Le squadre di Malta giocheranno nel campionato italiano

Accordo tra FIBS e Malta Association Baseball Softball: anche i giocatori di nascita e cittadinanza maltese potranno avere lo status di giocatori di scuola italiana – Un’ulteriore apertura verso i paesi vicini, dopo l’ammissione della Slovenia in C1

n"Il baseball maltese è un movimento in grossa ascesa, alcuni club in Olanda hanno già ingaggiato due tra i migliori giocatori dell'isola, un lanciatore ed un ricevitore. L'accordo raggiunto con la Malta Association Baseball Softball rappresenta quindi una grande opportunità di crescita per quel movimento ma, al tempo stesso, una risorsa per il futuro del nostro campionato". Parole di Riccardo Fraccari dopo la firma apposta oggi accanto a quella del suo omologo maltese Mario De Bono sul documento che, dopo la precedente approvazione dei rispettivi comitati olimpici, sancisce la finalizzazione dell'intesa tra la FIBS e la MABS. n

n

nSi tratta di una collaborazione strettissima tra la federazione italiana e la Malta Association Baseball Softball che nasce dall'idea di aiutare chi investe tanta energia nel baseball ma che fa fatica a crescere. Un'accordo di grande portata poiché consentirà ai club maltesi di poter prendere parte direttamente ai campionati italiani di baseball e softball. Non solo: i giocatori di nascita e cittadinanza maltese potranno essere tesserati dalle squadre nostrane come giocatori di scuola italiana, al momento però solo uno per società. n

n

nA Malta, si è appena concluso la National League 2008 che ha visto la vittoria dei Gozo Tornadoes sui Mellieha Northenders per 9-1 che avevano conquistato in precedenza quattro scudetti consecutivi. Per i Gozo Tornadoes, il quarto titolo è arrivato dopo 5 anni di assenza, nel decimo anniversario della loro fondazione. n

n

nLa partnership riguarderà anche i giovani prospetti dell'isola che potranni prendere parte ai "try out" di accesso all'Accademia FIBS, la classe arbitrale che potrà dirigere gare del campionato maltese ed i tecnici italiani che potranno contribuire allo sviluppo del baseball in quel paese. n

n

nOltre l'accordo odierno con Malta, la federazione italiana è impegnata anche su altri importanti progetti all'estero, proprio nell'ottica di "aprire" ai paesi vicini: un ulteriore consolidamento di quella strategia di internazionalizzazione che già dalla stagione 2008 ha portato la nazionale slovena – va ricordato -a partecipare ad un campionato italiano (il girone C della serie C1). E tali progetti potrebbero riguardare anche – ma non solo – il bacino del Mediteranno, in vista dell'appuntamento nel 2010 quando è prevista l'istituzione dell'area di libero scambio Euromediterranea. n

n

nIn tema di giocatori non di scuola italiana, qualche novità potrebbe affacciarsi presto all'orizzonte. Secondo quanto risulta a Baseball.it, il presidente Fraccari ed il consiglio federale potrebbe presto esaminare la posizione dei giocatori comunitari, in ottemperanza comunque alla normativa vigente sull'impiego di atleti di scuola italiana. n

n

Filippo Fantasia
Informazioni su Filippo Fantasia 644 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento