Una giornata da play-off

Le due regine San Marino e Bologna sfidano le due seconde Rimini e Nettuno, Parma e Grosseto a caccia del riscatto. Modena-Trieste, vietato sbagliare

Un anticipo play-off. Se il campionato fosse finito nello scorso weekend Bologna, San Marino, Rimini e Nettuno sarebbero le quattro squadre pronte a contendersi lo scudetto. Così non è ovviamente, ma la giornata che parte stasera con due anticipi presenterà proprio le sfide tra le prime due e le due seconde in classifica.
Partendo dalla Romagna, dove si scenderà in campo per primi, T&A e Telemarket sono pronte a fronteggiarsi per una volta a classifiche invertite. Dopo tanti anni passati ad inseguire e a vedere vincere i neroarancioni, sarà San Marino a guardare dall’alto in basso i cugini, e con tutte le intenzioni di tenerli sotto allungando il distacco. Al contrario, Rimini con le due vittorie di sabato scorso contro Paternò sembra essersi buttata alle spalle il momentaccio, coinciso con cinque sconfitte consecutive, e ha tutte le intenzioni di riprendersi il primato perduto e di ristabilire le gerarchie di sempre. Ma al di là del blasone, la certezza è che si tratta di una sfida chiave per i play-off, visto che entrambe le squadre hanno dimostrato di poterci e volerci arrivare: per questo i due manager hanno scelto una rotazione per vincere partita dopo partita. Quindi Patrone contro Maestri, i due lanciatori più affidabili del momento, poi a Serravalle doppia sfida Montane-Castro e Martignoni-Del Bianco. Pronostico aperto, scintille assicurate.
Al Falchi invece si giocherà un sempre gustoso Bologna-Nettuno, altro match importantissimo nell’economia della corsa alla post-season. La Danesi, dopo un inizio balbettante, ha operato un crescendo rossiniano (azzeccatissimo l’ingaggio di Sanchez Lopez), battendo cinque volte su sei Rimini e Grosseto negli ultimi due weekend. Inutile dire quindi che sarà battaglia, anche se le squalifiche potrebbero avere un peso sulla serie. Se la Fortitudo dovrà infatti rinunciare a Frignani, e solo per garauno, Nettuno non avrà il manager Bagialemani e l’esterno Candela per tutto il weekend, e Patrone nella prima sfida. Fattore campo e assenze (Mazzanti sempre out) possono far pesare la bilancia dalla parte Italeri, ma le partite si giocano solo in campo, per cui, a costo di ripetersi, pronostico aperto, scintille assicurate.
Molto interessante anche l’altra sfida che scatta stasera tra Parma e Reggio Emilia. I ducali sono reduci dalla clamorosa bocciatura contro Bologna e hanno tutte le intenzioni di riscattarsi. In settimana è arrivato il pitcher Larreal e se n’è andato Brown, a testimonianza che gli Angels non vogliono lasciare nulla di intentato. Dall’altra parte però c’è una Palfinger che fa debuttare il lanciatore Dustin Nielsen, già biancorosso nel 2003, e ha già dimostrato di saper dare del filo da torcere a chiunque. Figuriamoci quindi se l’ex Gerali non vorrà togliere qualche soddisfazione particolare contro la sua vecchia squadra.
Weekend chiave anche per il Grosseto, che pur in condizioni d’organico rimaneggiatissime, non può permettersi altri passi falsi se vuole recuperare terreno dal quarto posto. I maremmani dovranno dividere la voglia di riscatto con la necessità di risparmiarsi in vista dell’imminente coppa dei Campioni, peccato che il Paternò visto a Rimini non sarà certo la squadra abbordabilissima delle prime settimane di campionato. Ora i Warriors hanno ritrovato forma e giocatori, e hanno tutte le intenzioni, intanto, di allontanarsi dall’ultimo posto e dalla zona pericolo.
Zona pericolo dove invece stazionano Modena e Trieste. Lo scontro diretto dunque sarà l’occasione d’oro per risalire un po’ la china, visto che al momento gli emiliani sono ancora troppo discontinui, mentre i giuliani si sono un po’ bloccati dopo il buon inizio. C’è tempo per recuperare ma queste sono le chance più ghiotte.

Andrea Perari
Informazioni su Andrea Perari 153 Articoli
Andrea Perari, 37 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come redattore sportivo al "Corriere di Rimini", dove cura in prima persona baseball e basket.Collabora anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste.La sua "carriera" nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini.Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne.Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992.Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi.Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato.Cura insieme all'infaticabile Marcello Massari la pagina Web del Baseball Rimini, che sbarcata su Internet dall'aprile del 2000.Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una quindicina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Anaheim, San Diego, San Francisco e Oakland.Partecipa da sette anni al Fantasy Baseball della Cdm, ora via Internet, con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e i suoi sogni nel cassetto sono quelli di seguire la Semenzato con la radiocronaca di tutte le gare di campionato, e soprattutto di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.