Tra “Rollie” Cretis e Danny Newman, il big-match finisce in parità

Il Verona del mancino californiano ottiene un cappotto in gara-1 sui friulani leader in classifica, il Buttrio del pluriscudettato romano strappa gara-2 agli scaligeri

nBuona la prima per l'FDS Verona (6-0) e pronto riscatto dei White Sox di Buttrio (8-2). Finisce così, pari e patta, la sfida che prometteva scintille tra le due formazioni che conducono la classifica del girone B. Un atteso big-match, valevole per la terza e quarta giornata di ritorno, ben giocato da entrambe le squadre che alla fine si dividono la posta in palio, risultato più che giusto, e consente però al Rovigo di accorciare le distanze. n

n

nAl debutto sul diamante de Comunale "Gavagnin" di Via Montorio a Verona, affonda subito i colpi l'attacco scaligero con un big-inning di 4 punti subito in avvio. Pietro Briggi domina dal monte e assesta lanci efficaci, mentre la difesa lavora a dovere: risultato è che i friulani non riescono a rimontare lo svantaggio e anzi, subiscono ancora un punto nel secondo inning e uno al quarto. Sulla sponda opposta il partente del Buttrio, Miani, subisce dieci valide e il manager Rolando Cretis lo sostituisce con Bertoldi che frena le mazze del Verona ma nulla cambia nel punteggio. Alla fine dell'ottava ripresa anche Briggi lascia il monte e sarà Rocco Tebaldi a completare lo shut-out dell'FDS. n

n

nGara due dall'andamento decisamente diverso anche se il Verona parte subito forte e mette a segno un punto nel primo inning. Il Buttrio non dimentica il primato in classifica e nella seconda ripresa martella il partente veronese Valenti che subisce una serie di valide e con la complicità di una difesa ballerina i punti subiti sono cinque. L'attacco scaligero non produce molto fermato dal sempre valido Fabio Vergine che già nella partita di andata aveva messo in difficoltà i battitori del Verona. Rocco Tebaldi rileva Valenti ma il Buttrio pigia sull'acceleratore mette a segno un punto al terzo e uno al quarto inning (parziale 7-1). Una minima reazione dell'FDS al quinto con un punto e nulla più. Un lieve infortunio all'interbase Castagnini, costringe Newman a rimescolare la formazione. Sul monte Davide Bertagna che disputa una buona prova ma concede il punto numero otto agli avversari. All'ottavo inning cambia la batteria del Verona con l'eterno Newman che sul monte e a casa base, Filippo De Boni. Il mancino californiano piazza 3 strike-out micidiali per chiudere l'inning numero otto e due al nono. Ma il risultato non cambierà per il Buttrio. I White Sox vincono 8-2. n

n

Commenta per primo

Lascia un commento