Scudetto 2009, sfida incerta

Ugf Bologna e T&A San Marino si equivalgono. I felsinei tornano in finale dopo 4 anni, i campioni d'Italia in carica sono nuovamente al top nel momento giusto. Le Gioco digitale italian baseball series saranno legate agli episodi

Si parte. Fortitudo Bologna "targata" Ugf banca e T&A San Marino giocano stasera il primo atto della finale scudetto della serie "Gioco digitale" dell'Italian baseball league. In nove giorni massimo conosceremo la squadra che si appunterà lo scudetto sul petto fra la formazione di Marco Nanni e quella, campione uscente, di Doriano Bindi. Come avviene ormai da anni vince chi arriva prima a quattro vittorie nella "serie". Le ultime due finali sono state assegnate nella "partita senza domani", vedremo stavolta come andrà a finire.
Sia Bologna sia San Marino – capace nelle ultime due stagioni di arrivare al top nel momento decisivo – hanno dimostrato sostanzialmente di essere equivalenti nel corso della stagione regolare e nel round robin di seminfinale: 4 vittorie per i felsinei e due per i titani nella prima fase, una per i primi e due per i secondi dopo. In battuta nelle ultime nove partite, quelle che hanno deciso le finaliste, la T&A ha chiuso al primo posto con una media di 297 (ma vanno considerati i "big inning" contro Parma), l'Ugf seconda a 257. In difesa la formazione di Nanni ha commesso solo 9 errori e ha una media di 975, prima fra le semifinaliste, quella di Bindi 12 con 965, terza. Sul monte di lancio meglio i "titani" con una media pgl di 2,91 – la prima del girone – mentre sotto le Due torri si è sofferto un po' e la media è stata di 4,23, terza. Nella stagione regolare Bologna a 276 nel box contro il 274 di San Marino, ma 388 valide per i primi e 397 per i secondi. Difesa fallosa per gli emiliani con 56 errori e una media di 964, la migliore del torneo per i sanmarinesi con appena 39 errori e 976 di media. Sul monte meglio la Fortitudo con un pgl di 3,2 contro il 3,49 degli avversari della "serie". Le differenze sono minime e ogni episodio sarà praticamente decisivo. Alla sfida di stasera l'Ugf dovrebbe presentarsi finalmente al completo: Infante riprenderà il suo posto all'interbase e Daniele Frignani torna battitore designato. Matos e Ribeiro saranno i 2 pitcher partenti di oggi e domani, mentre Matteo D'Angelo lancerà solo se al 100{b9b2dd22011213d75daef01e85a904ec4a8ba2e2cc9b042c510858fd31a889c6} . In un monte "corto" il pitcher che è reduce da un infortunio negli States può rivelarsi fondamentale. La T&A arriva a difendere lo scudetto dopo aver pienamente Rovinelli (un anno fa autore di fuoricampo decisivi), ma con il dubbio Duran. L'esterno, infatti, non si è ancora ripreso dalla micro frattura a una costola. I partenti saranno Estrada venerdì e Da Silva sabato.
E' una "serie" che tra dati e condizioni delle squadre si preannuncia certamente lunga, come hanno ammesso gli stessi tecnici alla vigilia. Difficile fare un pronostico, Bologna torna a disputare una finale dopo quattro anni, San Marino sembra averci ha fatto l'abitudine. Alla vigilia è arduo dare a una delle contentendi più del 50{b9b2dd22011213d75daef01e85a904ec4a8ba2e2cc9b042c510858fd31a889c6} delle possibilità. Per "Giocodigitale" favorita – almeno in gara uno – è la squadra padrone di casa che è "data" a 1,63, mentre una vittoria del San Marino sarebbe pagata 2,15 volte la posta.
Arbitrano Filippi, Leone, Giachi, Maestri, Cappuccini e Screti, gara uno in diretta su Rai Sport Più dalle 21.45, gara due dalle 21.30 

 

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.