Proseguono i contatti con la Major

Incontro tecnico per il Mondiale 2006 e per la gestione del marchio Italia.

Nel pomeriggio di giovedì scorso è stato aggiunto un altro tassello a quel complesso mosaico che si sta rivelando il rapporto fra la Federazione Italiana Baseball e Softball e la Major League Baseball.
Come comunicato dall'Ufficio Stampa della FIBS, a Roma si sono incontrati da una parte il Presidente Riccardo Fraccari, il Segretario Marcello Standoli, i Responsabili comunicazione Riccardo Schiroli e marketing Marco Landi, e dall’altra, insieme Dan Bonanno e Clive Russell, rispettivamente Responsabili MLB per l’Italia e l’Europa, la Vicepresidente ‘International licensing and sponsorship” Shawn Cummings e la Direttrice esecutiva del settore, Deidra Varona.
Come ha raccontato a Baseball.it Marco Landi, l’incontro, l’ennesimo di una lunga serie, è servito essenzialmente per approfondire due temi sui quali da tempo si sta lavorando.
Il primo è quello del nascente progetto di un torneo mondiale per squadre nazionali organizzato dalla Major League, sul quale a Park Avenue sono particolarmente interessati a conoscere preventivamente il parere definitivo dell’Italia, ormai eletta a partner di riferimento per i rapporti con il Vecchio Continente.
Fraccari ha su questo tema ribadito grandissimo interesse, sottolineandone l’importanza ai fini di uno sviluppo della notorietà della disciplina anche nei paesi in cui è meno sviluppata a patto che siano messe in campo le squadre più competitive possibili, ovvero dando la possibilità a ciascuna di chiamare tutti i talenti dalle leghe professionistiche (vedremo quindi giocatori come Piazza, Baldelli e Simontacchi in azzurro!? n.d.r.).
In questo modo il torneo potrà giocare anche un ruolo importantissimo a sostegno della permanenza del baseball nell’ambito delle discipline olimpiche.
Com’è abitudine delle grandi aziende, MLB si sta già oggi muovendo, oltre che sul piano organizzativo, anche su quello della gestione dei marchi, dell’immagine delle squadre e delle sponsorizzazioni, nella prospettiva di creare un evento che sia fonte di risorse per tutte le squadre invitate, oltre che di promozione sportiva: in questo senso la Signora Cummings ha voluto sondare la disponibilità della FIBS e accennare un primo confronto sul progetto.
È stato poi ulteriormente approfondito un secondo aspetto, a scadenza molto più ravvicinata.
Il pool dei marchi storicamente vicini alla Major League Baseball infatti, ha da tempo dichiarato il proprio interesse nei confronti del baseball e del softball azzurri in particolare.
Proprio grazie all’interessamento di Clive Russell e del settore guidato da Shawn Cummings importanti novità potrebbero essere annunciate fra pochi giorni in questo senso, dopo gli ulteriori approfondimenti trattati nella giornata di giovedi'.
Un nuovo appuntamento è stato comunque fissato per la metà del mese di ottobre a ridosso dell'Assemblea elettiva.
Si dà quindi per scontato che la “politica” del Baseball Italiano continuerà sulla strada intrapresa con la Major.
Personalmente me lo auguro.
Chiunque guiderà dal 25 ottobre prossimo le sorti del Baseball tricolore non potrà assolutamente perdere questa opportunità.

Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.