I Konica Minolta Pioniers ad un passo dal titolo

Nelle Holland Series la squadra di Hoofddorp avanti 2-1 sul Corendon Kinheim – E sabato prossimo potrebbe già conquistare il titolo davanti al proprio pubblico – Oltre 5.000 spettatori in 3 gare

Nelle finali olandesi giocare in casa non rappresenta affatto un vantaggio. La riprova è che le prime tre gare disputate tra Corendon Kinheim e Minolta Pioniers sono sempre state vinte dalla squadra ospite. E sono proprio i Pioniers, al momento, a guidare la serie con due vittorie, in attesa di gara 4 che si disputerà sabato proprio sul diamante di Hoofddorp (eventuale gara 5 ad Haarlem domenica pomeriggio). La formazione targata Minolta è ad un passo dal secondo scudetto (il primo nel 1997). Senza timori reverenziali, i Pioniers hanno superato Kinheim, capofila al termine della stagione regolare (aveva vinto il titolo nazionale due volte in passato – 1978 e 1994).
Davvero belle le Holland Series finora. Per pubblico presente e clima. Duemila spettatori per ognuna delle due gare al Pim Mulier di Haarlem, più di mille per la gara al Toolenburg di Hoofddorp. Ma anche il tempo sta rendendo affascinanti le finali ‘orange”: inusuali per il mese di settembre i 25 gradi, il sole, il cielo bianco e azzurro, con poco vento e neanche una goccia di pioggia…
Un passo indietro per rivedere quanto successo fino adesso. Gara-1, unico match in notturna delle Holland Series, Stadio Pim Mulier di Haarlem, casa del Corendon Kinheim. Il nuovo allenatore, Ben Thijssen, artefice del bel cammino in regular season, schiera David Bergman come partente, perfetto nelle due prime riprese e che supera senza danni anche la terza. Kinheim intanto passa in vantaggio (1-0). Nella quarta Bergman incassa il punto del pareggio (1-1) dopo due valide e una volata di sacrificio di De Flanegin. Dal quarto inning in avanti è stato un autentico stillicidio: i Pioniers hanno segnato in ogni ripresa totalizzando 10 punti grazie a ben 12 valide compresi 3 doppi. Miglior battitore per Pioniers è stato Mark Duursma con un doppio e due singoli, lanciatore vincente Conrad Orman (cugino di Richard) che concedeva 8 valide e 3 basi per balls in 6.2 riprese, ben aiutato anche dalla difesa con 4 doppi giochi. In vantaggio 10-2 e con due eliminati nella nona ripresa, il miglior lanciatore della Haarlem Week, Dave Draijer, non sapeva chiudere la partita e subiva un poderoso, ultimo attacco del Kinheim: concedeva 5 valide compreso un doppio di Dirk van ´t Klooster. Seppur con qualche palpitazione, la netta vittoria dei Minolta Pioniers era salva, 10-5.
In gara-2, a Hoofddorp, scendono in campo i migliori lanciatori, i due mancini Patrick Beljaards per Kinheim e Richard Orman per Pioniers. Inizio molto buono per Orman con sei out di fila che però crolla nella terza ripresa. 10 battitori consecutivi nel box che piazzano un doppio, un singolo, un triplo e ancora due singoli, Kinheim festeggia il 5-0. Orman ritrova il suo controllo ma viene sostituito al sesto inning quando concede la sua prima base. Entra Daan de Jong che evita punti guadagnati durante le sue 4 riprese. Kinheim vince 6-1. Lanciatore vincente, in una gara completa, l’esperto Patrick Beljaards (3 so e 9 bvc). Migliori battitori per Kinheim: Vince Rooi e Edward Illidge (doppio e singolo) e Rene Cremer (triplo). Perfetto nel box per i Pioniers il ricevitore Mark Duursma che batte valido nella prima, terza e sesta ripresa più un doppio nell’ottava.
Gara-3, giocata domenica scorsa ad Haarlem, vede ancora una volta un ‘big inning”. I Pioniers segnano infatti 5 punti nella seconda ripresa sui lanci del giovane Jean-Paul Gulinck, sostituito da Duko Jansen già dopo 1.1 riprese e 4 battitori. Kinheim reagisce al quarto e si avvicina pericolosamente (4-5) ma poi i Pioniers allungano nella sesta e nell’ottava per chiudere definitivamente con una vittoria importante, 7-4. Lanciatore vincente il 34enne Erik-Jan Lind, primo rilievo per cinque riprese senza punti. Lind aveva sempre giocato in serie inferiori, di secondo e terzo livello, con Alcmaria Victrix, quando i Pioniers si sono accorti di lui ingaggiandolo come rilievo utile per la stagione 2006. Vicino alla fine della sua carriera, adesso Lind intravede addirittura lo scudetto olandese che i Minolta Pioniers potrebbero conquistare durante il prossimo weekend. Soprattutto nei play-off, Lind e i suoi colleghi sul mound possono dormire sonni tranquilli. Nelle tre prime gare delle Holland Series, la difesa del team di Hoofddorp ha totalizzato ben undici doppi giochi: 4 in gara una, 3 in gara due e 4 in gara tre.
Intanto, il presidente dei Minolta Pioniers, Cees Groot, continua a lavorare anche in chiave europea. Groot ha annunciato che la CEB ha ricevuto e sta valutando la sua proposta di dare maggior interesse e allargare la partecipazione italiana alla Coppa delle Coppe. I Pioniers sono detentori del trofeo 2006 e difenderanno il titolo nel loro stadio a Hoofddorp, se non dovessero ovviamente riuscire a vincere il campionato olandese. In quest’ultimo caso i Pioniers vorrebbero disputare una Coppa delle Coppe con i migliori avversari del baseball europeo, comprese una o due squadre dall’Italia. Della manifestazione e della partecipazione italiana si parlerò nella riunione CEB in programma ad ottobre.

I risultati delle Holland Series 2006
Corendon Kinheim – Minolta Pioniers 5-10
Minolta Pioniers – Corendon Kinheim 1-6
Corendon Kinheim – Minolta Pioniers 4-7

Situazione
Minolta Pioniers – Corendon Kinheim 2-1

Il programma delle finali
Sabato ore 14 gara 4: Minolta Pioniers – Corendon Kinheim
Domenica ore 13 eventuale gara 5: Corendon Kinheim – Minolta Pioniers

Informazioni su Pim Van Nes 275 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.