Le due facce della Grande Mela – 2a parte

Una rappresenta ‘la storia del baseball”, l’altra una delle franchigie più giovani delle Majors

Gli anni ’80 saranno i più amari per gli Yankees. Perse anche le World Series del 1981 contro i Los Angeles Dodgers (dopo essersi aggiudicati il ‘pennant” di AL lasciando gli Oakland A’s sul 3-0), New York non avrà una sua rappresentanza alle fasi finali della MLB fino al 1986 quando, dopo ben tredici anni dalla loro ultima presenza e con un record di 108 vittorie e 54 sconfitte, i Mets arriveranno alle World Series. Alla terza apparizione ai play-off, la franchigia conquista il terzo titolo di NL battendo Houston con 4 vittorie e 2 sconfitte. La finalissima si giocherà contro i Boston Red Sox, ancora sotto gli influssi della maledizione di Babe Ruth che puntualmente li colpirà. La vittoria di New York per 4-3 in questa entusiasmante serie (gara 6 venne decisa agli extrainning), darà ai ‘blue-orange” il secondo titolo in diciassette anni. Due anni dopo per i Mets era ancora tempo di post-season, anche se stavolta il ‘pennant” sfugge a causa di una sconfitta nella serie per 4-3 contro i Los Angeles Dodgers.
Nel 1995 intanto, a 14 anni di distanza dalle ultime World Series disputate, gli Yankees tornano ai playoffs ma non sarà un dolce rientro vista l’eliminazione subita dai Seattle Mariners alle Division Series per 3 partite a 2.
L’anno successivo, il 1996, la franchigia di New York metterà in fila i Texas Rangers (3-1 nelle AL Division Series), i Baltimore Orioles (4-1 nella finali di AL), e gli Atlanta Braves (4-2 nelle World Series), vincendo per la ventitreesima volta il massimo titolo USA.
Da questa stagione in poi gli Yankees arriveranno sempre alla fase finale del torneo e sempre, ad eccezione del 1997 quando conquistarono la Wild Card, come vincitori della AL Eastern Division (dal 2002 al 2004 con un record di vittorie superiore a 100), e vennero fermati dai Cleveland Indians per 3 gare a 2 nelle AL Division Series. Proprio in quella stagione ci fu la prima sfida ufficiale in regular season tra le due franchigie di New York, ed i Mets rifilarono agli Yankees un sonoro 6-0.
Nel 1998 i Bronx Bombers vinsero le World Series sistemando nell’ordine Texas Rangers 3-0, Cleveland Indians 4-2 e San Diego Padres 4-0. Nel 1999, per la prima volta nella loro storia, le due franchigie arrivarono insieme alle post-season: gli Yankees vincendo la East Division di AL, ed i Mets con l’ausilio della Wild Card della NL.
Mentre i primi arrivarono alle World Series lasciando al palo ancora i Texas Rangers (3-0) ed i Boston Red Sox (4-1), i secondi persero il ‘pennant” di NL contro i Braves di Atlanta perdendo la serie 4 a 2, dopo aver battuto gli Arizona Diamondbacks nelle Division Series per 3 gare a una. Le World Series che seguirono tra Yanks e gli Atlanta Braves si conclusero con un secco 4-0 a favore della franchigia newyorchese.
Discorso a parte merita il 2000, quando si svolsero le ‘Subway World Series”. I Mets (94-68 in regular season), arrivano all’appuntamento grazie al 3-1 ottenuto contro i San Francisco Giants nelle Division Series, e per 4-1 contro i St. Louis Cardinals che valgono il quarto, e per ora ultimo, ‘pennant” di NL nella storia della franchigia.
Gli Yankees (87-74 in regular season), grazie alle vittorie sugli Oakland A’s (3-2), vanno a valanga anche contro i Seattle Mariners (4-2), match questo che gli vale il titolo di campione nella AL. Gara 1 si gioca nel Bronx e si chiude al 12° inning con il risultato di 4-3 per i padroni di casa dopo che i Yankees si erano portati sul 2-0 al sesto, avevano subito il ritorno dei cugini al 7° andando sotto 3-2 per poi pareggiare al 9° sul 3-3.
Gara 2 ancora a favore dei Bronx Bombers che rifilano un tranquillo 6-0 fino all’ottavo per poi rischiare la rimonta al nono quando i Mets segnano 5 punti. Le finali si spostano nel Queens dove la squadra di casa si impone per 4-2 in gara 3 ma perde 3-2 in gara 4 e 4-2 in gara 5. Gli Yankees vincono le loro ultime World Series, i Mets non sono ancora tornati a partecipare alle post-season.
Nel 2001, dopo aver vinto il pennant di AL, grazie alla vittoria sui Seattle Mariners per 4-1, i Yankees perdono le World Series 4-3 contro gli Arizona Diamondbacks di Randy ‘Big Unit” Johnson, che proprio quest’anno è diventato un giocatore dei Yanks.
Nel 2002 toccherà agli Anaheim Angels eliminare i favoriti newyorkesi per 3-1 nella AL Division Series. Ancora una sconfitta nelle finali di World Series nel 2003, che saranno anche le ultime disputate dalla compagine del Mister, Joe Torre. Stavolta a sconfiggerli saranno i Florida Marlins che si aggiudicheranno la serie per 4-2. Agli Yankees la soddisfazione di aver vinto il trentanovesimo, ed ultimo per ora, titolo di American League ai danni dei rivalissimi Boston Red Sox con un successo di 4 gare a 3.
La scorsa stagione, infine, si è ripetuta la finale di American League contro i Red Sox, ma stavolta il momento culminante è stato molto diverso. Dopo aver vinto le prime tre gare, New York si è fatta rimontare perdendo le quattro gare successive. Anche questo è un record da aggiungere alla squadra che ha infranto ogni tipo di primato. Ad oggi, con un palmares di 26 campionati e 39 titoli di ‘American League Champion”, gli Yankees sono la squadra che ha vinto di più nel mondo del baseball professionistico statunitense.

Andrea Tolla
Informazioni su Andrea Tolla 504 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.