La T&A brinda in Coppa Italia

 

La Coppa Italia prende la strada del Titano. Una T&A niente affatto abbacchiata dopo la sconfitta rimediata nella finale scudetto contro la Fortitudo Bologna, si è imposta in due partite sulla Telemarket Rimini conquistando così il secondo trofeo della sua storia (9-0, 6-5).

Più sciolto e potente rispetto a quello riminese, il line-up della T&A ha colpito senza soluzione di continuità i lanci di Di Roma, proposto da Mazzotti partente in garauno, finendo per collezionare 16 valide di cui 3 fuoricampo (bis di Albanese, homer spezza partita di De Biase da 3 punti al 5°). In pedana Martignoni ha come di consueto ipnotizzato le mazze riminesi concedendo appena 5 singoli in 7 riprese e alla fine Bindi ha concesso spazio sul monte ai giovani Ercolani e Bartoli. E proprio i due under sammarinesi sono stati riproposti nelle riprese finali di garadue dopo che Tonellato aveva contenuto il passivo. Incapace di rendere più sicuro il vantaggio contro i due rookies, il box neroarancione (homer di Coffie e Camargo) ha consegnato due punti da difendere al 9° a Quattrini (entrato al 7° per un buon Patrone) che però dopo due out veloci, è andato in confusione sulla valida dell'ottimo Schiavoni (schierato in terza base) perdendo la zona dello strike (3 basi ball consecutive per il 4-5). E arrivato a uno strike dalla salvezza, il pitcher marchigiano è stato incontrato da Jansen il cui singolo a sinistra è valso sorpasso e vittoria della coppa Italia per la T&A che così mette un altro trofeo in bacheca continuando la striscia positiva delle ultime stagioni mentre la Telemarket si consola con il ritorno in Europa.

Cristiano Cerbara
Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.