Rangers ko, Verona sale al terzo posto

La formazione scaligera allenata dal cubano Cuesta incassa due vittorie in casa (4-3 e 5-2) contro i giuliani di Pantoja che hanno lottato fino in fondo- Doppia salvezza per il veronese Tebaldi

Grazie alla doppia vittoria casalinga contro i Rangers Redipuglia (4-3 e 5-2), l'FDS Verona torna a scalare la classifica del girone A della serie A2, posizionandosi al terzo posto a ridosso delle prime della classe, Paternò e Piacenza. "Sono state due vittorie molto importanti – ha commentato il manager cubano della formazione scaligera Andres Cuesta – Dovevamo vincere e così è stato. Nonostante gli infortuni il gruppo si è dimostrato molto unito. Anche perchè Redipuglia non merita assolutamente la posizione che occupa in classifica e i punteggi finali sono lì a dimostrarlo. Ora quello che ci manca è una maggiore capacità offensiva e registrare alcune giocate difensive. Siamo comunque molto fiduciosi per il proseguo della stagione".
Gara 1 – La partita del pomeriggio vede sul monte scaligero la batteria, ormai collaudata, Briggi-De Boni a cui il Redipuglia oppone Cossar-Baccari. E sono proprio i lanciatori italiani i veri protagonisti dell'incontro, assistiti anche dalle rispettive difese, tanto che non si registrano segnature nei primi due inning. Al terzo i giuliani passano in vantaggio grazie a Tonzar che dopo aver battuto un singolo, aver rubato la seconda con un sacrificio di Serra e la terza su lancio pazzo, arriva a casa base su una volata all'esterno centro Dixon Mavare. Verona batte ma lascia uomini sulle basi al secondo e al terzo attacco, senza riuscire a concretizzare. Al quarto i Rangers raddoppiano: con due out: Baccari batte valido e ruba, grazie a due errori difensivi la seconda e la terza. Due basi ball consecutive permettono quindi a Baccari di segnare il 2-0. Al cambio di campo Verona è molto più aggressiva: con due out, Benetti e Bottaro battono due valide consecutive cui si aggiunge il doppio di Manzotti che spinge a casa i due punti del momentaneo pareggio (2-2). L'FDS è entrata in partita e segna altri due punti al quinto e al sesto attacco grazie ad un doppio di Zucchett e un singolo di Manzotti. Al settimo Pietro Briggi lascia il monte a Francesco Grigoletto che subisce un punto dal friulano Mavare grazie ad una serie di base rubate e al singolo di Cechet. Il manager scaligero Cuesta decide di sostituire subito il giovane lanciatore vicentino con Rocco Tebaldi che guadagnerà la salvezza e la conseguente vittoria. 4-3 per Verona il finale.
Gara 2 – L'incontro, causa un improvviso temporale, prende il via poco dopo le 21 e vede ricostituirsi sul monte la batteria Bruera-Zucchet. Contro il partente friulano Diego Zorzenon il Verona passa subito in vantaggio al primo con Montalbetti che sfrutta una volata di sacrificio di Zucchet. Al cambio di campo i friulani pareggiano e superano i padroni di casa grazie alle valide di Varin e Tonzar (2-1). Al terzo Verona va a punto due volte e sorpassa gli avversari: con un singolo e i due sacrifici di Battaglini e Montalbetti il giovane Davide Bertagna segna il 2-2, seguito poco dopo da Zucchet che sfrutta il doppio di Ian Corso (3-2). Partita ben giocata da entrambe le formazioni che si danno battaglia senza esclusione di colpi. Al sesto gli scaligeri segnano altri 2 punti con Benetti e Manzotti grazie ad alcune incertezze difensive degli avversari. Al nono, dopo otto riprese lanciate, Rodrigo Bruera cede il monte al closer Rocco Tebaldi: per lui seconda salvezza di giornata. Finisce 5-2 per gli scaligeri che agguantano il terzo posto.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.