Storico! Una squadra europea alle Winter League

Alla Liga Paralela 2008 in Venezuela debuttano le ALB Orkas contro Tampa Bay: primo roster del Vecchio Continente, è formato dai migliori atleti europei tra cui già 6 olandesi e 3 belgi, più alcuni tedeschi

Un evento assolutamente inedito e che conferma quanto il baseball sia sempre più globale ed aperto all'internazionalizzazione. Per la prima volta quest'anno ci sarà anche una formazione "europea", le ALB Orkas, al via della stagione regolare della Liga Paralela, il campionato di triplo e doppio A della Liga Venezolana de Beisbol Profesional che si svolge sotto l'egida di alcune delle principali franchigie della MLB (Cardinals, Devil Rays, Phillies, Pirates, Astros, Mets e Detroit). E il debutto è previsto per domani, in concomitanza dell'inizio della regular season, quando le Orkas sfideranno il team affiliato al Tampa Bay.
Il progetto prevedeva originariamente che venisse schierata una squadra composta esclusivamente da giocatori proveniente dalle migliori formazioni del Vecchio Continente. Alla fine lo staff tecnico ha optato per l'inserimento di alcuni elementi venezuelani e colombiani, al fine di poter rendere più competitive le Orkas durante l'intera stagione che terminerà il 19 dicembre e che nell'arco di poco più di due mesi vedrà ciascuna squadra disputare ben 56 incontri, praticamente uno al giorno.
A vestire la casacca delle "Orche" ci sarà il lanciatore olandese Jurjen van Zijl, quest'anno in forza al Door Neptunus nella Hoofdklasse con un record di 4-1, 4.10 di media PGL in 41.2 inning trascorsi sul monte e con oltre a 39 strike out. Ma non sarà il solo orange: con lui anche alcuni dei migliori prospetti olandesi, i lanciatori Shane Gnade (Almere Magpies), Steven van Groningen (Alcmaria Victrix) e Jeremy Ishak (Jeka), l'interno Sytse Visbeen (Almere Magpies) e l'esterno Stefan Hoogewerff (Almere Magpies).
Nel roster figurano anche giocatori di altre nazionalità e ben noti alle cronache europee come il lanciatore Erik Hufnagel (Namur Angels, Belgio), l'interno Rickey Thomas (Brasschaat Braves, Belgio) e l'esterno Bryon Bell (Anversa Greys, Belgio), uno dei più potenti battitori del Continente, ma anche alcuni tedeschi.
Di tutto rispetto sarà anche lo staff tecnico: il pitching-coach sarà composto da tre ex-Major come Miguel Martinez (Marlins), Luis Camacaro (Indians) e Pedro Bastida (Twins). Tra gli altri coach Pedro Rafael Zapata (Marlins) e Jose Castillo, già lanciatore nel 2007 in Belgio e quest'anno con i Schwaz Tigers della Austrian Baseball League in qualità di manager-giocatore.

Marco Micheli
Informazioni su Marco Micheli 86 Articoli
Nato nel 1980, metà trentino e metà vicentino (ma veronese d'adozione), vive e lavora a Milano dove si occupa della comunicazione nel Sud-Europa per Boston Consulting Group (BCG), la multinazionale della consulenza aziendale. Grande appassionato di tutto ciò che è USA, dallo sport ai "dunkin' donuts", dai grattacieli della East Cost alle spiagge assolate della West. Marco scopre il baseball all´età di 10 anni quando, complice un regalo della madre insegnante, inizia a calpestare lo storico diamante della Polisportiva Praissola sotto la guida del "mitico" Bissa. Gli anni dell´università lo allontanano dalla terra rossa, prima a Feltre e poi a Milano. Ma è con il conseguimento della laurea in Relazioni Pubbliche allo IULM di Milano e il conseguente viaggio-premio a Boston che si ritrova e decide di curare la comunicazione dei Dynos Verona. Due anni favolosi, densi di soddisfazioni e ricordi indimenticabili, impegnato nella promozione del sodalizio scaligero sulla stampa locale e sportiva. Per Baseball.it scrive del "batti e corri" giocato nella sua terra, il Nord-Est, ma non disdegna di "intrufolarsi" anche in questioni a carattere nazionale e internazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento