La Telemarket punta su Phil Lo Cascio

I Pirati si assicurano le prestazioni del trentenne interno italo-americano svincolatosi dai Warriors Paternò – Sconfitto un linfoma nel 2005, Lo Cascio giocherà come ASI

Sempre attivissima sul mercato, la Telemarket Rimini continua la sua opera di rinnovamento per dimenticare le ultime due deludenti stagioni e tornare subito ai livelli che le competono. La società neroarancione ha ufficializzato infatti l'ingaggio di Phil Lo Cascio, interno italo-americano che si è svincolato unilateralmente dai Warriors Paternò, squadra per la quale ha militato fin dal 2003, l'anno del suo arrivo in Italia.
Trent'anni compiuti lo scorso 3 ottobre, Lo Cascio potrà avvalersi dello status di Atleta di Scuola Italiana proprio dal prossimo campionato, andando a completare il reparto interni dei Pirati che al momento possono contare sull'antillano Ivanon Coffie e sul confermato Santora ma che a breve vedrà anche l'ingaggio di due stranieri. Svelto di gambe e dal buon guantone, Lo Cascio andrà presumibilmente ad occupare il ruolo di seconda base anche se nelle ultime stagioni di A2 con il Paternò si è spesso e volentieri cimentato anche nel ruolo di short-stop.
L'italo-americano è risultato il quarto battitore dell'ultimo torneo di A2 (400 di media battuta con 6 doppi, 2 tripli, nessun homer, 27 pbc, 22 basi ball e soltanto 12 strike-out) ma si era fatto valere già ai tempi della militanza in A1 della formazione siciliana.
Nel 2004 Lo Cascio disputò 51 partite ottenendo una media di 291 (10 doppi e 2 tripli, 33 basi ball e 30 strike-out) mentre nel 2005 arrivò a 307 di media in 20 partite giocate dopo essersi fermato sei mesi a causa di una grave malattia. Phil Lo Cascio ha saputo trasportare nella vita la grande grinta che lo contraddistingue in diamante consentendogli di vincere la partita più importante e di guarire a tempo di record dal linfoma: nel maggio del 2005 il ritorno in campo al Falchi contro l'Italeri Bologna.
Battitore di contatto dotato di buon occhio nel box, Lo Cascio si candida già per il possibile ruolo di lead-off nel prossimo line-up dei Pirati.

Cristiano Cerbara
Informazioni su Cristiano Cerbara 457 Articoli
Nato a Rimini 38 anni fa, Cristiano Cerbara è entrato nel mondo del giornalismo sportivo dall'ottobre del 1998, ovvero da quando ha rivestito per quattro anni i panni di collaboratore esterno del quotidiano locale "La Voce di Rimini" curando principalmente e giornalmente le vicende calcistiche del Rimini e collaborando comunque anche per quanto riguarda il baseball fino a diventarne responsabile in prima persona dai play-off 2001. E nell'ottobre 2002 ecco il passaggio alla redazione del Corriere Romagna dove ha ricomposta la staffetta di baseball.it con l'amico Andrea. Ma quello per il "batti e corri" é un amore profondo, nato con un classico colpo di fulmine all'età di 19 anni. Era infatti il 1988 quando il baseball cominciò a fare parte della sua vita sfociando in una passione che lo ha portato a saltare (per cause di forza maggiore) appena 2 partite allo stadio dei Pirati di Rimini (le ultime ed ininfluenti della regular season 1997) negli ultimi 15 campionati. Sposato dal settembre del 2000 con Monica, collabora con "Il Biancorosso" (giornalino quindicinale che esce in occasione delle partite interne del Rimini Calcio) e con il settimanale "Romagna Sport". Segue con interesse il baseball delle Major League e il suo sogno sarebbe quello di poter assistere dal vivo ad una partita di finale delle World Series ma per il momento si accontenta di entrare virtualmente nei templi del batti e corri a stelle e strisce consumando la sua Play-station a suon di fuoricampo e spettacolari prese in tuffo. Un altro desiderio forse irrealizzabile é quello di poter vedere un giorno il baseball italiano arrivare allo stesso grado di popolarità del calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento