Bologna aggancia Rimini in testa. Grosseto quasi fuori dai giochi

I felsinei di Nanni, il cui attacco ora fa paura, si aggiudicano la serie contro la Telemarket – Nessuna tripletta nell'ultima di andata e a Godo in gara-3 "festival" di punti, basi ball e valide

Ciak, si gira. L'Italian Baseball League 2009 vira e si lancia verso il traguardo.

Quest'ultimo turno d'andata ha visto un succoso antipasto di playoff tra Rimini e Bologna e dà l'opportunità di trarre un primo bilancio. Il girone d'andata ha detto, ad esempio, che Garcia (6-0, 0.57) è uno dei migliori lanciatori stranieri approdati in Italia negli ultimi anni e che con il line up che si ritrova, Rios e Chiarini le bocche da fuoco, Rimini può essere considerata, come era d'altronde nelle previsioni della vigilia, la candidata numero uno… e mezzo al titolo. La sfida con Bologna, il cui attacco cresce (quasi 300 di media) e con lui Stocco autore del grande slam decisivo in gara-2, è stata però vinta dai felsinei che così agganciano proprio i riminesi in vetta: saranno scintille anche in post season. Bene Patrone e Betto in gara3, ma Ularetti e Milano hanno fatto meglio di Quattrini.

Le triplette "di diritto" non esistono, chiedere a Nettuno e Parma. Laggiù, Reggio Emilia e Godo si divertono a fare sgambetti e la corsa parallela per un posto all'inferno durerà fino in fondo. I ragazzi di Saccardi sono riusciti a portare via gara2 al Nettuno sfruttando meglio il primo tie-break dell'Italian Baseball League, mentre Godo ha sorpreso, sempre in gara2, un Parma che ha pagato un paio di errori difensivi di Munoz ma anche un approccio non ottimale nel box. Gara3 invece è stata pari ad una gara di slow pitch sia nei numeri che nei contenuti: 33 valide equamente distribuite, ma ben 14 sono state le basi ball concesse dai cinque lanciatori del Godo contro le 7 degli altrettanti ducali per un 23-11 che per gli esteti del baseball è un colpo al cuore. Gerali, al momento, deve capire cosa sta succedendo a Corradini. L'azzurro da tre partite parte ad handicap e non riesce a superare la metà gara. Oltretutto il bullpen negli ultimi due weekend ha scricchiolato e Burlea avrà probabilmente bisogno ancora di un paio di settimane per essere al top.

Il quarto posto per ora regge, ma San Marino, che ha presentato il neo acquisto olandese Snijders, si candida come unica alternativa credibile dopo aver vinto la serie, 2-1, contro una diretta concorrente come Grosseto. Ancora una volta, Bindi perde la partita in cui Da Silva è il partente ma non per colpa dell'azzurro. Cinque riprese molto buone, poi sono Gregorius e Crudale che consentono ai maremmani di girare la partita a proprio favore. Esorcizzato, invece, il tabù gara-3, vero tallone d'Achille finora, con un discreto Martignoni e con gli ottimi rilievi di Lucena e Schiavoni. Grosseto, nonostante il ritardo di quattro partite non è ovviamente del tutto fuori dai giochi e spera che De Santis possa arrivare presto a tirare almeno mezza partita e con le stesse performance di prima, per quel poco che ha lanciato negli ultimi due week-end sembrerebbe di sì, anche se in un campionato così corto e con due squadre davanti l'impresa sembra difficile.

Informazioni su Paolo Mulazzi 42 Articoli
Nato a Parma nel 1963, giornalista pubblicista, cominciò a seguire il baseball nel 1974, penultimo anno targato Bernazzoli, e si “abituò subito male” con le vittorie della grande Germal. Provò anche a giocare, per un paio d’anni, nell’allora Parma Pan, ma scelse, forse a ragione, di dedicarsi alla scuola. Così dovette accontentarsi, in età più adulta, di anni e anni di slow pitch. Agli inizi degli anni '80 inizia il suo percorso giornalistico in ambito radiofonico con Radio Emilia prima ed Onda Emilia poi. Un percorso durato sino alla fine degli anni '90 fatto di conduzioni in studio, per un anno anche televisive con la collegata Europarma Tv (l’attuale Teleducato), servizi e radiocronache di baseball e rugby, sport, quest’ultimo, che è sempre andato di pari passo col primo. Nel 2004 inizia la sua avventura col cartaceo collaborando per il settimanale gratuito "Lungoparma" occupandosi, oltre che di sport, anche di inchieste d’attualità. Nell’aprile 2005 nasce a Parma il quotidiano "L’Informazione" con cui comincia a collaborare sin dal primo numero scrivendo sempre dei suoi due sport preferiti. Nel marzo 2008 passa a "Polis Quotidiano". Inoltre, nel novembre del 2007 è co-ideatore del quotidiano sportivo on line www.sportparma.com ma i suoi impegni non finiscono qui: ha collaborato saltuariamente col settimanale locale "Zerosette", occupandosi di inchieste, e scrive regolarmente su "Lameta", settimanale di rugby a diffusione nazionale. Nel mezzo di tutto ciò c’è stato anche spazio, dal 2000 al 2005, per allenare il settore pre-baseball dell’Oltretorrente, esperienza che gli ha dato molto dal punto di vista umano. Ama la natura e gli animali (salutiamo il gatto Gigi) e sogna sempre di rivedere gli stadi pieni come un tempo, almeno a Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.