Boston Red Sox, più vivi che mai

Allungano la striscia vincente a quota 9 con il 4-3 di stanotte e completano lo sweep di 3 successi sugli Anaheim Angels– Che sfida tra i dominicani Pujols e Beltre: 43 HR

Boston, sempre Boston, fortissimamente Boston. Sulle ali dell’entusiasmo per aver recuperato quasi del tutto da metà agosto ad oggi il distacco di circa 10 partite dagli acerrimi rivali newyorchesi, sempre più con il fiato sul collo, i Boston Red Sox ormai sono un vero e proprio caterpillar. Anche ieri sera gli uomini di Terry Francona hanno centrato l’ennesima importante vittoria, 4-3 sugli Anaheim Angels (diretti competitors per la wild card dell’AMERICAN LEAGUE) completando lo sweep di 3 successi sul roster allenato da Mike Scioscia. Ha girato a dovere sul mound Derek Lowe che per oltre 7 riprese ha tenuto ha freno gli Angels che invece, al contrario, non sono risusciti a bloccare le sfuriate offensive di Johnny Damon (3/4) e Manny Ramirez (3 punti prodotti).
L’umiliante 22-0 di martedì brucia ancora ed i New York Yankees si sono presi una piccola rivincita sui Cleveland Indians infliggendo loro un 9-1 che non lascia spazio a recriminazioni di sorta. Gary Sheffield ha sganciato 3 valide pesanti per altrettanti punti, A-Rod ha tuonato con il fuoricampo numero 33, Jon Lieber ha sfoderato 7 riprese magistrali.
Trionfano in casa anche i Minnesota Twins, primi nella AL Central: 2-0 sui Texas Rangers in un match dominato dai lanciatori con lo shut-out di Brad Radke ed i 9 strike-outs totalizzati.
Brilla la stella di Ichiro Suzuki nonostante l’8-6 patito dai suoi Seattle Mariners contro i Toronto Blue Jays: l’outfielder nipponico, 56 valide ad agosto (eguagliato il record assoluto di hits mensili detenuto dal 1936 da Roy Weatherly), ne ha messe a segno altre 3 salendo complessivamente a 217, quindi a –29 dal record assoluto stagionale di 257 stabilito nel 1920 da George Sisler. Impressionante anche il .374 di media battuta di Suzuki. Se quel tris non è bastato ai Mariners, sono stati determinanti invece per Toronto le lunghe battute di Orlando Hudson e Vernon Wells.
I 3 punti di Miguel Tejada e le 7 lineari riprese di Erik Bedard lanciano i Baltimore Orioles verso il successo esterno sui Tampa Bay Devil Rays (13-2) al sesto stop di seguito. L’interbase dominicano è il leader assoluto negli RBI (121).
Sempre in trasferta, 4-2 degli Oakland Athletics (in testa alla AL West) sui Chicago White Sox. Mark Redman è vincente sul monte di lancio ed ha la meglio sull’ex-Yankee Contreras.

Nella NATIONAL LEAGUE, settima affermazione per i Florida Marlins con Carl Pavano che ottiene la sedicesima vittoria stagionale grazie al 9-6 allo Shea Stadium contro i New York Mets. Damion Easley e Juan Encarnacion insieme battono 6 punti a casa per i campioni in carica, ma anche il rookie dei Mets David Wright si destreggia ottimamente con ben 2 fuoricampo.
Mazza ‘caliente” quella del dominicano Adrian Beltre che contro i malcapitati Arizona Diamondbacks sguaina il 43esimo homerun stagionale permettendo ai Los Angeles Dodgers di portare a casa un proficuo 8-4. Sul risultato finale pesano come un macigno i 4 errori di Arizona. Prima vittoria in Major League per Yhency Brazoban, 37esima salvezza per Eric Gagne.
A Beltre risponde alla grande il connazionale Albert Pujols con un brillante 4/4 ed il fuoricampo numero 43 al primo inning che mette coraggio ai St. Louis Cardinals contro i San Diego Padres, battuti alla fine 7-2. Anche Jim Edmonds legna duro al primo inning e chiuderà con 3 RBI.
E’ Vinny Castilla l’uomo chiave del 6-5 con cui i Colorado Rockies hanno sconfitto i San Francisco Giants espugnando il Pacific Bell Park. Castilla ha battuto un fuoricampo da 2 punti, Chacon ha effettuato la 32esima salvezza dopo le 7 belle riprese di Joe Kennedy. Letteralmente demolito Jason Schmidt che nonostante le 15 vittorie stagionali ha dovuto abbandonare dopo 4.1 riprese con 6 punti subiti e 8 valide. Concessa la 98esima base intenzionale a Barry Bonds (record assoluto) a cui mancano 4 fuoricampo per raggiungere quota 700.
Ben Sheets concede solo 4 valide e riesce a conquistare il suo primo successo dopo la All-Star Game, Bill Hall spinge ben 4 punti a casa ed i Milwaukee Brewers rintuzzano 7-1 i Pittsburgh Pirates in uno scontro tra nobili decadute.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.