Marco Vasini e l’occhio della sua macchina fotografica

Su Repubblica un articolo e una galleria di immagini del giocatore del Cariparma

Una passione vera, pura, quella per il baseball e per la fotografia.
nMarco Vasini da 25 anni è in campo con il Parma, ma è anche fotografo dell'Associated Press e di Repubblica.
nE' tanto l'affetto per quello stadio, l'Europeo di Parma, che a fine stagione sarà abbattuto per far posto all'Authority dell'agricoltura.
n"Ho cominciato a giocare a sei anni. Tutta ‘colpa' del guantone regalatomi da mio padre. Poi ore e ore a muretto, a tirare la palla e prenderla col guanto. Sognavo di giocare all'Europeo di via Piacenza, ora dopo 25 anni quello stadio dove ho giocato circa 500 volte lo butteranno giù, ma non riusciranno ad abbattere le gioie e i ricordi", scrive Vasini nel suo articolo.
nUn pezzo raggiungibile tramite il sito Internet di Repubblica (http://parma.repubblica.it/dettaglio/artcolo/1474618), unito ad una splendida galleria fotografica (http://parma.repubblica.it/multimedia/home/2341338/1). I momenti prima della partita, alla scoperta di un baseball visto da dietro le quinte che molto assomiglia al modo in cui Kevin Kostner ci fece conoscere il baseball di provincia nel film Bull Durham.
n"In 25 anni di baseball ho vinto uno scudetto, due Coppe dei Campioni, due Coppe Italia e una Coppa delle Coppe. In campo la vita ha la velocità di uno scatto, di un clic. Mi sembra ancora di essere alla prima partita. Che magia, che emozione in questo batti e corri quando per qualche ora l'America è di casa a Parma. Ho cercato di afferrarne i volti segreti non con il guantone ma con la macchina fotografica". n

Mauro Cugola
Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.