Mondiali, inizia la lunga corsa verso i play-off

Cuba è l’unica imbattuta del torneo dopo 8 partite, l’Olanda ha spaventato tutti e ieri ha ceduto 3-1 contro i caraibici – Ma la vera sorpresa è la Cina che punta tutta su Pechino 2008

Il sipario sugli attesi play-offs del 36° Mondiale di baseball sta per sollevarsi.
Cuba, sempre felice, vincente ed imbattuta, sorride per le sue otto vittorie di fila al 36° Mondiale (a farne le spese nell’ordine Sud Africa, Panama, Brasile, Svezia, Cina, Corea del Sud, Canada ed Olanda) al ritmo travolgente di 70 punti prodotti e solo 15 subiti e festeggia il primo posto nel gruppo A.
In vista della fase finale del torneo, la situazione è piuttosto chiara nel raggruppamento guidato dai caraibici, alle cui spalle ci sono i sorprendenti olandesi (7 successi ed una solo sconfitta, 3-1 proprio con Cuba), mentre Panama e Corea pur avendo una gara in meno restano in terza e quarta posizione. Il Canada, anche se vincesse oggi con il Brasile, rimarrebbe comunque quinto essendo stato battuto dalla Corea.
A comandare nel gruppo B è il Giappone che ha raggiunto la qualificazione con 7 affermazioni ma che si è dovuto arrendere a Portorico per 5-4. Alle spalle dei nipponici Nicaragua e Portorico sono appaiate ma non ancora qualificate nonostante le 5 vittorie. Eppoi ci sono USA e Taiwan che hanno due partite in meno, incluso lo scontro diretto. Oggi sono in programma Nicaragua – Taiwan, Portorico – Spagna, Repubblica Ceca – Stati Uniti e Colombia – Australia.
E se Taiwan dovesse imporsi sia oggi che domani, la selezione a ‘stelle e strisce” potrebbe essere clamorosamente esclusa, essendo già stata battuta dal Nicaragua.
Alle 19 di dopodomani scattano quindi i play-off con Corea – Giappone ad Haarlem, unica gara già inserita ufficialmente nel calendario. Cuba resta a Rotterdam ed affronterà la quarta del gruppo B, l’Olanda disputerà i quarti di finale nel piccolo stadio di Eindhoven e Panama tornerà ad Almere.
Cuba resta l’unica formazione imbattuta del torneo mondiale grazie alla vittoria di ieri a Rotterdam contro i padroni di casa. Ma la sorpresa più bella è rappresentata dalla Cina: malgrado una sconfitta pesante proprio all’inizio, gli esordenti hanno proseguito la loro marcia giocando e lottando strenuamente conquistando 3 vittorie che lasciano ben sperare sul futuro di questo paese nel mondo del baseball. A Pechino, potrebbero essere proprio i padroni di casa gli outsider a dare del filo da torcere alle grandi e giocare per qualche medaglia olimpica: i cinesi hanno imparato velocemente e fra 3 anni saranno ancora più protagonisti in diamante.
Davanti alle telecamere della NOS TV che ha trasmesso in diretta tutta la partita fra Cuba ed Olanda dal Familie Stadium di Rotterdam, i caraibici hanno mostrato di essere sempre i maestri assoluti e non solo in battuta. Per la prima volta, in uno stadio olandese, è stato costruito anche un ‘bleacher” ovvero una tribunetta dietro il muro de fuoricampo. Ed è stato proprio un homerun olandese, il punto della bandiera, a raggiungere quella zona del campo completamente occupata (si parla di 1.500 presenze).
Due sono stati i lanciatori cubani ha fermare l’attacco ‘orange”: Ormari Romero autore di 9 strike-out in 6 riprese e Yunesky Maya con 4 strike-out in due innings. Insieme hanno concesso 6 valide compresi due singoli di Van't Klooster ed il fuoricampo di Coffie al nono. Solo 7 le valide concesse dai due lanciatori olandesi Patrick Beljaards (6 hits in sei riprese) e Alexander Smit (una valida in due innings). Cuba ha segnato il primo punto al secondo grazie ad un fuoricampo di Sanchez, ha raddoppiato al quarto (doppio di Urruttia con Cepeda a casa base) ed ha messo a segno il 3-0 al sesta ancora con Cepeda sul doppio di Pestano.
In conferenza stampa, Eenhoorn non si soffermato sull’arbitraggio ma ha piuttosto stigmatizzato il comportamento nervoso dei suoi battitori. Ha poi rivolto ancora un grazie al lanciatore Beljaards con cui l’Olanda ha saputo stare in partita fino in fondo pur avendo di fronte i mostri cubani.
Ieri sera, il manager olandese ha concesso un giorno di riposo alla squadra dopo il termine della gara al Familie Stadium.


Risultati del 12 settembre
Panama-Sud Africa 5-1
Brasile-Canada 4-12
Svezia-Korea 2-12
Colombia-Australia 1-5
Rep. Ceca-Stati Uniti 3-7
Nicaragua-Cina Taipei 11-4
Portorico-Spagna 7-4

Risultati dell'11 settembre
Cuba-Olanda 3-1
Brasile-Svezia 11-4
Giappone-Nicaragua 11-3
Cina-Canada 2-14
Rep. Ceca-Colombia 3-14
Korea-Sud Africa 4-3
Australia-Spagna 8-0

Risultati del 10 settembre
Australia-Cina Taipei 4-11
Nicaragua-Portorico 5-6
Spagna-Colombia 6-4
Olanda-Panama 9-5
Canada-Cuba 0-7
Sud Africa-Svezia 4-10
Stati Uniti-Giappone 6-7
Korea-Cina 3-1

Risultati del 9 settembre
Stati Uniti-Nicaragua 2-14
Cuba-Korea 4-1
Portorico-Rep. Ceca 11-1
Canada-Olanda 3-7
Giappone-Australia 4-2
Panama-Brasile 8-5
Colombia-Cina Taipei 3-2
Svezia-Cina 5-7

Risultati dell'8 settembre
Colombia-Nicaragua 2-12

Risultati del 7 settembre
Brasile-Korea 0-4
Rep. Ceca-Australia 0-14
Panama-Canada 13-6
Sud Africa-Olanda 2-20
Cina-Cuba 8-12
Spagna-Nicaragua 2-5
Portorico-Stati Uniti 6-12
Cina Taipei-Giappone 1-7

Risultati del 6 settembre
Cina-Panama 4-5
Nicaragua Rep. Ceca 1-0
Olanda-Brasile 7-0
Stati Uniti-Spagna 11-1
Giappone-Colombia 12-0
Canada- Sud Africa 12-1
Cina Taipei-Portorico 4-6
Cuba-Svezia 15-0

Risultati del 5 settembre
Svezia-Panama 1 – 11
Cuba-Brasile 11-1
Sud Africa-Cina 1-11
Australia-Stati Uniti 4-6
Colombia-Portorico 0-10
Spagna-Cina Taipei 2-12
Korea-Canada 7-6

Risultati del 4 settembre
Olanda-Korea 6-2
Rep. Ceca-Spagna 5-15
Brasile-Sud Africa 2-1
Panama-Cuba 2-6
Portorico-Giappone 5-4
Canada-Svezia 10-0
Nicaragua-Australia 2-0
Stati Uniti-Colombia 12-2

Risultati del 3 settembre
Svezia-Olanda 0-18
Cina Taipei-Rep. Ceca 10-1
Sud Africa-Cuba 2-12
Australia-Portorico 4-2
Korea-Panama 3-5
Spagna-Giappone 2-9
Cina-Brasile 6-5


CLASSIFICHE

Girone A
Cuba 1.000 (8 vinte-0 perse)
Olanda .875 (7-1)
Panama .750 (6-2)
Korea .625 (5-3)
Canada .500 (4-4)
Cina .375 (3-5)
Brasile .250 (2-6)
Svezia .125 (1-7)
Sud Africa .0 (0-8)

Girone B
Giappone .875 (7-1)
Nicaragua .750 (6-2)
Portorico .750 (6-2)
Stati Uniti .714 (5-2)
Australia .500 (4-4)
Cina Taipei .429 (3-4)
Spagna .250 (2-6)
Colombia .250 (2-6)
Rep. Ceca .0 (0-8)

Incontri del 13 settembre
Cina Taipei-Stati Uniti

Informazioni su Pim Van Nes 277 Articoli
E' corrispondente dall'Olanda per Baseball.it e per Mister-Baseball.com. ma segue le vicende del baseball e softball italiano anche per i siti olandesi Honkbalsite.com e Softbalsite.com. In passato, Pim Van Nes ha collaborato con la testata "Tuttobaseball" e con le riviste olandesi "Inside" e "Honkbal en Softbal Nieuws". Nel biennio 1984-1985 ha contribuito all'Enciclopedia del Baseball di Giorgio Gandolfi e Enzo Di Gesù realizzando uno speciale di 5 pagine sulla storia del baseball in Olanda. Tra il 1982 e il 2005, ha svolto la sua attività professionale presso le Ambasciate olandesi di Parigi, Kuwait City, Cairo, Algeri, Rabat, Ankara e Dubai.  

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.