La Dominicana ci castiga, l’Italia torna casa

Gli azzurri si arrendono 8-3 e sono eliminati già alla prima fase – Tre fuoricampo firmati da Albert Pujols, Adrian Beltre e Moises Alou – Vincono Cuba, Messico e Venezuela

E’ già tempo di preparare le valigie. A poco ormai serve quell’unica vittoria all’esordio del World Baseball Classic (10-0 con l’Australia) che aveva fatto illudere gli sfegatati del baseball ma che era passata praticamente inosservata nell’indifferenza dei media italiani. Le due sconfitte successive parlano da sole. Soprattutto l’ultima, quell’8-3 incassato dalla Repubblica Dominicana che ci butta fuori dal gruppo D costringendoci a levare le tende anzitempo.
E’ finita quindi al primo turno l'avventura degli azzurri. Al Disney's Wide World of Sports Complex di Orlando davanti a quasi 10.000 spettatori si è consumata la disfatta e la relativa eliminazione dal Super-Mondiale. Vanno avanti invece meritatamente proprio la Dominicana e il Venezuela.
Eravamo in vantaggio 3-2 al terzo inning, dopo aver messo paura al partente Odalis Perez con 4 valide, vantaggio annullato anche per i 2 errori di tiro del terza base Saccomanno. Poi il buio e la replica inesorabile del line-up caraibico che include anche David ‘Big Papi” Ortiz.
Nulla ha potuto Tony Fiore, tantomeno De Santis, Rollandini, Barzilla, Maestri e Gallo di fronte a quei tre homerun che hanno messo in ginocchio l’Italia: Adrian Beltre ha centrato il suo terzo fuoricampo in due partite, emulato anche da Albert Pujols e Moises Alou.
Pujols ha schiantato oltre il limite un lancio di Fiore e portando a casa 2 punti, Beltre (8 punti prodotti in due gare) ha spedito lontano la pallina al quinto dando altri 3 punti in conto a Riccardo De Santis. A completare l’opera Moises Alou con un solo homer su Alessandro Maestri al settimo.
L’Italia non ha opposto una grande resistenza di fronte a cotale potenza, mentre la Dominicana è stata letteralmente trascinata dalle tre stelle delle Majors.
La Repubblicana Dominicana festeggia il successo. L’Italia esce al primo turno, a testa bassa. Con tantissime cose su cui lavorare in vista del prossimo World Classic, previsto per il 2009. E soprattutto con molte riflessioni da farsi soprattutto sull’impiego di un numero troppo ristretto di giocatori del nostro campionato. Visti i risultati, forse valeva la pena dare fiducia a qualche nostro giovanotto. A tal proposito, proprio ieri l’allenatore dell’Olanda Robert Eenhoorn decantava sulla stampa del suo paese le prestazioni degli atleti che partecipano al campionato orange. Erano stati loro a brillare, invece che le stelle delle Majors.
A Phoenix, sede del gruppo B, il Messico ha agevolmente superato il Canada per 9-1 battendo 14 valide di cui due fuoricampo (Cantu e Valenzuela). Loaiza vince sul mound con 5 efficaci riprese, il Canada utilizza ben 8 lanciatori ma non evita la sconfitta.
A San Juan de Portorico, nella Pool C, Cuba infligge la seconda sconfitta all’Olanda: 11-2 il finale con ben 16 valide per i caraibici (4 su 5 per il designato Garlobo e 3 punti prodotti). Quattro lanciatori per parte, Romero è il vincente.
Infine nel gruppo D, il Venezuela batte di misura l’Australia (2-0) con pochissime battute valide: 4 per i centroamericani (di cui un fuoricampo di Hernadez), una soltanto per i ‘canguri” ad opera di Harman.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.