Jorge Nunez nuovo allenatore del Catania

In vista della doppia sfida con il Padule, la società etnea ha deciso di affidare la gestione della squadra all’allenatore di Santiago de Cuba – Due giornate al venezuelano Fortunato

nIl Catania si appresta ad iniziare il girone di ritorno con una grossa novità dell'ultima ora. La società rosazzurra ha infatti deciso di affidare la squadra al tecnico cubano Jorge Nunez, finora pithing coach degli etnei (Nunez, classe '49 di Santiago de Cuba, lavora già da otto anni nei campionati italiani).n

n

n"Nessuna decisione traumatica – spiega Antonio Consiglio, Presidente del Catania Baseball Project – abbiamo solo voluto dare una scossa alla squadra. Turi Botta resterà con noi, a disposizione con gli altri componenti del roster".n

n

nIntanto il Cus Catania si sta preparando con grande impegno in vista della doppia sfida di sabato (ore 15.30 e 20.30, arbitri Montalto e Pizzicori) contro la Polisportiva Padule: c'è tanta voglia di riscatto dopo le due sconfitte rimediate all'esordio in B e i siciliani stanno intensificando gli allenamenti settimanali. Arrivano notizie anche dal Giudice Unico della FIBS in seguito all'espulsione del ricevitore etneo Alfonso Fortunato avvenuta nel corso della seconda gara contro Viterbo. Il GUS ha infatti deciso per una squalifica minima di 2 giornate di gara "per la protesta del ricevitore  su una decisione arbitrale, gettando il proprio casco in direzione dell'arbitro di base, senza colpirlo, accompagnando il gesto con frasi ingiuriose e minacciose".n

n

n"Siamo dispiaciuti di aver perso uno dei nostri migliori giocatori per una gara così importante – ha detto ancora Consiglio – siamo però sicuri che chi lo sostituirà sarà all'altezza della situazione".n

n

nA sostituire il giocatore venezuelano squalificato potrebbe essere chiamato il ventiduenne ricevitore, Salvo Ranno. "Era da tanto tempo che aspettavo una possibilità per potermi giocare le mie chance in questo campionato. Questa settimana mi sono allenato bene per poter figurare al meglio nella sfida contro Padule e far crescere la fiducia del coach in me. Il Padule è una squadra alla nostra portata, all'andata ci sorpresero perché eravamo alla prima assoluta in B e dovemmo fare i conti anche con l'emozione, ma oggi siamo più consapevoli delle nostre potenzialità e della forza di tutto il gruppo".n

n

Commenta per primo

Lascia un commento