squadra di nuovo fanalino di coda della division
Gli innesti di Ankiel e Getz sono di qualità ma difficilmente sufficienti per arrivare fino in fondo nella lotta per la conquista della division

 

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.