Fuori dai Giochi Olimpici, the day after …

Fraccari: ‘Baseball e softball soffriranno ma dobbiamo lavorare per farli più forti” – Fehr: ‘Voto contrario perchè il baseball ed il softball non sono sport europei”

Dopo la nuova bocciatura, nella sorpresa generale, i commenti che arrivano sono un mix tra profonda delusione ed assoluto sconforto. Da Singapore a Torino, la conferma dell’esclusione dalle Olimpiadi non fa altro che accrescere la rabbia di chi ha lavorato in nome di un baseball globale, di quanti hanno permesso di arrivare oggi ad avere ben 122 federazioni nazionali in tutto il mondo contro le 60 del 1990.
Il disagio è evidente e diverse sono le prese di posizione da parte dei rappresentanti del movimento del ‘batti e corri” il giorno dopo la decisione della sessione numero 118 del CIO di non voler riammettere baseball e softball tra le discipline olimpiche ai Giochi di Londra 2012.
Tra i primi a scendere in campo anche Riccardo Fraccari che, intervenendo sul voto contrario dei delegati del Comitato Olimpico Internazionale, ha sottolineato come il baseball e il softball europei soffriranno in maniera particolare. Ma punta anche il dito contro gli esponenti del Vecchio Continente.
“Non posso che notare in questa decisione – ha affermato il presidente della FIBS – il peso dei delegati europei del CIO e attribuire responsabilità precise per questo risultato. Se anche nel passato si fosse lavorato in Europa come l’Italia ha fatto dal 2002 in poi, oggi avremmo avuto quella credibilità che ci avrebbe permesso si ottenere la manciata di voti che ci è mancata. L'Europa del baseball e del softball aveva bisogno di un'azione politica forte. Fino all'ultimo invece ci si è accontentati di generici auspici e si è tenuto un ottimismo di facciata, non basato su fatti concreti. Occorre promuovere nei vari paesi europei campionati nazionali veri, forti; occorrono manifestazioni internazionali che attirino pubblico, media e sponsor; occorre dimostrare concretamente che il baseball e il softball sono sport forti e diffusi anche in Europa”.
E l'Italia, ha ribadito Fraccari, riveste un ruolo centrale a livello continentale: “Nel baseball abbiamo iniziato da qualche anno un percorso importante assieme alla Major League ed i risultati si vedono, nel softball abbiamo assunto anche a livello politico il ruolo che da sempre ci spettava”.
Se cambieranno programmi ed obiettivi, l'Italia è pronta a continuare a lavorare e a dare il proprio contributo di idee: “Tutti assieme dobbiamo lavorare per costruire basi concrete per un baseball e un softball forti in Europa. Ci servono piani concreti, non le promesse degli amici degli amici”.
Per il Presidente della FIBS, il futuro di baseball e softball passa anche attraverso l'unità e la sinergia: “Baseball e softball devono unire le energie, perché sommando i numeri siamo veramente un movimento di opinione forte. Se sommiamo i tesserati, ovviamente questi due sport hanno un peso diverso. L'antagonismo non fa bene a nessuno”.
Dagli USA arriva anche la replica di Don Fehr (presidente dell’associazione dei giocatori della Major League Baseball) secondo il quale il World Baseball Classic potrebbe dare una spinta importante al baseball affinché possa essere riconsiderato dal CIO in vista di un auspicabile riammissione nell’ambito olimpico. Dipenderà dal successo della storica manifestazione in programma negli USA, a Portorico e Giappone dal 3 al 20 marzo e che vedrà la partecipazione di 16 paesi.
“Secondo me, la ragione per cui il voto è stato contrario è perchè il baseball ed il softball non sono sport europei” sostiene Fehr che ha inoltre definito le Olimpiadi ‘euro-centriche e dominate dai paesi del vecchio continente che quindi non vedono di buon occhio l’introduzione di altri sport”. D’altronde il baseball non ha avuto una diffusione in Europa tale come nell’America Latina ed Asia.
Fehr, ex-membro del Comitato Olimpico statunitense, ha inoltre affermato che le federazioni del baseball hanno giocato un ruolo importante nella decisione del CIO.
“Dalle Olimpiadi arrivano i fondi per sostenere lo sviluppo dei vari sport in tutto il mondo. Anche il baseball può ottenere finanziamenti se e solo se nei vari paesi vengono stabiliti dei precisi e concreti piani di sviluppo. La riduzione dei fondi olimpici rappresenterà adesso un problema per l’espansione del baseball in tutto il mondo”.
Chiaro il riferimento di Fehr al fatto che ognuna delle otto squadre che partecipa ai Giochi Olimpici riceve circa mezzo milione di dollari dal CIO per lo sviluppo del baseball nel proprio paese.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.