Da Baltimora a Texas, Sammy Sosa di nuovo in diamante

Dopo un anno di inattività, il dominicano sfida i suoi 38 anni e si allena con i Rangers – Per un posto in Major, per dimostrare di essere ancora il campione che ha illuminato Chicago

Aveva 16 anni e correva l’anno 1985 quando Samuel Peralta Sosa, universalmente noto come Sammy, lasciò la Repubblica Dominicana per firmare da professionista per i Texas Rangers. Quattro anni dopo il debutto in Major League, il suo primo ed unico fuoricampo in 25 partite con Texas prima di essere ceduto ai Chicago White Sox.
I Rangers erano stati la sua prima squadra e, oggi, dopo un anno di assenza dai diamanti, è anche la formazione con cui, a 38 anni, potrebbe ricominciare la sua seconda vita nel baseball.
‘Non devo convincere nessuno” ha detto Sosa in Arizona dove i Rangers stanno svolgendo gli spring-training ‘So chi sono, ho fatto buone cose per il baseball e continuerò a fare grandi cose per questo sport. Continuerò a dare il massimo. Ma non voglio parlare di quanto accaduto al Congresso. Non è un mio problema. Penso solo alla squadra”.
Il riferimento è chiaro: due anni dopo aver lasciato i Baltimore Orioles (.221 di media battuta con 14 homeruns e 45 punti prodotti in 102 gare) e aver testimoniato insieme ad altri giocatori davanti a rappresentanti del Congresso in merito all’uso di steroidi nel baseball pro, Sammy Sosa sta tentanto di tornare nuovamente protagonista in diamante, solo per giocare, null’altro. Il contratto è già pronto, con la prospettiva di assolvere al ruolo di battitore designato. Con la sua prima squadra. I Texas Rangers, appunto.
‘Parliamo solo di baseball – ha detto Sosa – parliamo del 2007, dei talenti che abbiamo in Texas e cosa possiamo fare quest’anno”.
L’MVP della National League nel 1998, sette volte All-Star, quinto nella calssifica dei fuoricampisti di tutti i tempi sta partecipando attivamente agli allenamenti dei Rangers.
Se riuscirà a dimostrare di essere addirittura in uno stato di forma tale da essere inserito nel ’40-man roster” dei Rangers, Sosa guadagnerà 500mila dollari, contratto di un anno più 2 milioni di dollari di ‘performance bonus”. Ma Sosa ha ribadito che non torna per soldi nè per i 12 fuoricampo che gli mancano per toccare quota 600.
"Non ho problemi economici. Sono qui solo perchè voglio giocare a baseball. E’ la mia vita”.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.