La Danesi fa suo anche il secondo derby

Vittoria per 9 a 4 contro un Elettron molto combattiva

Doveva essere una manifesta inferiorità, almeno così sembrava dalle prime riprese di gioco, ed invece è più sofferta del previsto la seconda vittoria della Danesi Nettuno nel derby contro l'Elettron Anzio. Il 9 a 4 finale premia ancora una volta la formazione di Bagialemani, che è stata abile e cinica a segnare molto nelle prime riprese e ad amministrare poi il vantaggio sino al termine.
I verdazzurri iniziano infatti a spron battuto e al primo si portano immediadamente sul 4 a 0, grazie quattro valide sul partente Perogio (tra cui i singoli consecutivi di MIller, D'Auria e Mazzanti) e due errori della difesa. Al secondo un singolo di Martins spinge a casa Paoletti per il 5 a 0, dopo che l'esterno nettunese era andato in base su palla mancata dopo uno strike out. 6 a 0 al terzo, doppio al centro direttamente sulla recizione del lunghissimo diamante di Anzio ad opera di Peppe Mazzanti, che poi tocca il piatto su rimbalzante di D'Auria.
Nella seconda parte del terzo si vede finalmente anche l'Elettron, base a Bosco che arriva in seconda su lancio pazzo del partente Diego Ricci e singolo di Franco per il 6 a 1. Al quarto attacco il Nettuno allunga ancora, due basi consecutive a Candela e Martins e il singolo di Peppe Mazzanti valgono il 7 a 1.
Sembrava una partita avviata ad una chiusura anticipata, ed invece l'attacco del Nettuno si blocca ed esce al contrario quello di casa, che si rifà pericolosamente sotto. Al quarto, con basi cariche, Candela all'esterno centro viene ingannato dal sole e lascia passare quella che sembrava una volata di Tavarez che vale il 7 a 3. Al quinto sempre Tavarez con un singolo spinge a casa Imperiali per il 7 a 4. Poi però più nulla, dal sesto in poi Mariani e Salciccia tengono a bada i biancazzurri, e anzi il Nettuno allunga segnando l'8 a 4 su doppia rubata settimo inning, e all'ottavo segnando il punto del definitivo 9 a 4. Finisce con la vittoria del Nettuno, che come spesso accade batte meno dell'avversaria, e va registrata anche la 37esima base rubata della stagione di Franck Candela, che in serata avrà l'opportunità di avvicinare ulteriormente il primato.

Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.